bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


A tutti i nostri lettori

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste un caffè, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
luglio 2024
L M M G V S D
« Giu    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

In memoriam La morte di un giovane ucraino arriva tra i messaggi di una chat di amici su WhatsApp

bogdan-1200x770di Viktoriia Lapa

Bogdan Bratanov era un ex pubblico ministero, un padre e un marito. Dall’inizio
dell’offensiva russa si è arruolato al fronte e l’anno scorso ha perso la vita durante un attacco
a Priyutne. Della sua storia, e di quelli di tanti altri, dovremmo ricordarci ogni volta che
sventoliamo la bandiera della pace
Immaginate: siete un giovane europeo, laureato in giurisprudenza in una città universitaria come
Bologna, ottenete un lavoro prestigioso come pubblico ministero. Vi sposate e avete un figlio. Per
discutere di partite di calcio o organizzare riunioni i tuoi compagni di corso create chat su
WhatsApp. Funziona tutto come in Italia, con una differenza: in queste chat può capitare di ricevere
il messaggio che un compagno di classe è stato ucciso al fronte. Ucciso, in prima linea, in Europa,
nel 2023. Sembra surreale che un giovane ex pubblico ministero muoia in trincea nel 2023, ma
questo è uno scenario che può verificarsi se sei ucraino.
Io lo sono, e quella chat di WhatsApp con quell’amico ucciso al fronte ce l’ho. Era Bogdan
Bratanov. Lui come molti altri giovani ucraini ha rinunciato alla sua vita per la libertà, e grazie al
suo sacrificio l’Ucraina sta in piedi e l’Europa ha il tempo di prepararsi per affrontare la Russia. La
sua storia merita di essere ascoltata.
Bogdan non aveva nulla a che fare con la professione militare, ha lavorato come procuratore per
quattro anni nella regione di Kyjiv. Dopo l’invasione russa nelle regioni di Donetsk e Luhansk,
Bogdan si è recato lì a prestare servizio tra il 2015 e il 2016. Al suo ritorno ha iniziato a lavorare
come avvocato e a crescere suo figlio insieme alla moglie.
Tutto sembrava procedere bene: lavorava, praticava pugilato e viaggiava. Poi nel 2022 la Russia ha
deciso per un’invasione su larga scala. Senza alcuna esitazione Bogdan si è diretto all’ufficio di
reclutamento il giorno successivo ed è stato chiamato l’11 marzo 2022, da quel momento ha difeso
con successo la regione di Kharkiv. Ricordo che il giorno della liberazione di Izyum sono corsa a
comprare i giornali italiani per trovare Bogdan nelle foto, perché sapevo che era tra coloro che
avevano contribuito a liberarla.
Dopo quell’operazione ottenne una promozione e venne nominato capo della nuova brigata
costituita per la controffensiva nel sud dell’Ucraina. Bogdan si è sempre dimostrato così vicino ai
suoi soldati che nonostante non fosse chiamato a stare in trincea decideva comunque di andare
insieme ai suoi soldati. Una di queste occasioni gli è stata fatale. Bogdan viene ucciso vicino al
villaggio di Priyutne il 27 giugno 2023.
Il messaggio che annunciava la sua morte su quella chat di WhatsApp è arrivato da un altro
procuratore, suo ex compagno di classe, il 27 giugno 2023: «Oggi è arrivata la triste notizia.
Bogdan è stato ucciso. Vi informerò più tardi sul funerale e sull’orario. Gli eroi sono sempre con
noi! Abbiate rispetto per ogni minuto di libertà, perché ci viene concessa a prezzo della vita».
Questo messaggio voglio trasmetterlo anche a tutti i giovani europei, perché il mio amico Bodgan
avrà per sempre trentaquattro anni.

Spero che tutti i cittadini dell’Unione europea sfruttino a pieno il tempo che il suo sacrificio gli sta
offrendo, perché la Russia non si fermerà, e chissà quali messaggi potrebbero mai arrivare anche
nelle vostre chat.
È difficile per i giovani italiani immaginare che i loro compagni di classe possano perdere la vita
non per una malattia, per un incidente stradale o per un fatto di criminalità, ma a causa di
combattimenti in prima linea. Ma questo è esattamente ciò che la giovane generazione ucraina si
trova ad affrontare combattendo per la libertà, la democrazia e la pace (quella che alcuni europei
credono si possa ottenere sventolando la bandiera “pace”). In realtà, quando sei sotto attacco, la
pace e la libertà devono essere difese non dagli unicorni, ma da persone reali. Quelli come Bogdan,
un ex pubblico ministero trentaquattrenne ucraino. Memoria eterna.

Linkiesta, Esteri, 28 giugno 2024

di Viktoriia Lapa

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>