bacheca social

Un proiettore per Cinelinguaggi

Le donazioni raccolte attraverso la campagna #unproiettorepercinelinguaggi andranno a sostenere il progetto Cinelinguaggi per l'anno 2019. Una raccolta fondi finalizzata all'acquisto di apparecchiature adeguate all'iniziativa: un proiettore digitale con impianto audio. Ti chiediamo di prendere in considerazione l'idea di donare 5, 20, 50 euro o quello che puoi, per sostenere il nostro progetto. Puoi aiutarci donando un contributo volontario tramite carta di credito o PayPal. Per effettuare una donazione online, basta avere una carta di credito Visa, MasterCard, Postepay, American Express, Carta Aura, Maestro, Cirrus, ecc. Basta un click. Clicca sul tasto Donazione e segui le istruzioni. Dona ora!

FAI UNA DONAZIONE





Se non leggiamo, non sappiamo come scrivere.

Fonte  internet

Fonte internet

È così forte. Se non leggiamo, è difficile per noi pensare bene.

Di Alejandro Mar G

Oggi tutti scrivono, tutti vogliono esprimere i propri sentimenti e le proprie opinioni, ma chi legge? In un certo modo, leggere è un’attività superiore alla scrittura; possiamo solo scrivere con il linguaggio che abbiamo acquisito leggendo.
La lettura è la materia prima della scrittura e la possibilità di creare un’opera che ha bellezza e profondità o semplicemente chiarezza, si basa sulle letture che abbiamo fatto e su ciò che abbiamo appreso da altri autori (le sue parole diventano nostre, mescolare con i nostri pensieri ed esperienze).
Così la scrittura è distillata, come un affinamento non solo del pensiero personale, ma del tempo stesso.

Per molte persone è più attraente scrivere, ha più fascino – qualcosa che forse è dovuto all’immaturità e all’egoismo – ma i grandi scrittori ci dicono che la felicità è davvero nella lettura. Borges è particolarmente fertile in questo senso: “la felicità, quando sei un lettore, è frequente”. E il famoso: “Che gli altri si vantino delle pagine che hanno scritto, sono orgoglioso di quelli che ho letto”.

C’è una frase forte, che se non è una cattiva memoria è Juan José Arreola, “Se non leggi, non puoi scrivere, se non sai scrivere, non sai come pensare”. Una semplicità aforistica che deve essere il frutto del lavoro intellettuale di un buon lettore.

Edmund Husserl scrive nella sua logica formale e logica trascendentale: “Il pensiero è sempre fatto nel linguaggio ed è totalmente legato alla parola.” Pensare, in un modo diverso agli altri modi di coscienza, è sempre linguistico, sempre un uso del linguaggio ” . Quindi se non abbiamo parole, se non abbiamo letture nella nostra memoria che arricchiscono la nostra lingua, il nostro pensiero sarà molto povero.
La gente tollera di non essere un buon lettore, ma se gli viene detto che non sanno come pensare, questo fa male al loro orgoglio e tuttavia condiziona l’altro.

Pertanto, leggere è uno strumento di sviluppo fondamentale. E dove questo strumento funziona meglio è nei libri, non nei piccoli articoli che dominano la circolazione del Web; l’incontro con il linguaggio merita uno spazio di concentrazione – il medium è anche il messaggio – un incontro profondo con la mente di un autore che potrebbe essere morto centinaia di anni fa ma che vive, almeno memeticamente, nel testo che è Si riversa nella nostra mente.

Possiamo anche chiederci se esiste o meno coscienza senza linguaggio. Anche se una prima lettura delle filosofie dell’India sembrano indicare che per i pensatori che ci hanno dato lo yoga e la meditazione, la coscienza esiste al di là del pensiero linguistico (che è, in realtà, tutto ciò che esiste), come nel stati di assorbimento meditativo (jnana), si dovrebbe anche notare che nell’induismo l’universo è generato dalla lettera A del sanscrito, da cui deriva anche la sillaba OM creativa.

Più tardi, nella lettera tibetano buddismo tibetano Un alfabeto (come la A sanscrito) è anche considerato una sorta di sorgente cosmica creativa, ed è rappresentato come proveniente da cinque elementi in un thigle (bindu in sanscrito). Abbiamo ovviamente la Kabbalah, dove l’intero universo è ciò che accade quando vengono pronunciati i nomi divini; la lettera Aleph ha un’importanza suprema (come Borges ha esplorato nel suo racconto, in cui l’Aleph è proprio come una sorta di thigle o punto in cui si trova l’intero universo).

Tuttavia, il mondo è stato creato con la lettera Bet, con la parola Bereshit, David Smith Chaim si traduce non come a casa, ma qualcosa come “initiality” (beginingness) per indicare il record della creazione, un atto perenne non succede nel passato, ma nel presente. In breve, il mondo è creato con la parola e questo è vero non solo in una visione esoterica o religiosa della realtà, è nella nostra vita quotidiana: solo le forme si raggiunge una volta che abbiamo i nomi.

In ogni caso è chiaro che la lettura come fonte delle parole che animano la nostra coscienza è un aspetto essenziale di ciò che un essere umano pensa al mondo. Possiamo esistere senza pensare, ea volte il pensiero diventa un rumore che fa ammalare la mente, ma nel pensiero, con il potere della parola, abbiamo una potenza divina. Come scrisse Hölderlin:

Tuttavia, cade a noi, sotto la tempesta di Dio,

Oh poeti, eretti ea capo scoperto

Per afferrare con le nostre mani il raggio di luce del Padre,

E per passare, avvolto nella canzone, quel dono divino al popolo.

1 commento a Se non leggiamo, non sappiamo come scrivere.

  • Giuseppe Farina

    Al di là delle divagazioni sulle credenze metafisiche orientali e medio-orientali, condivido varie cose dell’articolo riguardo all’importanza della lettura e della strumentazione linguistico-espressiva che con essa si acquista. Ma, non condivido affatto l’affermazione: “il mondo è creato con la parola”. Al di là degli aspetti esoterici o religiosi, che tralascio, ritengo che con la lettura e la parola ( quest’ultima la apprendiamo sin da piccoli nell’ambiente in cui nasciamo, che è a sua volta molto importante, per gli stimoli che ci può dare) riusciamo a leggere, conoscere e capire il mondo in cui viviamo, ma di tale mondo necessità una adeguata e guidata “esperienza”, nonché una approfondita riflessione, per poterci relazionare ad esso è viverci scientemente.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>