bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


A tutti i nostri lettori

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste un caffè, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
luglio 2024
L M M G V S D
« Giu    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

5 referendum contro l’autonomia e per il lavoro: la partecipazione diretta dei cittadini

Pink-and-Black-Elegant-Go-Vote-Campaign-Instagram-PostElisabetta Rubini

Già oltre 900 mila firme per i referendum sociali sul lavoro che verranno depositati a metà mese. Ora parte la raccolta delle firme al referendum contro la legge sull’Autonomia che divide l’Italia e ne sacrifica interi territori. Si apre una nuova stagione che riporta al centro la partecipazione attiva dei cittadini. Libertà e Giustizia sottoscrive e partecipa ai comitati che stanno nascendo in tutto il Paese.

 

Con il referendum del  giugno 2006 i cittadini italiani hanno bocciato la riforma costituzionale voluta dai governi Berlusconi, che avrebbe stravolto l’assetto istituzionale del nostro paese.

 

Con il referendum del  dicembre 2016 ancora una volta i cittadini italiani sono stati chiamati a valutare la riforma costituzionale voluta dal governo Renzi e, di nuovo, la hanno respinta a grande maggioranza.

 

Come allora, il tentativo di modificare radicalmente l’organizzazione istituzionale disegnata dalla Costituzione vigente viene oggi operato, con la legge Calderoli sulla cd autonomia differenziata, a colpi di maggioranza  e in assenza di condivisione con le opposizioni.

 

Già solo questo fatto, di voler riscrivere le regole della convivenza civile con spirito partigiano e senza cercare un punto di incontro con i partiti dell’opposizione, configura la legge Calderoli come una iniziativa arrogante e inaccettabile.

 

Le molte preoccupazioni espresse da più parti sulle conseguenze della legge Calderoli, in termini di eguaglianza dei diritti e di coesione sociale, sono state ignorate e irrise dai suoi promotori, in nome di una illusione localistica della quale si fatica a vedere il senso.

Non basta il clamoroso fallimento della Brexit a dimostrare quanto sia irrealistico e persino puerile confidare nel localismo, sempre intriso di un sottofondo razzista?

Sappiamo bene che la legge Calderoli rappresenta, per la Lega, un formidabile strumento propagandistico e, per Meloni, una inevitabile “contropartita”.

 

Ma ben al di là di questi aspetti tattici, ciò che conta è che  la scelta irresponsabile di frantumare la già precaria coesione nazionale rischiamo di pagarla in termini di peggioramento dei servizi sociali, di aumento delle disuguaglianze, di fallimento nella lotta contro la criminalità organizzata e il degrado ambientale.

L’ideologia che sottende il regionalismo – la prevalenza dell’interesse particolare su quello generale –  è in frontale contrasto con la cultura costituzionale che impone di promuovere ovunque il pieno sviluppo delle potenzialità individuali e collettive. Anche da un punto di vista economico, è arduo immaginare come la frammentazione di regole e di condizioni di lavoro possa favorire una crescita equilibrata e indurre investimenti adeguati.

 

Se si guarda ai risultati del regionalismo così come lo conosciamo oggi, a seguito dell’infelice modifica dell’art.117 Cost., non pare vi sia molto di cui gioire: la Sanità devoluta alle Regioni si è tradotta in molti casi in un incremento esponenziale degli operatori privati e in un impoverimento della sanità pubblica. Da un punto di vista politico, si è assistito all’affermarsi di potentati locali, che tendono a riprodursi a prescindere dai loro, scarsi, meriti.

 

Nei giorni scorsi è stato depositato presso la Corte di Cassazione il quesito referendario inteso ad abrogare, ai sensi dell’art. 75 della Costituzione, la legge Calderoli; è un quesito lineare, che mira ad abrogare l’intero disposto legislativo istitutivo della cd. autonomia differenziata e chiede ai cittadini una risposta positiva.

I comitati referendari che si stanno organizzando nel paese provvederanno a raccogliere le 500mila firme necessarie a norma dell’art.75 Cost., per consentire ai cittadini di pronunciarsi direttamente su una legge che travolge l’attuale assetto dei rapporti tra lo Stato e le Regioni. Si tratta di un esercizio fondamentale di democrazia partecipativa, che richiede, trattandosi di referendum abrogativo, che la votazione registri la partecipazione della maggioranza degli aventi diritto e l’approvazione della maggioranza dei voti validi.

 

Ancora una volta, spetta ai cittadini italiani far sentire la loro voce e respingere una prospettiva inadeguata e pericolosa, che anziché offrire soluzioni ai molti problemi del paese  si dispone ad aggravarne le disuguaglianze, in una logica di regressione localistica.

 

Elisabetta Rubini

 

Nata a Milano il 22 ottobre 1956, è sposata e ha due figli. Avvocato civilista, è iscritta a Libertà e Giustizia dal 2002, e nell’ambito dell’associazione si è occupata soprattutto di temi attinenti il funzionamento del servizio giustizia e la disciplina dell’informazione in Italia

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>