bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 10 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
giugno 2022
L M M G V S D
« Mag    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Viaggio emozionale e musicale nella memoria del territorio Ecco il libro di Palanca sul dialetto Si intitola “Amore amore, cosa m’hai fatto fare”, pubblicato da Lo Specchio

20210730_100627

Uscito fresco di stampa per l’Associazione lo Specchio l’ultimo lavoro del portorecanatese Lino Palanca, “Amore amore, che m’hai fatto fare… Canti delle campagne osimane raccolti da Leonello Spada” sarà presentato domani alle ore 21,00 presso il Chiostro di San Francesco Osimo.

Interverranno all’evento l’Assessore alla Cutura del Comune di Osimo Mauro Pellegrini e il Presidente […]

Continua a leggere Viaggio emozionale e musicale nella memoria del territorio Ecco il libro di Palanca sul dialetto Si intitola “Amore amore, cosa m’hai fatto fare”, pubblicato da Lo Specchio

“Cose di casa nostra” (21). Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più . V – Z

GARDINI INEDITO

di Lino Palanca

Dialetto e usanze, storie e storielle che accompagnano il nostro crescere civile. Il tutto pescato qua e là, senza pretese.

Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più [1].

V – Z

valìa – sostantivo femminile, ‘calma di breve durata’ del flusso ondoso del vento durante una burrasca; […]

Continua a leggere “Cose di casa nostra” (21). Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più . V – Z

“Cose di casa nostra” (20) Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più . T – U

ARMATA SE NE VA

di Lino Palanca

Dialetto e usanze, storie e storielle che accompagnano il nostro crescere civile. Il tutto pescato qua e là, senza pretese.

Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più [1].

T – U

tabàcculu – sostantivo maschile, ‘addetto alla stalla’; latino stàbulum da cui un probabile popolare stabùlucum; vedi il […]

Continua a leggere “Cose di casa nostra” (20) Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più . T – U

“Cose di casa nostra” (19) Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più . S

lino

di Lino Palanca

Dialetto e usanze, storie e storielle che accompagnano il nostro crescere civile. Il tutto pescato qua e là, senza pretese.

Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più [1]. S

sàgrema – sostantivo femminile, ‘goccia’, avanzo di liquidi: dàmmene ‘na sàgrema, dammene un goccio; incrocio tra il latino ipsa […]

Continua a leggere “Cose di casa nostra” (19) Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più . S

“Cose di casa nostra” (18). Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più . Q – R

CANTI POPOLARI

di Lino Palanca

Dialetto e usanze, storie e storielle che accompagnano il nostro crescere civile. Il tutto pescato qua e là, senza pretese.

Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più [1].

Q – R

quacquarèlla – sostantivo femminile, ‘fanghiglia’, melma, poltiglia acquosa; da un diminutivo popolare di acqua (acquerèlla) incrociato con […]

Continua a leggere “Cose di casa nostra” (18). Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più . Q – R

“Cose di casa nostra” (17). Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più . P

PORTORECANATESI - X IX E XX SECOLO

di Lino Palanca

Dialetto e usanze, storie e storielle che accompagnano il nostro crescere civile. Il tutto pescato qua e là, senza pretese.

Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più [1]. P

paiccià’ – verbo, ‘scherzare’: e scì, che tu paìcci!, tu non scherzi davvero (anche: perché mi rinfacci cose […]

Continua a leggere “Cose di casa nostra” (17). Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più . P

“Cose di casa nostra” (16). Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più.

GARDINI TEATRO

 

di Lino Palanca

Dialetto e usanze, storie e storielle che accompagnano il nostro crescere civile. Il tutto pescato qua e là, senza pretese.

Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più [1].

N – O

Di tanto in tanto ci si fa notare che negli elenchi manca questa o quella parola. […]

Continua a leggere “Cose di casa nostra” (16). Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più.

