bacheca social

I Blanche: l’inedito che descrive la felicità di un amore

Un proiettore per Cinelinguaggi

Le donazioni raccolte attraverso la campagna #unproiettorepercinelinguaggi andranno a sostenere il progetto Cinelinguaggi per l'anno 2019. Una raccolta fondi finalizzata all'acquisto di apparecchiature adeguate all'iniziativa: un proiettore digitale con impianto audio. Ti chiediamo di prendere in considerazione l'idea di donare 5, 20, 50 euro o quello che puoi, per sostenere il nostro progetto. Puoi aiutarci donando un contributo volontario tramite carta di credito o PayPal. Per effettuare una donazione online, basta avere una carta di credito Visa, MasterCard, Postepay, American Express, Carta Aura, Maestro, Cirrus, ecc. Basta un click. Clicca sul tasto Donazione e segui le istruzioni. Dona ora!

FAI UNA DONAZIONE





Dialoghi in corso. Il razzismo: né regressione all’istinto, né odio e paura, ma strumento del potere.

 

Pogrom - Dagospia

Pogrom – Dagospia

di Annamaria Rivera

È da almeno trent’anni che studiosi/e italiani/e, avendo posto il tema del razzismo al centro del proprio impegno intellettuale e politico, onde contrastarlo, lo analizzano e ne scrivono come di un fenomeno eminentemente storico, sociale, politico. Per meglio dire, come una costruzione storica peculiare che, nata in Europa in età moderna, ricompare e/o si riattiva in contesti e situazioni determinati.

 

È da altrettanto tempo che essi/e ne individuano il meccanismo centrale nella tendenza a etologizzare il sociale e il culturale, a razzizzare le differenze reali, presunte o del tutto immaginarie di coloro che sono considerati altri: il razzismo antiebraico, quello antislavo e l’antialbanese costituiscono altrettanti esempi del fatto che esso non ha necessariamente come bersagli i differenti, bensì coloro che sono considerati, rappresentati e trattati come tali.

 

Questa scuola di pensiero, che deve molto a correnti francesi, ma anche alla teoria critica francofortese, ha cercato di sottrarre l’analisi del razzismo alle pseudo-teorie che lo interpretavano nella chiave dell’innatismo: cioè come effetto della “naturale” aggressività della specie umana, soprattutto verso i non-appartenenti al proprio gruppo.

 

 

Ed ecco che il 16 aprile scorso, sulle pagine del Manifesto, appare un editoriale dal titolo inequivocabile: “Come uscire dagli spiriti animali per restare umani”. L’autore, il giornalista e scrittore Guido Rampoldi afferma – citando il primatologo Robert M. Sapolsky ed echeggiando, forse inconsapevolmente, tesi alla Konrad Lorenz – che coloro i quali sono “soliti attribuire queste animosità a cause economiche e sociali”, sbagliano clamorosamente: il razzismo è “regressione nelle strutture più antiche del Noi/Loro”, lo abbiamo ereditato dai primati, in particolare dai macachi, i quali sarebbero assai aggressivi verso i simili non appartenenti al proprio gruppo.

 

Sicché al Calderoli che osò insultare come orango la ministra Cécile Kienge si sarebbe dovuto obiettare che “in lui c’è molto del macaco”, scrive Rampoldi. In tal modo egli rovescia, paradossalmente e forse inconsapevolmente, il famoso aforisma di Theodor W. Adorno (Minima moralia, 68): “L’affermazione ricorrente che i selvaggi, i negri, i giapponesi somigliano ad animali, o a scimmie, contiene già la chiave del pogrom”.

 

Oltre tutto, se ciò che il giornalista asserisce avesse qualche fondatezza, come conciliarlo con l’abusata esortazione a “restare umani”? Non sarebbe più coerente con il luogo comune della nostra innata aggressività verso gli altri affermare che dovremmo trascendere gli istinti ereditati dai primati? L’autore dell’articolo se la cava banalmente con “la nostra inarrivabile capacità di correggere l’istinto con i processi cognitivi”.

 

Così si chiude il cerchio del biologismo e dell’innatismo, ma anche dello specismo; e non troppo brillantemente. Anche perché il Nostro sembra ignorare che “i processi cognitivi” non sono dote esclusiva dell’ homo sapiens. Oltre tutto, sorvola su un’altra categoria di ominidi (purtroppo a rischio di estinzione per causa degli umani), che avrebbe smentito la sua tesi sommaria.

