bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 10 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Porto Recanati. Granelli di polvere, granelli dorati. Nuovo contributo di Alessandra Gabbanelli

photo

 

Poetessa. Da sempre dedica il tempo libero alla grande passione della sua vita: scrivere! Scrive di tutto: poesie, racconti, saggi. Ha partecipato a diversi eventi letterari  conseguendo, sempre, importanti riconoscimenti.

Granelli di polvere, granelli dorati.

Mi rifugio nel ventre del buio, respiro piano e cerco un punto nelle pieghe della notte.

C’è tanto spazio accanto a me, un abisso di spazio piatto.

Non avverto più, su di me, i tuoi occhi nocciola scheggiati di verde, non il tuo aroma lascivo a lusingarmi le narici, non il tuo tocco a rimescolarmi.

Non percepisco contorni che mi disegnino, sono solo sagoma senza volto, erosa dalla propria insufficienza, troppo alta o troppo bassa, atterrata da forze beffarde, come in un antico sortilegio.

Nascono dentro suoni sommessi, via via più insistenti.

Chi mi chiama? Chi scandisce con affanno il mio nome?

Figure indefinite tendono a me mani scarne, esangui, i volti plumbei, la gola disseccata come fango bruciato.

Sento il loro grido propagarsi nelle viscere e un’onda repentina sferzarmi nel profondo.

Vorrei chiudere gli occhi, allontanarmi da questa marea che mi sovrasta impietosa.

Come sassi fluttuanti, mi battono le ordinarie meschinità, mi stordiscono le indicibili crudeltà che imbrattano la terra.

Visi umani si confondono a volti animali, specchi irriverenti di ipocrisie e avidità senza redenzione.

Sullo sfondo foreste ardenti, traboccanti terrore, presto desolati deserti.

E’ affollata questa notte e densa di rabbia.

Pulsano le piaghe invisibili, ma non possono annientare il sogno che il baratro si colori, a poco a poco, di arbusti rigogliosi, si sazi, finalmente, di rinnovate prospettive e si tramuti, almeno in parte, in un’agorà in cui a ogni vivente sia riconosciuta dignità, la benevolenza divenga abitudine, la giustizia strumento irrinunciabile, il genio maschile e quello femminile siano l’uno accanto all’altro.

Ma tu non svegliarti, non aprire ancora gli occhi su questa esistenza imperfetta.

Porrò accanto a te una coppa colma di spezie, un laico Graal.

So che la ignorerai, la lascerai ai soffi del vento.

Ma chissà, magari qualche granello raggiungerà i tuoi passi.

Ti sembrerà soltanto una lieve brezza mattutina, ma ti accorgerai con stupore che poserà sulla tua pelle minuscole pagliuzze dorate.

 

Alessandra Gabbanelli

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>