bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 10 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
marzo 2022
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Dialoghi in corso. I media internazionali stanno abusando dell’eroismo dei giornalisti ucraini

IPI-Ukraine-two-journalists-killed

IPI-Ukraine-two-journalists-killed

Mentre i media internazionali cercano di coprire l’orrore dell’attacco della Russia all’Ucraina, stanno deludendo le persone che li stanno aiutando a farlo: giornalisti e produttori ucraini

Di Alik Sardarian

Una settimana prima che la Russia iniziasse la sua invasione su vasta scala dell’Ucraina, stavo lavorando come produttore locale per un canale televisivo britannico.

Seduti in un bel ristorante a Mariupol, io e i miei colleghi abbiamo discusso dei potenziali scenari su come si sarebbe svolta l’invasione. In generale, la conversazione si riduceva alla frase “potrebbe essere uno spettacolo di merda di una battaglia” e al fatto che oggi anche i corrispondenti militari più esperti non hanno mai affrontato uno scontro tra eserciti convenzionali e ben equipaggiati.

La guerra che sta devastando le città ucraine è una nuova sfida per tutti coloro che lavorano nei media. L’esperienza di precedenti conflitti è quasi irrilevante. Dopo il 24 febbraio, l’esperto di sicurezza con cui stavamo lavorando è tornato a casa in Irlanda per alcuni giorni: si è reso conto che tutti i suoi protocolli di sicurezza per i giornalisti dovevano essere rivisti. Nessuno dei suoi lavori precedenti – Iraq, Siria, Libia, Sudan – è stato adeguato per guidare i giornalisti su come agire in mezzo a due eserciti europei che combattono una guerra terrestre e aerea.

Detto questo, lavorare come giornalista straniero è relativamente facile in Ucraina. Molte persone parlano lingue europee. Puoi arrivare a Kiev, diciamo, dal Belgio in uno o due giorni in aereo o in treno: non devi entrare di nascosto come la giornalista di guerra Marie Colvin in Siria. Dal mio punto di vista, c’è una chiara divisione tra i buoni ei cattivi in questa guerra – e non c’è bisogno di approfondire il contesto politico. Il fatto che stiamo vivendo una guerra così vasta in Europa ti aiuterà sicuramente a vendere qualsiasi articolo o altro lavoro. Per fare una storia di successo, basta uscire per le strade di Kharkiv e parlare con la prima persona che incontri.

Questo è il motivo per cui la guerra della Russia contro l’Ucraina ha attratto tutti: giornalisti dei principali media internazionali, scrittori e fotografi freelance, documentaristi di ogni tipo. La maggior parte di queste persone sono unite da un fattore: non possono fare quasi nulla da sole.

È difficile trovare e finire una storia se non conosci la lingua e non sai nemmeno fare domande. I giornalisti stranieri hanno bisogno di buoni produttori locali per fornire competenze linguistiche, comprensione culturale e regionale e contatti sul campo. I locali pieni di risorse e ben informati che assistono i giornalisti stranieri sono spesso chiamati “riparatori”, che penso sia un termine umiliante e stupido.

Per i produttori ucraini, lavorare per una grande organizzazione mediatica internazionale è un buon modo per garantire almeno un po’ di sicurezza e stabilità finanziaria. In un mondo ideale, i giornalisti occidentali ei loro colleghi locali si sosterrebbero e si rispetterebbero a vicenda.

Ma in pratica è quasi il contrario. A un mese dall’inizio di questa guerra, possiamo vedere che i giornalisti occidentali, anche se non tutti, e non in ogni occasione, mostrano regolarmente mancanza di rispetto ai loro colleghi ucraini. Trascurano la sicurezza dei colleghi ucraini. Violano tutti i possibili standard etici, che, 20 o 30 anni dopo, insegneranno a giovani studenti di giornalismo da qualche parte nel Missouri o a Londra.

“Sei fortunato che abbiamo avuto un giubbotto antiproiettile di scorta”, hanno detto i giornalisti di un importante canale televisivo italiano a un mio conoscente, un produttore locale. “È un tuo problema che non ne hai uno. Andiamo a Kharkiv”. Questi giornalisti hanno respinto l’idea di dover fornire un kit di protezione per il conducente. Il mio collega ha rifiutato di lavorare per loro in queste condizioni.

