newsletter

Specchiomagazine Libri

 
Specchiomagazine Libri Incontro tra storie e lettori
Gruppo Facebook · 3 membri
Iscriviti al gruppo
 

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

Dialetto in pillole (13) ‘mbadurlàsse

Le allegre comari di Windsor (Ass.ne Culturale Il Nodo)

Le allegre comari di Windsor (Ass.ne Culturale Il Nodo)

– ‘mbadurlà’, perdere tempo, usato soprattutto nella forma pronominale ‘mbadurlàsse. Nel dizionario portolotto “Fàttu pe’ descùre” (1996) si fa derivare il vocabolo dall’italiano battolare, che vale chiacchierare. Alfredo Panzini nel suo “Dizionario Moderno” (1905) registra la voce romagnola badarellarsi, con significato di giocare, trastullarsi. Entrambe le voci potrebbero essere tratte dal latino volgare batàre (stare a bocca aperta, cioè indugiare, stare fermo per non saper che cosa fare – vedi il vocabolario del dialetto portorecanatese “Léngua Màtre”, 2010), con mutazione di consonante T>D, che gli esperti chiamano “lenizione”, fenomeno tipico di molte lingue e dialetti, e un probabile incrocio con baloccarsi. Un processo che si è verificato anche nel provenzale dove batàre ha dato luogo a badar da cui il francese badaud, già impiegato da Rabelais nel 1532 nel senso di colui che resta a bocca aperta. Nel francese moderno un badaud è il passante che si attarda a guardare con curiosità qualunque cosa accada sulla sua strada. Come da noi, colui che se ‘mbadùrla.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>