newsletter

  • Tina Fey, Seth Meyers and Jimmy Fallon Return on 'SNL's' 'Weekend Update' 18/08/2017
    Tina Fey, Seth Meyers and Jimmy Fallon Return on 'SNL's' 'Weekend Update'  Hollywood ReporterTina Fey Delivers Takedown of President Trump, White Supremacists on 'Weekend Update' (Watch)  VarietyTina Fey, UVA alum, weighs in on Charlottesville on 'SNL'  The Hill (blog)UVA alumni Tina Fey blasts 'Jackass Donny John Trump' over Charlottesville violence 'both sides' remark in hilarious ...  Daily MailFull coverage
  • Turkey's Erdogan calls German leaders 'enemies' 18/08/2017
    Turkey's Erdogan calls German leaders 'enemies'  BBC NewsTurkey Is Engaging In Hostage Diplomacy With The US, Officials Say  BuzzFeed NewsErdogan tells Turks in Germany to vote against Merkel  ReutersFull coverage
  • Essential Phone review 18/08/2017
    Essential Phone review  The VergeEssential Phone hands-on: Bold, beautiful, very first-gen  CNETHow Smartphone Upstart Essential Plans to Challenge Apple, Samsung, and Google  FortuneDoes new 'Essential phone' live up to its name?  USA TODAYFull coverage
  • Mother of Charlottesville victim says she won't speak with Trump 18/08/2017
    Mother of Charlottesville victim says she won't speak with Trump  CNNHeather Heyer's mom won't speak to Trump for blaming 'both sides' in Charlottesville violence  New York Daily NewsMother of Charlottesville victim: 'I will not' speak to Trump  The Hill (blog)Mother of woman killed in Charlottesville has 'no interest' in speaking with Trump  ABC NewsDespair is not an option.  Chicago TribuneFull […]
  • The Demons of Darkness Will Eat Men, and Other Solar Eclipse Myths 18/08/2017
    The Demons of Darkness Will Eat Men, and Other Solar Eclipse Myths  New York TimesHarford prepares for solar eclipse  Baltimore SunSolar eclipse 2017: What you need to know  BBC NewsSolar eclipse offers moon-walk moment: Science is all the rage  USA TODAYHow to watch the Total Eclipse 2017  Tech AdvisorFull coverage
  • South Africa to grant Grace Mugabe diplomatic immunity: government source 18/08/2017
    South Africa to grant Grace Mugabe diplomatic immunity: government source  ReutersZimbabwe's first lady remains quiet amid assault claims  Washington PostSouth Africa plans to grant immunity to Grace Mugabe, sources say  The GuardianMugabe's sons returning home  Nehanda RadioAfriforum pushes for Grace Mugabe's prosecution  South African Broadcasting CorporationFull coverage
  • Why Japan lent support to India against China over Doklam standoff 18/08/2017
    Why Japan lent support to India against China over Doklam standoff  India TodayAsia in 3 minutes: India bemused by 'racist' Chinese video, not amused by Game of Thrones leak  South China Morning PostJapan takes cautiously pro-India stance on Doklam  domain-BIndian video mocks Xi Jinping after Chinese state media posts 'racist' clip  CNN InternationalLooking at a Sino-India clash in a […]
  • Third Suspect Detained After Attacks in Spain; Toll Rises to 14 18/08/2017
    Third Suspect Detained After Attacks in Spain; Toll Rises to 14  New York TimesBarcelona and Cambrils attacks: Hunt for suspect in Spain  BBC NewsThe Latest: Police: Barcelona van driver not been identified  SFGateAnother Fatal Ramming Attack, This Time in Barcelona  The AtlanticFull coverage
