bacheca social

“Talk ” conversazioni letterarie per autori indipendenti Domenica 18 novembre h.17.00 Recanati

Mia Immagine

Fette di territorio marchigiano da ambiente incantato a paesaggio deturpato

Porzione di collina invasa dal fotovoltaico. La foto è stata scattata qualche anno fa lungo la strada provinciale per Macerata – Morrovalle, in contrada Santa Lucia di Morrovalle, all’altezza del bivio per la Burella, puntando l’obiettivo oltre la località “Cervare” (Fotografia Raimondo Giustozzi).

Porzione di collina invasa dal fotovoltaico. La foto è stata scattata qualche anno fa lungo la strada provinciale per Macerata – Morrovalle, in contrada Santa Lucia di Morrovalle, all’altezza del bivio per la Burella, puntando l’obiettivo oltre la località “Cervare” (Fotografia Raimondo Giustozzi).

Le Marche come il luogo della “città dell’anima”, luogo di elezione, metafora della civiltà e dell’umanità in generale(Carlo Bo). “Quasi un grande giardino all’Italiana”, definiva Guido Piovene il paesaggio rurale marchigiano nel suo libro “Viaggio in Italia”. Raymond Ellis vedeva nel paesaggio del Fermano – Maceratese uno dei più belli al mondo. Eugenio Corti coglieva nell’ambiente naturale, dunque nel paesaggio, un qualcosa di più bello, “tanto che quasi ogni successivo colpo d’occhio veniva a costituire un bel quadro”. Sono riflessioni databili a soli cinquant’anni fa e fatte da non marchigiani. Oggi, guardando le ferite inferte al paesaggio marchigiano, viene spontaneo chiedersi di cosa stiamo parlando, se dello stesso paesaggio o di un qualcosa d’altro, ma molto diverso. Le colline sono sempre più erose dal sole, prive di vegetazione, dilavate dalla pioggia. I contadini, numi tutelari dell’ambiente naturale, non ci sono più. Quelli che abitano nelle vecchie case coloniche di un tempo non hanno nulla a che fare con la campagna. La terra, quando è coltivata, viene arata, seminata da operatori agricoli e da industriali terrieri che non hanno nessun rapporto con la terra. Le periferie dei paesi e delle città sono sempre più invase da colate di cemento, sottraendo in questo modo cospicue fette di territorio vocato un tempo alle culture più diverse. Mancano gli appartamenti o quelli esistenti nei centri urbani lasciati in un totale stato di abbandono bastano ed avanzano per rispondere alla fame di case? In una congiuntura storica come quella che stiamo attraversando, chi compra poi la casa? Porzioni consistenti del nostro territorio, basta prendere la macchina e girare un po’ per strade poco trafficate, sono lasciate in totale stato di incuria. I campi, con il costo per ararli e seminarli, vengono lasciati a sodo. I fossi sono sempre più coperti da piante infestanti e da rovi. Non ci sono più contadini che controllavano fossati, aprivano canali di scolo, i famosi “aquaticci”, posti a spina di pesce nei campi. Erano i custodi, le sentinelle, le guardie ecologiche volontarie e nemmeno lo sapevano. Ma è stato giusto che tutto fosse finito così. Nulla suggeriva al contadino di rimanere: il medievale patto di mezzadria, solitudine e miseria. Rimane solo la constatazione che la generazione di chi da secoli, da padre in figlio, era legata alla terra, è stata l’ultima e non ce ne sarà un’altra. Ma la storia galoppa e la gestione del territorio di alcuni anni fa, oggi è diventata più problematica. Non si coltivano più le barbabietole, non si mettono più foraggi perché mucche nelle stalle non ce ne sono, ecco allora che sono spuntati come funghi i “Parchi del fotovoltaico”. Fino a poco tempo fa avevamo i parchi archeologici, quelli per il divertimento dedicati ai bambini con l’altalena e lo scivolo, oggi abbiamo questi nuovi parchi. Non si finisce mai di imparare. Le Marche vivono per aria, sospese dentro un’idea di poesia quanto mai libera” – scriveva Carlo Bo (Diego Mormorio, Paesaggi delle Marche nella fotografia del Novecento”, pag.15, Federico Motta Editore, Milano 2001). Carlo Bo si rivolterebbe nella tomba se avesse la possibilità di vedere certi scempi: una collina intera invasa dal fotovoltaico (foto 3). Sì, abbiamo bisogno di energia e pulita, ma è proprio necessario deturpare una intera collina? Molti poi parlano del paesaggio come valore aggiunto al turismo e a quant’altro. Se si ha la necessità di sfruttare l’energia del sole, piazzando nelle campagne i pannelli solari, ma metteteli in luoghi non visibili, in terre marginali, lontane da occhi indiscreti. Certe brutture fanno piangere ed arrabbiare. L’operazione del fotovoltaico a chi giova? A tutti o a pochi? “La Repubblica…tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione” (art. 9 della Costituzione Italiana). Si faccia in fretta a tutelare il paesaggio ed il patrimonio storico ed artistico della Nazione. Conforta la notizia pubblicata su “Il Resto del Carlino”, in data 27 aprile 2013, per la cronaca di Macerata, sul controllo a tappeto degli impianti fotovoltaici. “Fino ad ora su un totale di 90 impianti sparsi nei 57 Comuni, ne sono stati passati al setaccio 39. Tra questi ben 17 non sono risultati conformi alle autorizzazioni e alle prescrizioni imposte dalla Provincia” (Ibidem).

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>