 

Alludo ai bonobo, prevalentemente vegetariani, la cui società – secondo Frans de Waal e alcuni altri primatologi – è caratterizzata perlopiù dalla convivenza pacifica, dall’uguaglianza fra maschi e femmine, se non dal matriarcato, da un’esuberante attività sessuale, anche omosessuale, che contribuisce a mitigare tensioni e conflitti all’interno del gruppo, nonché dall’empatia verso gli altri, pure di specie diverse. Dunque, se proprio fossimo alla ricerca di qualche slogan originale da gridare nei cortei, potremmo coniare qualcosa come “Diventiamo bonobo”.

 

La proposta – si sarà capito – è una boutade. Assai seria, invece, è la questione del perché mai nelle manifestazioni antirazziste italiane (soprattutto in quelle contro la strage di profughi nel Mediterraneo) dilaghino cartelli e striscioni che esortano a restare umani, echeggiando la frase del povero Vittorio Arrigoni, pronunciata in tutt’altro contesto. Eppure la nostra specie è probabilmente la sola capace di programmare e attuare deliberatamente torture ed eccidi di massa, stragi e genocidi.

 

E’ da osservare anche come in buona parte del discorso antirazzista corrente (che sia strutturato o spontaneo, pronunciato da taluni dotti o trasposto in slogan) tendano a predominare categorie etiche, per meglio dire moraleggianti, in luogo di quelle politiche: affermare che il razzismo sarebbe frutto dell’odio o della paura suscitati dagli altri appartiene a questa tendenza. All’opposto, categorie politiche quali classismo, neoliberalismo, capitalismo, neocolonialismo, imperialismo, neofascismo, se non sono abbandonate, comunque assai poco si rispecchiano in parole d’ordine.

 

Ed è anche per questa ragione che perlopiù si è incapaci di comprendere la matrice di aggressioni e pogrom verso rom e persone immigrate o rifugiate che si consumano in quartieri popolari urbani, il più delle volte istigati da formazioni di estrema destra. A provocarli non sono già la paura e l’odio, semmai l’incapacità o l’impossibilità di agire il conflitto di classe, anche per responsabilità di una sinistra politica che ha abbandonato quel che un tempo si diceva lavoro di massa. In tal modo, frustrazione e rancore suscitati dalle condizioni sociali che si vivono sono deviati (come ho scritto troppe volte) verso capri espiatori, i più vulnerabili.

 

Per concludere. Al tempo del governo fascio-stellato, che ha fatto del razzismo e dell’autocrazia le sue bandiere, ben altro ci vorrebbe per tentare di arrestare una deriva che ormai sembra volgere verso la catastrofe. Etologizzare o moraleggiare intorno a ciò che è squisitamente politico, oltre che sociale e culturale, non è un gran contributo a frenarla.

1 commento a Dialoghi in corso. Il razzismo: né regressione all’istinto, né odio e paura, ma strumento del potere.

  • Giuseppe Farina

    Non si tratta semplicemente di comportamenti razzisti, individuali o di gruppi sociali, spesso negati come tali con la motivazione-scusa della paura della diversa culturale e religiosa degli stranieri migranti, della loro “propensione a delinquere ed usare violenza”, tutte cose abilmente nutrite da tanta stampa e tv, nonché su Facebook. Si arriva a parlare di concorrenza, di sottrazione, di “rubare il lavoro all’italiano che viene prima”, o di sottrazione di aiuti ed assistenze pubbliche, di sottrazione di servizi e strutture come le case popolari. È chiaro che sul piano politico si sposano le logiche delle classi e degli interessi dominanti: ciò che a voi classi popolari è in qualche modo concesso è una coperta molto corta, dovete farvela bastare, tagliando fuori i più deboli e più poveri in una sorta di selezione sociale malthusiana. Infatti il razzismo, come è già avvenuto in Usa, non si manifesta, se non raramente, nei confronti dello straniero ricco, famoso e potente, ma solo nei confronti del povero e debole, su cui si può infierire in nome della italianità, senza conseguenze. È così evidente come il razzismo, l’odio che esso diffonde, la guerra dei penultimi contro gli ultimi, sono funzionali al sistema capitalistico, al suo sfruttamento delle ” risorse umane”, senza trovare resistenze, riuscendo a deviare il ” conflitto sociale” dalla ” lotta di classe” al conflitto tra italiani e stranieri, tra poveri e più poveri, tra nullatenenti e diseredati, tra stanziali precari e i migranti, gli ultimi vittime di guerre e fame, i più oltraggiati su scala planetaria.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>