bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Dialoghi in corso. “L’attualità del male”, l’orrore dei lager libici.

Fonte internet

Fonte internet

00052356-lager-libico

Fonte internet

2_libia

Fonte internet

Migrants look out from behind the bars of a cell at the detention centre in Garian, Libya, Tuesday 31 January 2017. The Garian detention centre, located 70 kilometres south of Tripoli, was constructed in 2006 following an agreement between the Italian and Libyan governments in an attempt to stem the flow of migrants reaching Italy. When UNICEF visited the centre on 31 January 2017, the population consisted of 27 women (four of whom were pregnant), one 11-month old child, a four year old, as well as 1,352 men - of which 250 were under the age of 16. The centre is at the crossroads of areas controlled by different militias fighting with each other: the Warshafana, the militias of Tripoli and the militias who support Haftar in Benghazi. For this reason it is a very dangerous centre, for officers who work there and for migrants in detention. The detention centre is currently managed by the Libyan National Army, and most migrants remain there for a period of 8 to 10 months according to the manager Abdalhamad Altunisa. "Children are often alone, they cross 2000 kilometres of desert without their families, and they are rescued at sea without documentsî, said Altunisia ìthis makes it difficult for us to know their real nationality and age. Before 2014 we brought them back to the border between Nigeria and Libya to take them back to their countries, but after the last civil war it was much more difficult. Those areas are dangerous even for usî. Migrants who were being held in the cells said they are rarely allowed out. Many of the those being held are sick, and some detainees are said to have passed away because they have no access to medical care. The director of the centre, Altunisa, said "the official government [of Sarraj] does not give us the money to pay salaries and to pay those who bring us food. So often we do not have enough food or drinking water. This winter was particularly cold and in recent weeks 15 migrants froze to death." Libya is a country in turm

Fonte internet

di Maria Concetta Tringali

“L’attualità del male”” è un volume pubblicato da Edizioni SEB 27, a cura di Maurizio Veglio, avvocato esperto di diritto dell’immigrazione. Esce a novembre del 2018 e comincia a innescare polemiche come micce. La scelta del titolo (specie nel sottotitolo), è già un faro puntato: “la Libia dei Lager è verità processuale”.

Il libro è scritto a più mani, centotrenta pagine che raccolgono una serie di interventi su fatti di estrema attualità politica. Le firme sono di autorevoli giuristi – tra cui Alberto Pasquero, Pierpaolo Rivello, Lorenzo Trucco e Piergiorgio Weiss – e di uno psicanalista ed etnoclinico, Fabrice Olivier Dubosc. Al centro, l’orrore dei campi di detenzione. Domenico Quirico che scrive la prefazione definisce quello che sta accadendo, al di là e al di qua del Mediterraneo, con toni netti – «Questa è la disgrazia del mondo» – e parla di «seconda morte dell’Occidente dopo l’apocalisse dei totalitarismi».

Di naufraghi in cerca di un porto sicuro è pieno il mare. Di questi giorni è la notizia della Sea Watch 3 e della sua capitana coraggiosa, costretta a forzare il blocco navale italiano di fronte a Lampedusa, per condurre sulla terra ferma 42 migranti, costretti al largo da oltre due settimane e in una situazione di comprensibile stremo delle forze.

Il tentativo di Veglio va dunque a toccare un nervo scoperto. L’intento è quello di mettere nero su bianco cosa sia la Libia dei giorni nostri, senza infingimenti e a cominciare da un punto di partenza che si rivela senz’altro privilegiato: una sentenza della Corte d’Assise di Milano che, condannando all’ergastolo uno degli aguzzini del campo di Bani Walid, ci porta fin dentro all’orrore dei lager libici. Crimini efferati, compiuti in un clima di impunità che sembra destinata a rimanere assoluta.

Per rispondere a chi quel volume lo ha attaccato sin da subito, va detto che sebbene quella sentenza non abbia ancora la forza del giudicato, essa è nondimeno depositaria di una prima verità processuale, confermata in grado d’appello il 30 marzo scorso.

A venire fuori, pagina dopo pagina, un’umanità dimenticata, reietta e violata che sembra restituirci – a molti decenni di distanza – la vergogna di quell’altra umanità, sterminata nei campi di concentramento nazisti.

Nell’Europa dei diritti umani, uomini e donne senza più diritti. E a dirlo adesso non è più la moltitudine di voci sparse, di testimoni e giornalisti, ma sono gli esiti di una lunga ed articolata istruttoria consacrati, per la prima volta, in un provvedimento dell’autorità giudiziaria italiana.