Sulle tracce di Dante nella poesia dialettale

giuseppe-tontodonati

giuseppe-tontodonati

Dante, il Sommo Poeta, nei versi del poeta Giuseppe Tontodonati tradotti da Ottaviano Giannangeli

Nel 2021 ricorrono i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, il Sommo Poeta, all’anagrafe Durate Alighiero nato a Firenze nel 1265 e morto a Ravenna nel 1321. In tutto il mondo sono in corso iniziative per ricordare […]

Continua a leggere Sulle tracce di Dante nella poesia dialettale

“Cose di casa nostra” (14) Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più . I – L

ENCICLOPEDICO

di Lino Palanca

Dialetto e usanze, storie e storielle che accompagnano il nostro crescere civile. Il tutto pescato qua e là, senza pretese.

Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più [1]. I – L

‘ìcciu – sostantivo maschile, ‘zoppetto’, cionco, sciancato, esteso per burla a chi cammina in modo non […]

Continua a leggere “Cose di casa nostra” (14) Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più . I – L

“Cose di casa nostra” (13). Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più . F – G

LENGUA MATRE

di Lino Palanca

Dialetto e usanze, storie e storielle che accompagnano il nostro crescere civile. Il tutto pescato qua e là, senza pretese.

Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più [1].

F – G

falàscu – sostantivo maschile, ‘erba selvatica’, da una voce mediterranea fàla più suffisso ligure in asco; nell’alto […]

Continua a leggere “Cose di casa nostra” (13). Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più . F – G

Porto Recanati Quando la realtà supera la fantasia

Fonte Internet

Fonte Internet

Cercare la notizia, verificarla e tradurla in modo comprensibile ai propri lettori è una delle regole che è alla base del lavoro di un giornalista. In genere non è un lavorodifficile. Basta osservare le regole della deontologia professionale, metterci un po’ di impegno, avere un grande rispetto per i propri lettori ma […]

Continua a leggere Porto Recanati Quando la realtà supera la fantasia

‘Na storia,’ na città Vicende civitanovesi in vernacolo Seconda Parte

nastoria

Li Portesi

Dopo i saccheggi operati dai fermani e le vicende legate al ducato di Giuliano Cesarini, la vita riprende con rinnovata speranza e fiducia. Gli antichi abitanti di Cluana, ora Civitas Nova, Civitanova, ritornano all’antico lavoro della pesca: “- E rcumingiava, co’ lo jì a pescà’! / E quésso adè ‘mbortande de sapéllo / […]

Continua a leggere ‘Na storia,’ na città Vicende civitanovesi in vernacolo Seconda Parte

Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più “Cose di casa nostra” (12)

LENGUA MATRE

di Lino Palanca

Dialetto e usanze, storie e storielle che accompagnano il nostro crescere civile. Il tutto pescato qua e là, senza pretese.

Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più [1].

D – E

dinghilló – sostantivo maschile, ‘perditempo, lento e svogliato nel fare le cose’; probabile incrocio tra ddìndulu (tacchino) e […]

Continua a leggere Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più “Cose di casa nostra” (12)

“Cose di casa nostra” (11) Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più

testa di uomo con mento sporgente – alamy stock photo

“Cose di casa nostra” (11)

di Lino Palanca

Dialetto e usanze, storie e storielle che accompagnano il nostro crescere civile. Il tutto pescato qua e là, senza pretese.

Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più [1].

C

<<<<<>>>>>

calùma – sostantivo […]

Continua a leggere “Cose di casa nostra” (11) Dialetto del Porto: voci strane, perdute, ignote ai più

‘Na storia, ‘na città Vicende civitanovesi in vernacolo Prima Parte

nastoria

Raimondo Giustozzi

‘Na storia, ‘na città (una storia, una città) è il secondo libro di poesie di Sandro Bella, pubblicato nel 1991. E’ un vero poemetto dedicato alla storia di Civitanova Marche, con settantadue sonetti in versi endecasillabi, distribuiti in venticinque paragrafi, legati in modo magistrale l’uno all’altro dalla narrazione sempre briosa. Ci si accorge […]

Continua a leggere ‘Na storia, ‘na città Vicende civitanovesi in vernacolo Prima Parte

“Cose di casa nostra” (10). Dialetto e usanze, storie e storielle che accompagnano il nostro crescere civile. Il tutto pescato qua e là, senza pretese.