Alcuni giornalisti occidentali sembrano avere un senso di diritto basato sull’idea che lavorano meglio dei loro omologhi ucraini.

I giornalisti di un importante canale televisivo americano hanno chiesto a un altro gruppo di giornalisti ucraini: “Perché non vuoi andare a Mariupol con un convoglio umanitario? È così importante mostrare cosa sta succedendo lì”.

Questi giornalisti americani non capiscono che il produttore e l’autista – perché hanno passaporti ucraini – non verranno lasciati passare i checkpoint russi, ma verranno invece fermati e interrogati dagli agenti dell’FSB.

Non capiscono che avere un giornalista che viaggia con un convoglio umanitario ucraino è visto come un aumento del rischio che venga preso di mira dalle forze russe.

Spesso vogliono registrare una ‘standup’, in cui un giornalista televisivo appare davanti alla telecamera per raccontare una storia sullo sfondo di una città in rovina. Dicono che vogliono farlo perché è “importante”, ma questa non è la storia completa. Il vero motivo per cui vogliono fare una rissa nel bel mezzo di combattimenti attivi, che rappresenta un rischio inutile per un’intera squadra di giornalisti, è che aumenta la probabilità che questo particolare giornalista riceva un premio o un contratto migliorato a casa – per aver mostrato ‘coraggio’ e un senso di ‘sacrificio’, o qualche altra parola vuota.

Alcuni giornalisti occidentali sembrano avere un senso di diritto basato sull’idea che lavorano meglio dei loro omologhi ucraini. Eppure, dopo l’invasione russa, sono stati i giornalisti ucraini Yevhen Maloletka e Mstislav Chernov a riuscire a coprire qualcosa che nessun altro poteva: erano gli unici giornalisti che lavoravano attivamente a Mariupol mentre la città era stata assediata dalle forze russe. Sono riusciti a documentare per l’Associated Press il bombardamento dell’ospedale di maternità di Mariupol e, grazie a loro, il mondo intero ha visto cosa stava succedendo lì. Quando si vede il lavoro svolto da Maloletka e Chernov a Mariupol, tutti i tentativi di raggiungere questa città assediata sotto continui bombardamenti per filmare quello che equivale a porno di guerra sembrano futili e basati principalmente sul desiderio dei giornalisti di mettersi in mostra.

La morte della produttrice ucraina Oleksandra Kuvshynova e del cameraman irlandese di Fox News Pierre Zakrzewski in un bombardamento russo il 14 marzo alla periferia di Kiev è un esempio calzante. C’è da chiedersi perché il team di Fox News abbia ritenuto opportuno recarsi in un luogo così pericoloso per interviste e reportage. Uno dei miei colleghi, un collega produttore, ha visto il filmato che il team ha girato dopo che era stato recuperato da una telecamera che non aveva subito alcun danno ed era dell’opinione, che condivido, che avrebbe potuto essere facilmente girato al centro di Kiev. In questo senso, Fox ha le mani insanguinate per la morte di Kuvshynova. L’unica differenza, se il team Fox avesse filmato a Kiev, sarebbe stata l’assenza di spari automatici in sottofondo. Ma c’è una pressione sui giornalisti, in particolare i giornalisti televisivi, per essere il più vicino possibile a dove si trova l’azione per creare immagini forti, che contribuiranno ad alti ascolti televisivi (e guadagneranno qualche elogio ai giornalisti).

Non sono rimasto scioccato nell’apprendere che molti dei principali media hanno una lunga storia di deludenti esperti locali. Alcuni giornalisti stranieri sono famosi perché molti dei loro produttori locali sono morti mentre lavoravano per loro.

