bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 10 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
agosto: 2021
L M M G V S D
« Lug   Set »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Addio a Jack Hirschman, il poeta della controcultura Usa.

33780779_10212396061352983_1689722627683254272_nOspite a Porto Recanati grazie a “I concerti della Domenica”

di Giampiero Marras

 Amava ripetere che la responsabilità dei veri poeti è “lottare contro le ingiustizie e stare vicino alle istanze dei poveri del mondo”. Domenica è morto a San Francisco Jack Hirschman. Attivissimo, a dispetto degli 87 anni, il grande poeta continuava a girare per i festival, ma quelli fatti nelle piazze, nei circoli, per le strade, nelle periferie, in mezzo alla gente. Ben lontano dai salotti e dal business letterario. Da professore della prestigiosa università UCLA aveva dato a tutti i suoi studenti una “A”, il massimo del voto, per aiutarli a evitare l’arruolamento nella Guerra in Vietnam che contestava duramente. Accostato alla Beat Generation, dove aveva diversi amici, ma vicino alle idee più radicali di movimenti come il Black Panther Party, nel 1980 aderì al Communist Labor Party, divenendo un “attivista culturale” e collaborando con un gruppo di “poeti attivisti” per una dozzina d’anni. Ha scritto oltre cento libri di poesie e tradotto alcuni grandi colleghi come Majakovskij, Heidegger, Neruda e Pasolini, per il quale nutriva sconfinata ammirazione. Da oltre una decina d’anni era di casa in Sardegna, grazie agli inviti a diverse edizioni di “Progetto Ottobre in Poesia”, festival dedicato alla poesia, ideato da Leonardo Omar Onida. Un festival partito da Sassari ma che poi ha fatto diverse tappe nei centri del Nord Sardegna. E ogni volta la presenza di Jack Hirschman regalava momenti indimenticabili. Era sposato con Agneta Falk, poetessa e artista anglo-svedese, anche lei ospite di Progetto Ottobre in Poesia. Jack Hirschman è stato anche ospite, nel 2017, di Marina Cafè Noir dove aveva presentato “L’Arcano del Viêtnam”, libro scritto nel 1972, rifiutato da vari editori, perduto per tanti anni e infine ritrovato: un punto nodale nella formazione e nella costruzione della sua coscienza letteraria, poetica e politica. Atto di accusa e di partecipazione, l’opera scaturisce in un momento tragico della storia degli Stati Uniti che ha profondamente ferito l’animo di un’intera generazione, incrinando definitivamente il “sogno americano”.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>