Fonte internet

di Lino Palanca

Dialetto e usanze, storie e storielle che accompagnano il nostro crescere civile. Il tutto pescato qua e là, senza pretese.

Alcune parole del dialetto in disuso, strane, perdute, ignote ai più.

A-B [1]

accàscu – locuzione, dipendenza, dipendere da qualcuno anche nel senso di essere in sua balìa, èsse’ a l’accàscu […]

Continua a leggere “Cose di casa nostra” (10). Dialetto e usanze, storie e storielle che accompagnano il nostro crescere civile. Il tutto pescato qua e là, senza pretese.

Li “Portesi” Poesie in vernacolo civitanovese

Li Portesi

di Raimondo Giustozzi

Li “Portesi” è un’altra raccolta di poesie in dialetto civitanovese di Sandro Bella. Li Portesi sono gli abitanti di Porto Civitanova. Finito di stampare nel mese di maggio 2007, con il generoso contributo del Centro del Collezionismo, il libro contiene ben quarantanove poesie. Nostalgia per un passato che vive solo nel ricordo […]

Continua a leggere Li “Portesi” Poesie in vernacolo civitanovese

Radiosa Speranza Poesie di Pasquale Tocchetto

Copertina Spiragli di Luce

di Raimondo Giustozzi

Anche in tempi di pandemia, la poesia non è fuga dalla realtà ma invito a vivere la fragilità della vita umana con piena consapevolezza. Non è un vaccino, come rilevava in un articolo Vivian Lamarque, pubblicato su questo sito il 22.03.2021, ma anche i versi sullo smartphone possono dare conforto. Non è […]

Continua a leggere Radiosa Speranza Poesie di Pasquale Tocchetto

“Cose di casa nostra” – 7 Sindaci, manca il n° 1.

la foto di Giovanni Lucangeli è tratta dal n. 10 della rivista “Potentia-Archivi di Porto Recanati e dintorni”

la foto di Giovanni Lucangeli è tratta dal n. 10 della rivista “Potentia-Archivi di Porto Recanati e dintorni”

di Lino Palanca

Dialetto e usanze, storie e storielle che accompagnano il nostro crescere civile. Il tutto pescato qua e là, senza pretese.

Sindaci, manca il n° 1.

 

Anni fa mi venne mostrata una lista […]

Continua a leggere “Cose di casa nostra” – 7 Sindaci, manca il n° 1.

Dialetto. “Cose di casa nostra” – 3

foto sito abebooks.it

foto sito abebooks.it

di Lino Palanca

Come a suo tempo promesso cambiamo territorio e veniamo a quello di casa nostra. Dialetto e usanze e storielle che accompagnano il nostro crescere civile. Il tutto pescato qua e là, senza pretese.

Il vino

Tra i vocaboli riportati dal marchigiano del XVIII secolo di Giuseppantonio Compagnoni […]

Continua a leggere Dialetto. “Cose di casa nostra” – 3

“Cose di casa nostra” – 2

foto dal sito Il cittadino di Recanati

foto dal sito Il cittadino di Recanati

di Lino Palanca

Come a suo tempo promesso cambiamo territorio e veniamo a quello di casa nostra. Dialetto e usanze e storielle che accompagnano il nostro crescere civile.

PAROLE e regolette

* ‘mbadurlà’

Perdere tempo, trattenersi più del necessario con una persona o in un luogo, magari […]

Continua a leggere “Cose di casa nostra” – 2

Lo vérroccio Il leggendario carro agricolo delle nostre campagne.

