bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 10 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set   Nov »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Arte. Banksy, fumare al prezzo dell’oro.

Fonte Culturainquieta

Fonte Culturainquieta

da culturainquieta
Qualche giorno fa c’era una notizia più importante ma che ha avuto meno eco dell’azione dell’iconica urbanita urbana: il pittore inglese è diventato l’artista vivente più costoso della storia.

Banksy diede, di recente, il suo penultimo colpo di stato nel bel mezzo di un’asta in cui stava offrendo il suo lavoro “Girl With Balloon”; Al momento della vendita, per 1,2 milioni di euro, il lavoro si autodistruggeva attraverso un frantoio installato nel telaio e, poiché tutto è così assurdo, rivalutandolo e aumentando il suo valore, si crede che nel doppio.

Quello che Banksy ha fatto nell’asta di Sotherby’s, da un lato mostra la sua ribellione e il suo disaccordo prima di non voler entrare nel mercato dell’arte come è inteso e montato, e dall’altra mostra tutta l’assurdità che c’è al momento di valutare l’arte, in cui si finisce per pagare di più per un concetto che per il lavoro stesso.

“Girl With Balloon” è stato messo all’asta con un prezzo iniziale di 300.000 euro, venduto per oltre 1 milione di euro e ha aumentato il suo valore nel dobre dopo aver reinventato il suo concetto; un prezzo è stato posto nel momento in cui si è autodistrutto e sulla ripercussione dei media che l’evento ha avuto.

Banksy non solo ha preso tutto il risalto di quella notte e ha afferrato tutti i titoli, ma ha anche oscurato la notte di gloria di Jenny Saville.

Fonte Internet

Fonte Internet

Saville (Cambridge, 1970) è una pittrice inglese, membro del gruppo Young British Artists, è nota per le sue monumentali pitture nude femminili e, nella notte in cui Banksy è tornato per ottenere tutte le medaglie, in Sotherby è stata venduta “Propped”  per 10,8 milioni di euro, il prezzo più alto mai pagato (all’asta) da un artista vivente.

Fonte internet

Fonte internet

Il fantastico lavoro di Saville mostra donne con corpi obesi e reali; definisce la sua arte come femminile e femminista perché è un’arte dipinta da una donna, non sono donne dipinte da uomini.

JennySaville_7_Banksy_récord_subasta_arte_artecontempóraneo_noticia_paradoja_-_copia

Fonte Internet

JennySaville_6_Banksy_récord_subasta_arte_artecontempóraneo_noticia_paradoja_-_copia

Fonte Internet

JennySaville_8_Banksy_récord_subasta_arte_artecontempóraneo_noticia_paradoja

Fonte Internet

È diventato famoso con questi corpi obesi; definiscono i loro dipinti come una chirurgia antiplastica, che denuncia la tirannia dei corpi perfetti e scheletrici che ci vengono imposti dal mondo della moda e della pubblicità.

La vera sfumatura di questo fatto è la barbarie in cui l’arte si sta mutando, l’irrazionalità del fatto che un’opera distrutta aumenta il suo prezzo supponendo una rivoluzione che rivela ancora una volta la stupidità umana e, forse, si trova il merito Banksy, per mostrare all’umanità l’idiozia che regna ai nostri giorni e vendere, nonostante ciò, fumare al prezzo dell’oro.

Tutto questo e molto altro ci è stato spiegato da Banksy nel suo documentario del 2010 “Exit Trough The Git Shop” e che possiamo vedere gratuitamente su YouTube;  Ci farà riflettere su molti aspetti, ci farà riflettere su dove stiamo andando e, forse, non è sulla strada giusta.

 

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>