La novità è questa e può essere esplosiva. Al centro c’è in fondo una materia che scotta, c’è la questione dei migranti. Attorno a quella, i numeri degli sbarchi, la politica europea e italiana incarnata oggi da Salvini che guida il governo dei decreti sicurezza, incorruttibile solo sulla ineluttabilità dei porti chiusi. Ma c’è di più. Ci sono gli accordi internazionali, l’operazione Sofia, c’è il pacchetto Libia «approntato dall’Unione Europea per stabilizzare e armare il proprio buttafuori alla porta meridionale del continente» ci dice quel volume.

La forza del libro dirompe dapprima quando dà conto della formazione e dell’addestramento che il nostro Paese fornisce alla Guardia costiera libica, mentre fa guerra aperta alle Ong. Siamo a Taranto ed è l’autunno di due anni fa, la scena si svolge alla Scuola Sottufficiali della marina militare. Il piano narrativo è il primo nel quale ci si imbatte. «A fine agosto 2017 Associated Press diffonde la notizia per cui il Governo di accordo nazionale presieduto da al-Serraj avrebbe pagato la milizia di Ahmed Dabbashi e quella guidata dal fratello (Brigade 48) allo scopo di interrompere il flusso di profughi. L’accordo sarebbe stato concluso direttamente da rappresentanti delle autorità italiane, da cui sarebbero provenuti i fondi: “i trafficanti di ieri sono i poliziotti di oggi”». Arriva presto, quindi, anche la denuncia.

E Veglio lo dice senza remore: lo scopo ultimo, la preoccupazione di chi comanda in Italia e in Europa è bloccare le partenze, per ridurre gli arrivi. Una sottrazione: meno naufraghi, meno immigrati; di fatto sono esseri umani ridotti a numeri.

Siamo stati abituati a ragionale di diritto di asilo (è nostra la Costituzione che al terzo comma dell’art. 10 riconosce che «lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d’asilo nel territorio della Repubblica, secondo le condizioni stabilite dalla legge») e di status di rifugiato, come di protezione internazionale.

Bisogna dire che il quadro interno è oggi molto cambiato. Da ultimo, sotto i colpi del governo gialloverde e della maggioranza che quello sottende, il legislatore ha espunto dal sistema perfino la protezione umanitaria; si è scelta una tipizzazione che rende ai più deboli complicato anche solo sperare di riceverla, una qualche forma di tutela.

Il libro si rivela subito un atto di accusa, limpido e senza sconti ed è rivolto ad ognuno di noi, perché «Non possiamo più ignorare». L’intervento di Piergiorgio Weiss arriva appena dopo l’introduzione. Lui è l’avvocato che in quel processo ha rappresentato l’Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione (ASGI), costituitasi parte civile. «Non possiamo più permetterci di ignorare che vi siano campi di raccolta di esseri umani sorvegliati da uomini armati, chiusi di notte con delle catene, circondati da mura dove all’interno le persone detenute vivono a centinaia, donne insieme agli uomini e ai bambini, rinchiusi in precarie condizioni igieniche, dormendo per terra con un solo bagno in comune, scarsamente alimentati, picchiati quotidianamente, con pugni, calci, bastoni, spranghe di ferro fino a provocare molteplici fratture e persino la morte, ustionati da sacchetti di plastica posti sulla schiena delle vittime facendo colare la plastica liquefatta e incandescente sul corpo, con la presenza di vere e proprie stanze delle torture dove si usano scariche elettriche, frustate e tecniche di agonia prolungata come l’abbandono sotto il sole sino alla disidratazione. Non possiamo più fingere di non sapere delle molteplici ed efferate violenze sessuali nei confronti di ragazze anche di minore età, ancor più atroci data la condizione di infibulate delle vittime».

Ma il punto di rottura è forse uno snodo. Chiama in causa tutti i governi del continente, fregiatosi per anni di essere la culla dei diritti umani. Alcuni giudici, diversi mesi dopo la sentenza di Milano, lo hanno scritto. Lo ha fatto ad esempio il GIP presso il Tribunale di Ragusa, sulla vicenda Open Arms del marzo 2018, quando ha dissequestrato la nave, sul presupposto che per salvare non basti raccogliere dal mare, ma occorra un passaggio ulteriore. Il punto rimane quello, tanto oggi – nei giorni della capitana coraggiosa (una donna, giovane e fiera) della Sea Watch 3 – quanto ieri: salvare è condurre i naufraghi in un porto sicuro. E Tripoli, si legge, è «luogo in cui avvengono gravi violazioni dei diritti umani». Identiche conclusioni ce le ha appena consegnate la Corte d’Assiste di Agrigento, in una decisione del 22 giugno scorso: la Libia è luogo disseminato di campi e centri di raccolta dove i migranti restano reclusi, prigionieri di veri e propri lager.

Ecco, è allora forse il caso di dirlo: la forza del libro curato da Maurizio Veglio sta proprio nell’Attualità del male.

 

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>