newsletter

  • Tina Fey, Seth Meyers and Jimmy Fallon Return on 'SNL's' 'Weekend Update' 18/08/2017
    Tina Fey, Seth Meyers and Jimmy Fallon Return on 'SNL's' 'Weekend Update'  Hollywood ReporterTina Fey Delivers Takedown of President Trump, White Supremacists on 'Weekend Update' (Watch)  VarietyTina Fey, UVA alum, weighs in on Charlottesville on 'SNL'  The Hill (blog)UVA alumni Tina Fey blasts 'Jackass Donny John Trump' over Charlottesville violence 'both sides' remark in hilarious ...  Daily MailFull coverage
  • Turkey's Erdogan calls German leaders 'enemies' 18/08/2017
    Turkey's Erdogan calls German leaders 'enemies'  BBC NewsTurkey Is Engaging In Hostage Diplomacy With The US, Officials Say  BuzzFeed NewsErdogan tells Turks in Germany to vote against Merkel  ReutersFull coverage
  • Essential Phone review 18/08/2017
    Essential Phone review  The VergeEssential Phone hands-on: Bold, beautiful, very first-gen  CNETHow Smartphone Upstart Essential Plans to Challenge Apple, Samsung, and Google  FortuneDoes new 'Essential phone' live up to its name?  USA TODAYFull coverage
  • Mother of Charlottesville victim says she won't speak with Trump 18/08/2017
    Mother of Charlottesville victim says she won't speak with Trump  CNNHeather Heyer's mom won't speak to Trump for blaming 'both sides' in Charlottesville violence  New York Daily NewsMother of Charlottesville victim: 'I will not' speak to Trump  The Hill (blog)Mother of woman killed in Charlottesville has 'no interest' in speaking with Trump  ABC NewsDespair is not an option.  Chicago TribuneFull […]
  • The Demons of Darkness Will Eat Men, and Other Solar Eclipse Myths 18/08/2017
    The Demons of Darkness Will Eat Men, and Other Solar Eclipse Myths  New York TimesHarford prepares for solar eclipse  Baltimore SunSolar eclipse 2017: What you need to know  BBC NewsSolar eclipse offers moon-walk moment: Science is all the rage  USA TODAYHow to watch the Total Eclipse 2017  Tech AdvisorFull coverage
  • South Africa to grant Grace Mugabe diplomatic immunity: government source 18/08/2017
    South Africa to grant Grace Mugabe diplomatic immunity: government source  ReutersZimbabwe's first lady remains quiet amid assault claims  Washington PostSouth Africa plans to grant immunity to Grace Mugabe, sources say  The GuardianMugabe's sons returning home  Nehanda RadioAfriforum pushes for Grace Mugabe's prosecution  South African Broadcasting CorporationFull coverage
  • Why Japan lent support to India against China over Doklam standoff 18/08/2017
    Why Japan lent support to India against China over Doklam standoff  India TodayAsia in 3 minutes: India bemused by 'racist' Chinese video, not amused by Game of Thrones leak  South China Morning PostJapan takes cautiously pro-India stance on Doklam  domain-BIndian video mocks Xi Jinping after Chinese state media posts 'racist' clip  CNN InternationalLooking at a Sino-India clash in a […]
  • Third Suspect Detained After Attacks in Spain; Toll Rises to 14 18/08/2017
    Third Suspect Detained After Attacks in Spain; Toll Rises to 14  New York TimesBarcelona and Cambrils attacks: Hunt for suspect in Spain  BBC NewsThe Latest: Police: Barcelona van driver not been identified  SFGateAnother Fatal Ramming Attack, This Time in Barcelona  The AtlanticFull coverage
