bacheca social

Un proiettore per Cinelinguaggi

Le donazioni raccolte attraverso la campagna #unproiettorepercinelinguaggi andranno a sostenere il progetto Cinelinguaggi per l'anno 2019. Una raccolta fondi finalizzata all'acquisto di apparecchiature adeguate all'iniziativa: un proiettore digitale con impianto audio. Ti chiediamo di prendere in considerazione l'idea di donare 5, 20, 50 euro o quello che puoi, per sostenere il nostro progetto. Puoi aiutarci donando un contributo volontario tramite carta di credito o PayPal. Per effettuare una donazione online, basta avere una carta di credito Visa, MasterCard, Postepay, American Express, Carta Aura, Maestro, Cirrus, ecc. Basta un click. Clicca sul tasto Donazione e segui le istruzioni. Dona ora!

FAI UNA DONAZIONE





Loreto. Teatro Comunale, CASSANDRA Monologo Teatrale di Alessandro Pertosa

unnamed

I temi portanti di questa Cassandra sono quelli del tempo e del rimpianto. Chi ha desiderato ed ottenuto il dono della profezia vive sospeso in un astratto, infinito presente. Per tutti il passato è il regno del rimpianto, il luogo dell’ineluttabile, del già compiuto (“ciò che è fatto non può essere non fatto” – dichiara Lady Macbeth). Ma, per chi ha avuto il dono-dannazione di scorgere con chiarezza oltre il presente, il tema del rimpianto si proietta all’infinito e non v’è nessuna salvezza possibile, neppure nel futuro. Vi è poi un altro tema che è connesso ai precedenti: quello del viaggio, della finzione romanzesca, l’unico concepibile scampo all’inferno della trasparenza. In questo monologo di Alessandro Pertosa la Cassandra mitologica rimane sullo sfondo, presupposta, mentre a svelarsi (e ri-velarsi) è il suo mondo interiore, l’intimo straziante dolore sotteso al conoscere. La schiacciante violenza della verità. [A.A.]

1 commento a Loreto. Teatro Comunale, CASSANDRA Monologo Teatrale di Alessandro Pertosa

  • Giuseppe Farina

    Il problema è che le Cassandre non sono mai gradite : a nessuno piace ascoltare cose sgradevoli sul futuro, anche se si tratta di fatti già sotto gli occhi; si ritiene più tranquillizzante prefigurarsi “magnifiche sorti e progressive”, ingannandosi. (Leopardi)

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>