Giogo e fiancata biroccio

di Raimondo Giustozzi

Pasquale Tocchetto prima di scrivere si documentava sempre. Quando non trovava informazioni sui libri, andava direttamente dagli artigiani. Raggiungeva e conversava con contadini, calzolai, falegnami, calderai, carradori, fabbri, maniscalchi, muratori, carpentieri. Annotava termini dialettali, tecniche di lavorazione, parti del manufatto, esperienze delle diverse professioni. Trascriveva tutto con meticolosità e pazienza certosina. Preziosa […]

Continua a leggere Lo vérroccio Il leggendario carro agricolo delle nostre campagne.

Versus Magazine. Voci dal mondo popolare Ricordo e nostalgia del passato nella poesia dialettale

San Valentino

di Raimondo Giustozzi

“Quand’anni adè ppassati!… Mòoomma miiia!!”. “Quanti an in pasaa, te se recordet”. Sono i primi versi di due poesie dialettali lontane geograficamente. La prima apre l’antologia di poesie in vernacolo civitanovese: “C’era ‘na ‘orda… a Portocitanò” di Sandro Bella. La seconda, dal titolo “Minestrun Frecc”, è di un poeta brianzolo. Non hanno […]

Continua a leggere Versus Magazine. Voci dal mondo popolare Ricordo e nostalgia del passato nella poesia dialettale

I cognomi meticci nello sport e il tifo nazionale

Fonte internet

Fonte internet

di Valerio Calzolaio

 

Nel tennis, sia in ambito maschile che in quello femminile, si usa un termine giornalistico, mutuato dal gioco del bridge,Grande Slam. Lì a carte designa il colpo massimo realizzabile, qui a pallate indica la vittoria dei quattro Slam o Major, itornei di tennis più importanti disputati annualmente, con […]

Continua a leggere I cognomi meticci nello sport e il tifo nazionale

Aurelio Ciarrocchi Le Commedie … e che checcosardro

Aurelio Ciarrocchi Le Commedie e checcosardro

di Raimondo Giustozzi

“Il mio primo incontro col poeta Ciarrocchi risale all’adolescenza, allorché curiosando nella soffitta di mio nonno, Aurelio Paolini, rinvenni, tra polverosi libri, una copia di Nzalata mestecanza, la prima delle sue pubblicazioni ufficiali. Fu il mio primo incontro col dialetto, inteso non più come parole senza pretese, buttate là nel parlare […]

Continua a leggere Aurelio Ciarrocchi Le Commedie … e che checcosardro

Dialetto, dolce poesia spirituale. A Senigallia. Machì so’ nat’ di Franco Patonico.

Copertina Libro FRANCO PATONICO

di STEFANO BARDI

Marche, regione dall’antica storia con numerose tracce storico-archeologiche ancora oggi visibili e territorio composto da montagne, colline pianeggianti, pianure costiere e valli fluviali. Rilievi questi che dividono le Marche in due fasce: Appennino settentrionale (marne e arenarie) e Appennino centrale (sedimenti calcarei). Promontori caratterizzati da fiumi calcarei, gole rocciose, solchi vallivi […]

Continua a leggere Dialetto, dolce poesia spirituale. A Senigallia. Machì so’ nat’ di Franco Patonico.

Cultura. La filanda e la cascina risicola a confronto Filandere e mondine

Cascina Veneria (Vercelli)

 

Il lavoro nella filanda ha rappresentato per la donna una prima emancipazione ma diversa da quella vissuta dalla stessa nella cascina risicola. Dopo le dure ore di lavoro, soggetto a controlli anche maniacali, la donna, che lavorava in filanda, ritornava ogni sera nella propria casa di origine. Grossi contingenti di donne percorrevano, il […]

Continua a leggere Cultura. La filanda e la cascina risicola a confronto Filandere e mondine

Cultura. “Le undici di notte e l’aria oscura..”, Stornelli sotto una finestra

1-COIPERTINA

Copertina del libro “Le undici di notte e l’aria oscura..” di Lino Palanca

di Lino Palanca

Lo stornello è un canto popolare, tre versi, composto da un quinario seguito da due endecasillabi (rima A – B – A). Questo lo schema classico, che poi nell’uso popolare non è sempre stato rispettato. Spesso l’incipit è […]