  • USS Fitzgerald Leaders Punished, Crew Is Praised After Collision With Cargo Ship 18/08/2017
    USS Fitzgerald Leaders Punished, Crew Is Praised After Collision With Cargo Ship  NPRUSS Fitzgerald Commanders Removed  U.S. News & World ReportUSS Fitzgerald Command Triad Removed Following Early Investigation Results; More Punishments Coming  USNI NewsUS Navy warship captain to lose command after collision that killed 7  Syracuse.comHow Could The Navy Destroyer Collision Happen?  KPBSFull coverage
  • Jaguars Coach Says Quarterback Job 'Up for Grabs' 18/08/2017
    Jaguars Coach Says Quarterback Job 'Up for Grabs'  Sports IllustratedPreseason Week 2: Blake Bortles losing grip on starting job  Yahoo SportsO-Zone Late Night: Buccaneers 12, Jaguars 8  Jacksonville JaguarsAfter a decade of missed playoffs, Bucs, Jags look to change things this season  FOXSports.comFull coverage
  • Four systems out there and hurricane season hasn't even hit its peak yet 18/08/2017
    Four systems out there and hurricane season hasn't even hit its peak yet  Bradenton HeraldTS Harvey churns toward Caribbean, Central America  WTOCFull coverage
  • Google's stance on neo-Nazis 'dangerous', says EFF 18/08/2017
    Google's stance on neo-Nazis 'dangerous', says EFF  BBC NewsThe CEOs condemning white supremacists this week are protecting their bottom lines  ThinkProgressThe Tor Project is 'disgusted' by the Daily Stormer — but can't censor it  Business InsiderFree or hate speech? Silicon Valley searches for proper line  CBS NewsToo Much Power Lies in Tech Companies' Hands  BloombergFull coverage
  • Fox's James Murdoch blasts Trump on Charlottesville: 'There are no good Nazis' 18/08/2017
    Fox's James Murdoch blasts Trump on Charlottesville: 'There are no good Nazis'  Washington PostFox CEO rips Trump, donates $1M to Anti-Defamation League  The Hill21st Century Fox CEO James Murdoch Donates $1M To ADL: “Standing Up To Nazis Is Essential”  DeadlineJames Murdoch rebukes Donald Trump over white supremacists  The AustralianJames Murdoch, Rebuking Trump, Pledges $1 Million to Anti-Defamation League  New York […]
  • Trump said to study General Pershing. Here's what the president got wrong. 18/08/2017
    Trump said to study General Pershing. Here's what the president got wrong.  Washington PostStudy Pershing, Trump Said. But the Story Doesn't Add Up.  New York TimesColbert mocks Trump for tweeting pigs blood hoax after Barcelona attack  The Hill (blog)Donald Trump retells Pants on Fire claim about Gen. Pershing ending terrorism for 35 years  PolitiFactDonald Trump tweets discredited Islamic pigs' […]
  • Top US general reaffirms commitment to Japan amid North Korea tensions 18/08/2017
    Top US general reaffirms commitment to Japan amid North Korea tensions  ReutersNorth Korea: Tillerson rejects Bannon claim that military strike is off table  The GuardianMattis and Tillerson move to clarify administration policy on North Korea  Santa Fe New MexicanUS-Japan vow unity against North in 'two-plus-two' talks  The Japan TimesFull coverage

