bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 10 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
giugno 2022
L M M G V S D
« Mag    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Testimoni di fede, pace e giustizia: Don Lorenzo Milani.

di Raimondo GiustozziDon Milani, testimone di fede, pace e giustizia

“Ridare ai poveri la parola, perché senza la parola non c’è dignità e quindi neanche libertà e giustizia: questo insegna don Milani. Ed è la parola che potrà aprire la strada alla piena cittadinanza nella società, mediante il lavoro, e alla piena appartenenza alla Chiesa, con una fede consapevole” (Papa Francesco, Vicchio del Mugello, 20 giugno 2017). “La fede, scrive un giovanissimo don Lorenzo Milani in Esperienze Pastorali non è qualcosa da infilare alla prima occasione nei discorsi, ma un modo di vivere e di pensare” (don Luigi Ciotti, in M. Lancisi, don Milani, la vita, pp. 8-9 Piemme, Milano, 2015). “Là dove i superiori pensavano di arginare un uomo”- mandandolo nell’esilio di Barbiana – “essi gli crearono il piedistallo adatto. Ecco i paradossi che Dio prepara per i suoi servi migliori” (Padre Ernesto Balducci, Il profeta don Milani, in “Io e don Milani”, Edizioni San Paolo, Aprile 2017). “Alcune esternazioni di don Milani lasciavano impietriti, come le voci dei profeti i quali non conoscono sfumature di sorta. E’ Dio che detta a loro certe condanne? Sembra di dover rispondere affermativamente” (mons. Loris Capovilla, Famiglia Cristiana, 05 marzo 2017, Internet).

“Nella religione ortodossa esistono Gli stolti in Cristo. Sono asceti o monaci russi che abbandonano la sapienza umana per scegliere la “sapienza del cuore”. Ancor oggi, presenti sul territorio russo, si aggirano per le città vestiti di stracci, mortificando il corpo attraverso digiuni, lunghe veglie e dormendo all’aperto o nelle case di chi offre loro ospitalità” (Fonte Internet). Chissà se in questi tempi sarà loro permesso di girare per le piazze di Mosca. “Insegnaci a contare i nostri giorni / e giungeremo alla sapienza del cuore” (Salmo 89).

“I folli di Dio” è il titolo di un libro scritto da Mario Lancisi, dedicato a don Lorenzo Milani, al cardinale Elia Dalla Costa, don Giulio Facibeni, Giorgio La Pira, padre Ernesto Balducci, Padre Davide Maria Turoldo, padre Vannucci. Nella spiritualità russa, sono i portatori di una sapienza che vive nella stoltezza. Ma con questa espressione sono indicati anche gli esponenti della Chiesa cristiana nella Firenze del dopoguerra. Non ci sono più persone di quei livelli e tutti siamo più poveri.

L’Unità Pastorale Cristo Re – San Pietro di Civitanova Marche propone per venerdì 24 giugno 2022, alle ore 21,15 presso la sala parrocchiale don Lino Ramini, una conferenza su don Lorenzo Milani: testimone di fede, pace e giustizia. Introdurrà il tema della serata don Mario Colabianchi, parroco dell’Unità Pastorale Cristo Re – San Pietro. Aldo Caporaletti, promotore culturale e curatore dell’incontro, presenterà gli ospiti e l’iniziativa.

Verrà dato spazio al discorso che Papa Francesco tenne il 20 giugno 2017 in occasione della visita alla tomba di don Lorenzo Milani, sepolto nel piccolo cimitero di Barbiana.

Paolo Landi, ex allievo di don Milani alla Scuola di Barbiana, relazionerà sul tema: don Milani, l’uomo, l’educatore, il profeta.  L’attrice Emilia Bacaro, voce recitante, leggerà alcuni brani scelti dalle lettere di don Milani, sottolineando il tema della forza della parola nel pensiero milaniano. La voce solista Maria Cristina Domenella, soprano, eseguirà il brano I Care di Aleandro Baldi.

