bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


A tutti i nostri lettori

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste un caffè, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
luglio 2024
L M M G V S D
« Giu    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

MACERATA, BUON’ESTATE A PALAZZO BUONACCORSI SABATO 6 LUGLIO CON CESARE CATÀ E PAOLA GIORGI IN GIURA CHE SENZA ME MAI PIÙ GODRAI, LEZIONE-SPETTACOLO SULLE EROIDI DI OVIDIO

Paola GiorgiSabato 6 luglio prosegue a Macerata Buon’Estate, rassegna di arti performative a Palazzo Buonaccorsi promossa dal Comune di Macerata con l’AMAT, il contributo di Regione Marche e MiC.

Alle ore 21 il cortile ospita Giura che senza me mai più godrai, una lezione-spettacolo sulle Eroidi di Ovidio messa in scena da Paola Giorgi e Cesare Catà, anche autore del testo. Letture sceniche, musiche e canto dal vivo affidati a Ludovica Gasparri e Anna Greta Giannotti e uno storytelling critico originale in cui gli spettatori sono accompagnati negli aspetti simbolici, filosofici e letterari del mito, ne fanno un appuntamento atteso capace di un recupero della cultura e della recitazione classiche con l’ironia della stand-up comedy e la forza dell’arte della narrazione.

L’attrice in scena diventa, nel tempo sospeso della lezione-spettacolo, Fillide, Briseide, Fedra, Deianira e Ipermestra, ripercorrendo le parole, gli entusiasmi e i terrori delle immortali Heroides, le lettere in distici elegiaci che il poeta latino Ovidio immaginò essere inviate da alcune eroine abbandonate ai rispettivi uomini lontani. Con un approccio devoto al testo latino, un’inedita traduzione-riscrittura trasforma le lettere delle eroine ovidiane in cinque piccoli monologhi per portare sulla scena le scompaginanti tinte emotive del testo. Vengono così evocati archetipi profondi della psiche umana, quali l’amore e la mancanza, la rabbia e la tenerezza, affrescati stupendamente da Ovidio e ancora presenti prepotentemente nella società globale contemporanea.

 

Informazioni presso biglietteria dei Teatri 0733 230735, AMAT 071 2072439 e prevendite circuito vivaticket, anche on line.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>