Lavoro. Camusso: “La sinistra riparta dal lavoro. Il 17 in piazza contro i voucher”, “… governo Renzi con manomissione dell’art. 18 e Jobs Act ha fatto peggio di Berlusconi”

Foto Micro Mega

Foto Micro Mega

intervista a Susanna Camusso di Giacomo Russo Spena – Micro Mega

La segretaria della Cgil lancia la mobilitazione di sabato contro la reintroduzione dei voucher: “E’ uno schiaffo alla democrazia, il governo ha scelto di violare le regole della nostra Carta”. Poi sottolinea come il governo Renzi con manomissione dell’art. 18 e Jobs Act abbia fatto peggio di Berlusconi. Infine, una parziale autocritica sull’Ilva di Taranto e sulla stessa forma del sindacato: “La Cgil deve evolversi in ragione di come cambia il mondo del lavoro e rispetto alle sfide da affrontare, bisogna inventarsi nuovi strumenti”. E al momento non è previsto nessun sciopero generale…

“Si è sottratta al Paese la possibilità di poter decidere: ne esce sconfitta la democrazia. Prima, ad aprile, si sono abrogate le leggi che erano oggetto di referendum, poi si sono riproposte dentro una manovrina”. Susanna Camusso ci accoglie nel suo ufficio, al quarto piano del palazzo Cgil di Roma. È indaffarata a preparare la piazza di sabato 17 giugno dal titolo inequivocabile Uno schiaffo alla democrazia contro la reintroduzione dei voucher. Una manifestazione che si focalizzerà soprattutto sul mancato funzionamento dell’articolo 75 della Costituzione: “Il governo ha scelto coscientemente di violare le regole della nostra Carta”. Non si fanno previsioni sui numeri dei partecipanti, anche se i sentori fanno presagire una manifestazione imponente.

Il governo ha deciso di anticipare il voto sul maxi emendamento ad oggi, prima della piazza di sabato. È sempre più scippo della democrazia?

Hanno paura di confrontarsi con l’opinione delle persone, come se il lavoro non meritasse un pronunciamento dei cittadini. E, attenzione, ponendo la fiducia, dimostrano di aver paura persino del dibattito parlamentare. Un doppio inganno se consideriamo che è stato inserito in un decreto d’urgenza in violazione del dispositivo con cui la Corte costituzionale ha autorizzato i referendum.

Si spieghi meglio…

La Corte dice che le norme sono abrogabili perché sono prive di una definizione di cosa sia il lavoro occasionale, cosa che si ripete esattamente con questo nuovo provvedimento, al di là del cambio di nome: invece di chiamarlo voucher viene chiamato contratto di prestazione occasionale, ma è un’autodefinizione.

Eppure il governo insiste che non hanno nulla a che vedere con i vecchi voucher. Rispetto a prima si alza il compenso per chi svolge attività presso le imprese. Sale anche la quota contributiva a carico del datore (al 33%). Vengono poi stabiliti dei limiti: non sono ammesse le aziende con più di 5 dipendenti, quelle del settore dell’edilizia e prestazioni inferiori alle 4 ore. Infine, la gestione delle operazioni sarebbe infatti affidata a un portale ad hoc dell’Inps. Come controbatte?

Molti, sia nel Governo che nel Parlamento, quando discutono di lavoro non sanno concretamente di cosa parlano. Sono così convinti che debba esistere un lavoro occasionale che non lo sanno neanche definire: l’unica definizione è che debba costare 5000 euro all’anno. Un po’ poco, no? La precarietà è questione più complessa…

Sì, ma rispetto ai vecchi voucher non ci sono cambiamenti?

 

Innanzitutto è ridicolo parlare delle poche imprese con 5 dipendenti a tempo indeterminato, in realtà stiamo parlando di più del 90% delle imprese italiane! Inoltre nei PrestO la quota previdenziale è aumentata con una beffa perché riporta la contribuzione all’equivalenza col lavoro dipendente, ma la inserisce nella gestione separata. Quindi per quei lavoratori si ha una contribuzione previdenziale inutilizzabile e in più non si hanno gli stessi diritti come la malattia. Una seconda beffa è sulla tracciabilità: viene inserito l’obbligo di comunicazione a inizio lavoro ma contestualmente vengono concessi tre giorni per smentire quanto si è dichiarato e negare la prestazione. E’ assolutamente evidente che con un’efficacia dei controlli molto discutibile, gli abusi e I raggiri saranno all’ordine del giorno.

Secondo il giuslavorista Piergiovanni Alleva i PrestO sarebbero addirittura peggiorativi rispetto ai voucher. È d’accordo?

L’elemento peggiorativo sta nel fatto che, rispetto a una scelta giusta e necessaria, cioè ridurre le forme di precarietà, siamo di fronte ad una norma che le moltiplica e le peggiora.

