bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Versus. AUGURI, GIACOMO! Un regalo speciale per il compleanno del “nostro” recanatese

 

11454356_img-8059-02-09-18-09-40

29 giugno, e allora…tanti auguri, Giacomo!

Noi dello Specchio, dopo un numero speciale del magazine in cui 14 poeti di oggi ti omaggiano confrontandosi con l’Infinito, il “loro” infinito, abbiamo pensato, per il tuo compleanno, a un regalo speciale, a una chicca.

 

Rosanna Bazzano, che è un’amica della nostra associazione ed è napoletana, ha pensato bene, dietro nostra sollecitazione, di tradurre il tuo idillio più famoso in napoletano, dialetto che avrai sentito sicuramente nei tuoi anni nella città partenopea.

 

Non è la prima volta che Rosanna Bazzano, ottima poetessa tra l’altro, si cimenta in un’operazione del genere, sai Giacomo? Anni fa tradusse i testi della russa Anna Achmatova, ottenendo ottimi riscontri, in particolare a Ritratti di Poesia, rassegna che si tiene annualmente a Roma e nella quale la Bazzano ha proposto le sue traduzioni.  Stavolta tocca a te, Giacomo, sarai sicuramente onorato di questo regalo, che proponiamo ai nostri amici nella doppia versione, e cioè in lettura e, per chi vuole, in ascolto, con un file audio qui sotto, in cui i versi vengono interpretati dalla stessa autrice.

 

Buona lettura e buon ascolto, amici della poesia e tanti auguri ancora, sommo poeta che con le tue poesie ci interroghi, ci meravigli, ci sorprendi ancora.

 

 

Lo Specchio

 

 

 

Sulagna è sta cullina ca m’è cara

addò sta sèpe nun me fa vedè

addo se fa una cosa cielo e mare.

Ccà io massetto e vaco e fantasia

sunnanno e ce truvà, doppo a stu vverde

tutt’ ’o Criato cha criato Ddio

e o cchiù ffuto silenzio addò pe ppoco

o core nsappaura. E quann’ ’o viento

passanno saccarezza e ffronne, io o sento

e cchesta voce cu chillu silenzio

vaco ammesuranno:  veco lleterno,

o tiempo ch’è passato, e cchisto e mo

ca è vivo, e se fa sentere. Accussì

me vaco cunnulianno inta stimmenzo:

e doce inta stu mare me ce perdo.

 

 

 

                                             Rosanna Bazzano

 

 

Rosanna Bazzano vive e gestisce un Caffè letterario a Napoli.

Per quattro edizioni, dal 2005 al 2008, viene insignita del Premio Internazionale alla cultura per la poesia del trofeo Medusa Aurea bandito dall’Accademia Internazionale di Arte Moderna di Roma. Nel 2009 vince il premio nazionale Il Fiore e le viene assegnato il Premio Gilda Mignonette per aver dato lustro alla cultura napoletana. In vernacolo vince nel 2006 e nel 2009 il Premio Carmine Capasso di Napoli. Per la prosa ha vinto con due racconti brevi il premio letterario La mia pagina nel 1991 e il concorso bandito dalla Associazione A.L.I. Penna dautore, di Torino nel 2005, finalista in prestigiosi concorsi nazionali e internazionali è presente in numerose antologie.
Nel 2009 pubblica, unico autoprodotto, la autobiografia poetica LOlivo Saraceno.

Del 2012 è Lune dagosto , Intra Moenia edizioni recensito dal Tg 3 Campania, da La Repubblica e dalla rivista nazionale Poesia di Crocetti editore.
Sempre del 2012 è la favola poeticaGelsomina e il pupazzo di neve, Iemme edizioni.
Ancora nel 2012 il libro di ricette filastroccate per bambini Il Mangiarime, Iemme edizioni, su ricette della chef stellata Rosanna Marziale.
Nel 2013 esce Il nuovo Mangiarime, Iemme edizioni, ancora con ricette della Marziale.
Nel 2014, Incontrati a Caserta, cinque poeti campani e un editore svizzero, ed. Alla chiara fonte, Lugano.
I suoi lavori sono stati recensiti da moltissime testate giornalistiche tra cui spiccano: Tg3 Campania, La Repubblica, Il Mattino, Il Roma, ecc.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>