I testi letti dalla voce solista verranno presi dalla Lettera ai cappellani militari, dalla lettera ai giudici, dalla Lettera a una professoressa, dal contatto epistolare con il cardinale di Firenze, Ermenegildo Florit e dal testamento di don Milani ai ragazzi di Barbiana. Ho allegato anche alcuni link che contengono articoli pubblicati sulla Voce delle Marche e sullo Specchio Magazine sul contenuto di questi documenti. Ho voluto anche riportare l’articolo su un libro, l’unico scritto da don Milani, Esperienze Pastorali. Per quanto riguarda le lettere alla mamma rimando alla nuova edizione delle Lettere alla Mamma, pubblicata nel 1990 e curata da Giuseppe Bettelli, oltre a portare a 432 il corpus complessivo degli scritti in oggetto, rispetto ai 176 pezzi già noti, pubblicati da Alice Weiss nel 1973, è una miniera di notizie su tutto il mondo che gravita attorno a don Milani dal 1943 al 1967; bella è la recensione che Corrado Stajano pubblicava in “Corriere Cultura” nell’aprile del 1990, dal titolo “Don Milani, dalla parte dei poveri”, con il sommario: Maestro. Parroco. Contestatore. Un credente del nostro tempo e l’occhiello “Alla mamma. Lettere 1943- 1967 in edizione integrale. Autobiografia del prete di Barbiana”.

 

Finalmente, dopo anni di attesa, quelli che amano il priore di Barbiana possono leggere l’opera omnia di don Lorenzo Milani per l’editore Mondadori, collana Meridiani. In due volumi sono raccolti tutti gli scritti di don Milani (comprese le lettere di don Lorenzo Milani priore di Barbiana pubblicate nel 1977, prima edizione curata da Michele Gesualdi). Il lavoro editoriale è stato possibile grazie alla passione dello storico Alberto Melloni e di Federico Ruozzi nonché di altri storici e filologi come Anna Carfora, Sergio Tanzarella e Valentina Oldano, che hanno lavorato al progetto per ben dieci anni.

 

Michele Gesualdi (Bovino, 21 dicembre 1943- Calenzano, 18 gennaio 2018) è stato uno dei primi sei ragazzi per i quali don Lorenzo Milani organizzò nella canonica di Barbiana la scuola nel 1956. Dopo la morte del priore, Gesualdi ha lavorato in Germania, presso una fabbrica metal meccanica, ha fatto il sindacalista a Milano e a Firenze come segretario generale della CISL. E’ stato anche per due legislature presidente della Provincia di Firenze dal 1995 al 2004. Al termine dei mandati amministrativi è ritornato sulle sue colline di Barbiana in Mugello. E’ stato presidente della Fondazione don Lorenzo Milani. Ha pubblicato: Lettere di don Lorenzo Milani priore di Barbiana (2007), Il ponte di Luciano (2008), Perché mi hai chiamato? (2013), don Lorenzo Milani: L’esilio di Barbiana, Milano, 2016. Riposa nel piccolo cimitero di Barbiana accanto alla tomba di don Lorenzo Milani.

 

Link

Lettera ai cappellani militari

https://www.lavocedellemarche.it/2017/06/il-primato-della-coscienza-sulla-cieca-obbedienza/

Lettera ai giudici

https://www.lavocedellemarche.it/2017/07/lobbedienza-non-e-piu-una-virtu/

Lettera a una professoressa

http://www.specchiomagazine.it/2017/08/letture-don-lorenzo-milani-ribelle-obbedientissimo/

Esperienze pastorali

http://www.specchiomagazine.it/2017/08/cultura-esperienze-pastorali-appunti-per-una-recensione/

Malattia e morte di don Lorenzo Milani

https://www.lavocedellemarche.it/2017/02/dalla-parte-degli-ultimi/

Raimondo Giustozzi

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>