Proprio ieri Matteo Renzi si è rivendicato il Jobs Act. Possibile che sul lavoro abbia procurato più danni lui dei governi Berlusconi?

Beh, mi soffermo su due aspetti. Con la manomissione dell’art. 18 il governo Renzi ha legittimato il paradigma secondo cui è giustificato che un’azienda licenzi un lavoratore senza giusta causa, un vero e proprio rovesciamento dei rapporti di forza. Un provvedimento con effetti più nefasti di quelli che ebbe la legge Fornero sul mercato del lavoro. Altro aspetto da considerare: il rapporto tra spesa e risultati. Il Jobs Act ha ridotto i diritti dei lavoratori e col tempo si è svelato anche il bluff sull’aumento dell’occupazione che era dovuta alla decontribuzione delle imprese facendo così venire meno la propaganda del governo sui successi della riforma. Quelle risorse pubbliche dovevano essere utilizzate per interventi strutturali capaci di creare nuovi posti di lavoro e crescita del Paese.

Susanna Camusso, come siamo arrivati ai voucher? Veniamo da anni di smantellamento dello Stato sociale, di compressione dei diritti dei lavoratori e di aumento delle forme di precarietà, il sindacato non ha responsabilità su questo sfacelo? In passato la Cgil non poteva avere atteggiamenti meno concertativi?

Sfatiamo una leggenda: se vuole le elenco tutti gli scioperi generali della Cgil dall’approvazione della legge 30 ad oggi. E sono molti. Negli ultimi anni non ricordo una riforma sul mercato del lavoro passata con atteggiamenti dialoganti col governo. Le riforme condivise tra le parti sociali sono un antico ricordo nel Paese. Se c’è un’autocritica da fare l’abbiamo anche fatta riguardo a un’interpretazione che per lungo tempo abbiamo dato, cioè l’idea che le forme di precarietà potessero essere transitorie e non fossero un intervento che avrebbe determinato una strutturalità nell’organizzazione dell’impresa fondata in parte consistente sulla precarietà. Abbiamo invertito la rotta con la Carta dei diritti universali del lavoro, che ha l’ambizione di riordinare la giurisprudenza sul lavoro e dare con essa diritti a tutti i lavoratori siano essi dipendenti, autonomi, precari o altro. Pensiamo che i diritti del e nel lavoro debbano essere in capo alle persone. Contemporaneamente, abbiamo raccolto le firme contro i voucher, che sono l’emblema della nuova frontiera di precarietà perché sanciscono la definitiva destrutturazione del rapporto di lavoro.

Mi vorrei soffermare sull’aspetto generazionale: in Italia gli under 30 si trovano di fronte un mercato del lavoro iper-precario e senza garanzie. Una generazione che, a differenza di quella dei genitori, non conosce il contratto a tempo indeterminato. Da questo punto di vista, non andrebbe riformata l’idea del sindacato, visto che è cambiato il mondo del lavoro, oppure crede che sia sufficiente la Carta dei diritti universali che avete recentemente elaborato?

È indubbio ci sia una questione anche generazionale, ma la rottura di una costruzione dei rapporti di lavoro sta diventando un tema trasversale che riguarda tutti. La precarietà diventa una condizione riproponibile in qualunque momento e a chiunque. Se pensi a un settore come l’agricoltura, dove si hanno dalla diffusione dei voucher al caporalato, non stai parlando solo dei giovani ma di tante figure e contraddizioni: migranti, dumping salariale, competizione tra lavoratori etc…

Rimane il fatto che i giovani non sanno cosa sia un sindacato come la Cgil…

I giovani non conoscono il sindacato in molti luoghi perché spesso il sindacato non c’è, ed è una sua responsabilità, ma in tantissime altre realtà i giovani sono anche al centro delle politiche delle nostre categorie. Penso alla Filcams dove l’età media è attorno ai 30-35 anni. Ragazzi che hanno anche inventato forme nuove di sindacalizzazione e di determinazione della loro possibilità di avere lotte e risultati, rispetto ai diritti.

