bacheca social

versus magazine

FAI UNA DONAZIONE





Peter Lindbergh, il fotografo di immagini imperituro.

1-Lindbergh6

Abbiamo un cuore pesante, il grande Peter Lindbergh ci ha lasciato e gli amanti della fotografia oggi si sentono un po ‘orfani.

“Considerato un pioniere della sua arte, Peter ha saputo ridefinire la fotografia di moda contemporanea e i suoi standard di bellezza sublimando le donne di tutte le età”, ha affermato il suo studio in una nota.

La stessa fonte questa mattina ha pubblicato l’inattesa e desolante notizia della sua morte.

Cultura inquieta

Cultura inquieta

Strettamente legato alla moda, Naomi Campbell, Claudia Schiffer, Cindy Crawford o Linda Evangelista si sono trovate alcune volte di fronte al suo obiettivo, ma anche i personaggi più rilevanti nel cinema o nella cultura.

Quasi sempre in bianco e nero, i ritratti del fotografo non avevano bisogno di altro che abiti di base, che non attiravano l’attenzione (spesso camicie o camicie e jeans bianchi) e una buona luce per catturare la parte più bella e l’anima di ogni singolo una delle persone sedute di fronte a lui.

Lindbergh è stata la fotografa di bellezza nel suo aspetto più puro ed elegante, creatore di immagini che non passeranno mai di moda.

Cultura inquieta

Cultura inquieta

In seguito annesso alla Germania, il fotografo nacque a Lissa (allora appartenente alla Polonia) nel 1944. Figlio di un venditore di caramelle, si recò a Berlino per studiare Belle Arti, innamorandosi della pittura di Van Gogh.

In effetti, è stato seguendo le sue orme che lo ha portato – autostop – ad Arles prima di stabilirsi a Parigi e New York.

Cultura inquieta

Cultura inquieta

Fu lì che andò a lavorare nella rivista Stern al fianco di Helmut Newton o Guy Bourdin, anche se ben presto si distinse dal suo stile.

Uno stile più vicino alla fotografia documentaria, senza artificio e senza colore, come ha spiegato, “quando un viso è vicino alla perfezione, ritraendolo nel colore ne toglie”.

Lindbergh è stato molto critico nei confronti del mondo della moda che ha paragonato “a una mucca che mangia qualcosa, la sputa, la mastica di nuovo e ricomincia”, così come con i canoni di bellezza prevalenti “L’immagine che viene inviata le donne sono scandalose. Con i robot ‘photoshop’ vengono creati, come se fosse un vantaggio misurare 1,80 metri e pesare 45 chili. Questa regola ci porta alla fine della civiltà “, ha detto.

Tuttavia, le riviste e i marchi di moda sono stati i primi ad assumerlo e ad accettare le sue condizioni di gioco, tra cui quello di non usare solo il ritocco fotografico e quello di essere in grado di lavorare la fotografia dall’intimità necessaria per catturare l’essenza di modelli e personaggi Stavo per fotografare.

Ci lascia molte fotografie immortali, di quelle che non ci stancheremo mai di guardare. Grazie, maestro, buon viaggio. Ci mancherai.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>