Continua a leggere Cultura. “Le undici di notte e l’aria oscura..”, Stornelli sotto una finestra

Porto Recanati. Diasilla (Dies irae)

Copertina del libro "Le undici di notte e l'aria oscura.." di Lino Palanca

Copertina del libro “Le undici di notte e l’aria oscura..” di Lino Palanca

 

di Lino Palanca

In chiesa i nostri maggiori si trovavano sovente a dover usare il latino, in prosa e in versi cantati. Certo, lo facevano a modo loro. Non che volessero scherzarci su, è solo che si trattava di un […]

Continua a leggere Porto Recanati. Diasilla (Dies irae)

Porto Recanati. Quadretti nostrani di Lino Palanca

Nemesio Castellani - foto Portorecanatesi.it

Nemesio Castellani – foto Portorecanatesi.it

di lino palanca

 

Zi’ Nemezio il Trentino

Le sue ultime estati le ha passate in tournée. Come altro si possono chiamare le esibizioni di zì Nemesio Castellani, detto il Trentino, nei vicoli e negli slarghi del paese? Zì Nemesio si scalmanava in balli e danze che conosceva solo […]

Continua a leggere Porto Recanati. Quadretti nostrani di Lino Palanca

Cultura. Saperi e sapori della Porto Recanati d’antan

FOTO

Foto internet

 

di Lino Palanca

Chi abitava, negli anni ’50 del secolo scorso, al terminale nord di via san Giovanni Bosco, dove Nicola Bianchi teneva il ristorante del Mago del Brodetto, all’incrocio con via Manin, sentirà ancora nell’aria la danza dei profumi seducenti di quella cucina. Si diffondevano soavi già a partire dalla […]

Continua a leggere Cultura. Saperi e sapori della Porto Recanati d’antan

Cultura. Poesia dotta, poesia popolare … o poesia tout court?

Top-002

 

Lino Palanca

La letteratura popolare nasconde sovente autentici capolavori, ai quali manca nient’altro che un nome noto in calce. Il che pone, per servirsi di un termine nato con gli studi omerici, la questione delle origini: a capo di un testo, musicato o no, c’è un persona che l’ha pensato e creato oppure […]

Continua a leggere Cultura. Poesia dotta, poesia popolare … o poesia tout court?

Antonio Zoppetti : Contro l’invasione degli anglicismi, difendiamo l’italiano

Fonte internet

Fonte internet

intervista a Antonio Zoppetti di Giacomo Russo Spena – Articolo tratto da MicroMega

Da flat tax a jobs act, da spending review a premier, da mobbing a stalking, nel nostro vocabolario sono entrati sempre più termini inglesi tanto da mettere in pericolo la nostra lingua. Dati alla mano, lo denuncia l’insegnante e […]

Continua a leggere Antonio Zoppetti : Contro l’invasione degli anglicismi, difendiamo l’italiano

La nostra terra. I giorni della merla

1-merlo-cover-1217

 

Secondo un’antica tradizione, il ventinove, trenta, trentuno Gennaio sono i giorni più freddi dell’anno. Una volta, quando la neve imprigionava vaste distese di terra e la vita rallentava il respiro per riesplodere vigorosa in Primavera, la stalla era luogo d’incontro, ma anche di lavoro. I contadini, con paziente competenza costruivano canestri di vimini, […]

Continua a leggere La nostra terra. I giorni della merla

Dialetto in pillole – 62. Parole loretane con la U – V – Z

La strega di Biancaneve

Un po’ di voci loretane e modi di dire collegati, presenti nel glossario “Parlà loretano” (1994), di Augusto Castellani. Li ripropongo così come li ha scritti lui, magistrale interprete del dialetto della “felix civitas lauretana”; di mio ci sono solo alcune osservazioni sull’etimologia e i riferimenti letterari. Questa è una selezione; Castellani, di vocaboli, ne […]

Continua a leggere Dialetto in pillole – 62. Parole loretane con la U – V – Z