Ma sono rimasto scioccato dal cinismo con cui i media internazionali sfruttano i produttori e gli esperti ucraini. La guerra della Russia è già in corso da più di un mese e gli editori internazionali sembrano preoccupati che l’interesse del loro pubblico per il conflitto possa svanire

La reazione di Fox News alla morte di Oleksandra Kuvshynova è stata sorprendente. In primo luogo, la rete ha ritardato l’annuncio della sua morte, che in seguito hanno affermato fosse stato fatto in modo da poter informare la sua famiglia. Poi Fox l’ha nominata “consulente”, piuttosto che giornalista e hanno continuato a riferirsi a lei con il suo soprannome, Sasha, che sembrava irrispettoso. Era come se non fosse morto il loro collega, ma semplicemente un conoscente di Kiev. I produttori locali generalmente non ricevono riconoscimenti per il loro contributo essenziale alla rendicontazione. Il caso di Kuvshynova ha chiarito che questa mancanza di riconoscimento continua quando muoiono.

Il comportamento di molti colleghi internazionali (che lavorano per i media occidentali, mediorientali o asiatici) in merito alla sicurezza è semplicemente poco professionale e irresponsabile. Questi sono alcuni dei problemi principali:

Alcuni giornalisti non cercano giubbotti antiproiettile, elmetti e kit di pronto soccorso finché non arrivano in Ucraina, come se non avessero idea di dove stessero andando

Non ascoltano gli avvertimenti dei produttori locali sul livello di pericolo, anche se questi produttori sono quelli che conoscono la geografia locale e comunicano con l’esercito e i volontari ucraini

Non pagano il compenso pattuito, o contraggono, come se contrattassero per i pomodori al mercato

Chiedono che i produttori locali si trovino in situazioni pericolose senza un vero obiettivo

Non capiscono che possono scegliere se trovarsi in una zona di guerra. I giornalisti ucraini non hanno questa scelta

E, soprattutto, non capiscono il fatto ovvio che sono più al sicuro ovunque a causa dei loro passaporti stranieri, contratti a lungo termine e assicurazioni

C’è poco che gli ucraini possono fare per impedire ai giornalisti occidentali e alle testate per cui lavorano di commettere questi errori. Quindi incoraggio i loro colleghi nella comunità dei media internazionali a parlare e denunciare questi comportamenti inaccettabili.

Naturalmente, il rapporto tra giornalisti stranieri e riparatori locali si basa su uno squilibrio di potere. Quando un produttore esperto dice che non viaggerà in posti pericolosi, è sempre possibile assumere un insegnante di inglese locale che andrà ovunque per metà dei soldi, o un giovane studente di giornalismo. Per molti, il giornalismo è ancora una ricerca maschilista di gloria ed eroismo, e i dispacci di Ernest Hemingway dalla guerra civile spagnola rimangono un modello fino ad oggi. E proprio come i personaggi dei film che hanno visto, questo insegnante o studente neoassunto andrà all’inferno senza un giubbotto antiproiettile. I nostri colleghi che vogliono giocare hardcore dicono solo: “Andrà tutto bene, non imbottigliarlo”.

Le linee guida per la segnalazione di situazioni pericolose, comprese le zone di conflitto, esistono da molto tempo. Alcuni media aderiscono a loro e si preoccupano davvero del benessere dei propri dipendenti, che si tratti di un giornalista di Londra o di un produttore locale di Dnipro. Quando un esperto di sicurezza si toglie il giubbotto antiproiettile e lo dà al proprio autista ucraino semplicemente perché capisce che la mancanza di un giubbotto antiproiettile aggiuntivo è una sua responsabilità e che il conducente non dovrebbe essere esposto a ulteriori pericoli a causa di ciò, è un inizio.

Ma dobbiamo esigere che tutti i media internazionali aderiscano a questi principi. Altrimenti, il bilancio delle vittime dei giornalisti in Ucraina aumenterà ogni settimana. La guerra della Russia è già in corso da più di un mese e gli editori internazionali sembrano preoccupati che l’interesse del loro pubblico per il conflitto possa svanire. La città di Leopoli, nell’Ucraina occidentale, che è lontana dalla prima linea e dove risiedono molti giornalisti, non è più sufficiente per loro. Vogliono sangue, morte e sparatorie. E probabilmente lo prenderanno. C’è poco che gli ucraini possono fare per impedire ai giornalisti occidentali e alle testate per cui lavorano di commettere questi errori. Quindi incoraggio i loro colleghi nella comunità dei media internazionali a parlare e denunciare questi comportamenti inaccettabili.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>