  • USS Fitzgerald Leaders Punished, Crew Is Praised After Collision With Cargo Ship 18/08/2017
    USS Fitzgerald Leaders Punished, Crew Is Praised After Collision With Cargo Ship  NPRUSS Fitzgerald Commanders Removed  U.S. News & World ReportUSS Fitzgerald Command Triad Removed Following Early Investigation Results; More Punishments Coming  USNI NewsUS Navy warship captain to lose command after collision that killed 7  Syracuse.comHow Could The Navy Destroyer Collision Happen?  KPBSFull coverage
  • Jaguars Coach Says Quarterback Job 'Up for Grabs' 18/08/2017
    Jaguars Coach Says Quarterback Job 'Up for Grabs'  Sports IllustratedPreseason Week 2: Blake Bortles losing grip on starting job  Yahoo SportsO-Zone Late Night: Buccaneers 12, Jaguars 8  Jacksonville JaguarsAfter a decade of missed playoffs, Bucs, Jags look to change things this season  FOXSports.comFull coverage
  • Four systems out there and hurricane season hasn't even hit its peak yet 18/08/2017
    Four systems out there and hurricane season hasn't even hit its peak yet  Bradenton HeraldTS Harvey churns toward Caribbean, Central America  WTOCFull coverage
  • Google's stance on neo-Nazis 'dangerous', says EFF 18/08/2017
    Google's stance on neo-Nazis 'dangerous', says EFF  BBC NewsThe CEOs condemning white supremacists this week are protecting their bottom lines  ThinkProgressThe Tor Project is 'disgusted' by the Daily Stormer — but can't censor it  Business InsiderFree or hate speech? Silicon Valley searches for proper line  CBS NewsToo Much Power Lies in Tech Companies' Hands  BloombergFull coverage
  • Fox's James Murdoch blasts Trump on Charlottesville: 'There are no good Nazis' 18/08/2017
    Fox's James Murdoch blasts Trump on Charlottesville: 'There are no good Nazis'  Washington PostFox CEO rips Trump, donates $1M to Anti-Defamation League  The Hill21st Century Fox CEO James Murdoch Donates $1M To ADL: “Standing Up To Nazis Is Essential”  DeadlineJames Murdoch rebukes Donald Trump over white supremacists  The AustralianJames Murdoch, Rebuking Trump, Pledges $1 Million to Anti-Defamation League  New York […]
  • Trump said to study General Pershing. Here's what the president got wrong. 18/08/2017
    Trump said to study General Pershing. Here's what the president got wrong.  Washington PostStudy Pershing, Trump Said. But the Story Doesn't Add Up.  New York TimesColbert mocks Trump for tweeting pigs blood hoax after Barcelona attack  The Hill (blog)Donald Trump retells Pants on Fire claim about Gen. Pershing ending terrorism for 35 years  PolitiFactDonald Trump tweets discredited Islamic pigs' […]
  • Top US general reaffirms commitment to Japan amid North Korea tensions 18/08/2017
    Top US general reaffirms commitment to Japan amid North Korea tensions  ReutersNorth Korea: Tillerson rejects Bannon claim that military strike is off table  The GuardianMattis and Tillerson move to clarify administration policy on North Korea  Santa Fe New MexicanUS-Japan vow unity against North in 'two-plus-two' talks  The Japan TimesFull coverage

