bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 10 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
aprile: 2019
L M M G V S D
« Mar   Mag »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Fotografia. ‘Il cielo sopra Berlino’, pura poesia visiva di Wim Wenders.

1-1165831

Fonte Cultura Inquieta

Ci sono film che ci rendono migliori, che ci riconciliano con la vita, che ci danno speranza. Chi crede negli angeli?

Il cielo sopra Berlino apre il sipario con una città divisa, in bianco e nero, e custodita da esseri celesti. Un buon inizio per i sognatori.

Fonte Cultura Inquieta

Fonte Cultura Inquieta

Wim Wenders immagina gli angeli come esseri immateriali in funzione eterna come spettatori. Vuole assumere che sembrano adulti di età indefinita avvolti in cappotti pesanti e lunghi, ci vedono e ci ascoltano, leggere le nostre menti ei nostri pensieri caccia costantemente momenti in cui il nostro spirito emerge e miracolo aria scivola lungo il atmosfera, camuffata da pura casualità.

Quando Wim Wenders voleva dipingerlo ventotto anni fa, questa città non era solo un’altra, ma ce n’erano due. Due città grigie punteggiate di spazi aperti dove prima venivano costruiti gli edifici più sontuosi d’Europa.

1-cielo-sobre-berlin-018

Nella visione di Wenders, Berlino è sorvegliata da angeli che fanno il possibile per consolare gli abitanti di questo particolare purgatorio di spazi deserti e muri insormontabili. Gli angeli sono gli unici che possono trasferirli a loro capriccio, e grazie a loro godiamo di una visione onnisciente e meditativa della città.

La telecamera di Henri Alekan li segue in aria e ai piedi della strada per mostrarci luoghi emblematici della città, pietre miliari del tempo preservate da ricordare e altre in procinto di scomparire.

 

Appena due anni dopo le riprese cadde il muro e Berlino tornò a mostrare il suo status di capitale della Germania riunificata, arrendendosi ad un processo faraonico di ricostruzione urbana che dura fino ad oggi.

Forse intuendo ciò che stava arrivando, Wenders era disposto a documentare la città di quel tempo, incorniciato in una riflessione sul tempo, sull’accettazione del passato e sulla felicità del cambiamento.

Potresti accusare il tuo film di avere una discussione lassa, una sceneggiatura a volte forzata e un ritmo lento.

Ma importa?

È necessario giudicare il cielo sopra Berlino con questi parametri?

Il film ci offre la città com’era allora, il lampo di bellezza di ciò che sta per scomparire. Oggi non c’è quasi traccia delle barriere che lo legano. Camminare attraverso i siti che Wenders ha filmato a volte è difficile concili

 

are le loro immagini con ciò che vediamo.

“Quando il bambino era un bambino, camminava a braccia aperte.

Volevo che il torrente fosse un fiume, il fiume un torrente e la pozzanghera del mare.

Quando il bambino era un ragazzo, non sapeva che era un ragazzo, tutto in lui era gioia.

Tutto sembrava pieno di vita e tutte le anime erano una sola.

Quando il bambino era un bambino, non aveva opinioni su nulla, non aveva costumi, […] e non faceva mai una smorfia quando faceva le foto “.

by Cultura Inquieta

 

1-wim-wenders-wings-of-desire03

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>