Il sindacato o si riforma o muore?

Riformare se stessi è sempre essenziale, il sindacato deve evolversi in ragione di come cambia il mondo del lavoro e rispetto alle sfide da affrontare. Bisogna inventarsi nuovi strumenti: ad esempio è una piattaforma lo strumento con cui interloquisci coi lavoratori della gig economy? Come costruire dei luoghi di aggregazione per lavoratori fisicamente dispersi? Sono le domande che ci stiamo ponendo come sindacato. Come ci insegna la storia delle nuove catene, quelle che abbiamo sindacalizzato, per far vivere la Cgil resta essenziale che quei lavoratori entrino intanto in una relazione fra di loro, cioè nell’idea che serva un’organizzazione collettiva, che è esattamente il messaggio opposto di quello che viene socialmente proiettato. L’interrogativo è quali sono i rapporti che tu puoi costruire, su cui stiamo ragionando noi e altri sindacati europei – non è un tema esclusivamente nostro – e su come intercetti un mondo che non ha un luogo fisico di lavoro o è composto da poche persone. Penso sia questa la vera sfida del sindacato.

State pensando ad uno sciopero generale?

Abbiamo una faticosa relazione con Cisl e Uil su questo punto di vista e certo si rischia la rottura dell’unità sindacale invocando uno sciopero generale su un tema, come quello dei voucher, sollevato attraverso una raccolta firme soltanto dalla Cgil. Però… non lo escludiamo, sta nei nostri strumenti.

Passiamo ad una questione che a sta a cuore a MicroMega: l’Ilva di Taranto. Lì il sindacato ha fatto prevalere, negli anni, il diritto al lavoro sul diritto alla salute dei cittadini. Almeno di questo vi accusano a Taranto, dove la Cgil ha avuto un calo di iscritti. Fate autocritica? Siete arrivati in ritardo a capire il problema dell’inquinamento dell’Ilva?

Sinceramente penso che la salute nei luoghi di lavoro e la salute intorno ai luoghi di lavoro debbano andare di pari passo. È un dato ormai acquisito in Cgil che ha complessivamente cambiato condotta. Inoltre c’è un grande tema che riguarda le norme differenziate nel nostro Paese: non esistono i controlli e questo nodo andrebbe affrontato seriamente per il bene del mondo del lavoro ma anche per l’ambiente, il clima e la salute dei cittadini. Su un punto rimango ferma: la soluzione dell’Ilva di Taranto non passa per la chiusura degli impianti, che significherebbe la sconfitta dell’innovazione verso nuove strade. Penso ai processi di riconversione o alle ricerche per rendere l’Ilva compatibile con l’esterno, salvaguardando così i posti di lavoro e la salute. Nei casi di siderurgia si può intervenire, la chiusura dell’impianto è un simbolo di resa.

Ultima domanda: il dibattito a sinistra. Sabato in piazza con voi ci saranno tutti i partiti della cosiddetta sinistra radicale. Mentre il 18 giugno, il giorno dopo, al teatro Brancaccio di Roma si discuterà dell’appello lanciato da Tomaso Montanari ed Anna Falcone. Qual è il suo giudizio sui confronti in corso?

Come sempre la Cgil è molto interessata all’evoluzione della politica ma esprime delle valutazioni di interesse quando si affrontano i temi del lavoro, per il resto non commento.

Si esponga Camusso… Cosa auspica a sinistra?

Vorrei semplicemente una sinistra o un centrosinistra – non mi formalizzo sulla definizione e sui trattini – che abbia il lavoro come perno centrale. Bisogna ripartire da qui. Per troppo tempo il lavoro è stato invece il grande assente del dibattito della politica, anche e specialmente a sinistra.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>