Sistema elettorale. Il Re della politica italiana

epaselect epa05660300 The Italian Prime Minister, Matteo Renzi, speaks at the Palazzo Chigi in Rome, Italy, 04 December 2016 after the referendum on constitutional reform. Matteo Renzi has announced his resignation after exit polls on 04 December 2016 suggest a 'No' vote victory in a crucial referendum to which Renzi had tied his political future. The referendum is considered by the government to end gridlock and make passing legislation cheaper by, among other things, turning the Senate into a leaner body made up of regional representatives with fewer lawmaking powers. It would also do away with the equal powers between the Upper and Lower Houses of parliament - an unusual system that has been blamed for decades of political gridlock.  EPA/GREGOR FISCHER

internet

Di Lucia Annunziata .  Editorial Director, L’Huffington Post

Nella scissione del Pd vince il Re della politica italiana. E non parliamo di Renzi, ma del proporzionale, iI Re della politica italiana è la sua più vecchia guida nonché il suo più vecchio seduttore.

Non a caso sempre accompagnato dal suo miglior amico il Debito Pubblico, e solo malamente arginato dall’arcinemico Vincolo Esterno (l’Europa).

 

La sua tentazione si è sempre periodicamente ripresentata, nonostante i continui sforzi per metterlo al bando. Tale è infatti la (apparente) semplicità della sua quasi evangelica promessa: “A ognuno il suo”. Sarete tutti rappresentati fino all’ultimo “0 virgola 1” del voto e dunque sarete tutti felici.

 

Così opera il Faust del sistema italiano: il proporzionale. Ed è proprio il proporzionale il motore vero che ha spaccato il Pd. Con una curiosa convergenza, che nel futuro forse ci sarà più chiara, con quella messa in discussione della appartenenza all’Europa che avvelena il nostro paese.

 

In queste ore post trauma la vicenda del Pd viene narrata, dentro e fuori, come una tempesta emotiva, un titanico scontro di caratteri, visioni, valori. C’è tutto questo ovviamente, lo abbiamo visto all’opera, ed è parte fondamentale della politica. Ma ancora più parte della politica è la regola matematica che la governa. A dispetto di quel che si pensa, la politica è un’arte precisa. A dispetto delle tante parole che la animano, alla fine la vittoria e la sconfitta vengono definite – anche oggi che la rete penetra la nostra vita e sembra aderire alla nostra stessa pelle eliminando ogni intermediazione – dall’elemento più solido che conosciamo: il numero.

 

Numeri pesanti perché dietro ci sono (insostituibili anche in questo tempo di virtualità) teste reali: i cittadini. La convenienza numerica vince dunque su ogni ragionamento, per questo la questione della legge elettorale – che una continua e insulsa lamentela tende a relegare a oggetto di inutili discussioni – è in realtà l’asse su cui ruota la terra politica. È il contenitore che dà forma alle idee. A seconda dei sistemi abbiamo dunque un paese o un’altro.

 

Ricordo qui che la storia fra la prima e la seconda repubblica può essere tutta letta attraverso il passaggio dal proporzionale al maggioritario. La seconda repubblica nasce da un referendum che abolisce le preferenze come tagliola sulla propaggine finale di quello che il proporzionale era diventato: individualismo, correnti, pacchi di voti in circolazione, in un parola, corruzione. Come si diceva, non a caso la governabilità della prima repubblica va mano nella mano con il gonfiarsi della spesa pubblica – fatta per accontentare i tanti piccoli partitini e correnti delle fragili coalizioni…

 

La critica anti-proporzionale dei primi anni Novanta divenne così il grimaldello dell’ordine esistente, e dunque venne allora formulata in maniera un po’ manichea e strumentale. Ma sicuramente l’aspirazione al maggioritario è la leva di una nuova politica che fa nascere il nuovo panorama della seconda repubblica: lo spazio per il partito federatore di Silvio Berlusconi, e dell’Ulivo.

 

L’Ulivo che, non si ripete abbastanza, non fu affatto una esperienza idillica. Al contrario. Produsse dal 1996 al 2001 quattro governi, e tre premier, almeno una scissione, e quando si andò alla sfida, a Silvio Berlusconi nel 2001 si scelse come sfidante un altro leader che non era stato al governo.

 

Le tensioni dentro l’Ulivo erano sgradevoli, violente, e persistenti. Alcune sono arrivate intatte fino a noi – tutto il vortice intorno a D’alema è un esempio per tutte. Chi ha l’età per ricordare sa che l’Ulivo non fu un posto da educande. E, se devo aggiungere, persino peggiore dell’attuale Pd.

 

L’unica cosa che mise insieme l’Ulivo e lo tenne insieme (ma questo vale per tutto il sistema dei partiti di allora) fu quel corsetto di stecche di balena che era il sistema maggioritario. A sua volta quel corsetto era tenuto insieme da un altro elemento, esso stesso oggi logorato: l’ambizione di essere europei.

 

Quanti ricordano oggi la lunga, e non scontata, battaglia di preparazione all’entrata nell’Euro fatta dalla élite del paese, i Ciampi , i Prodi, gli Amato, gli Scalfari, i Cassese, i Napolitano? La bandiera che venne brandita da tutti loro aveva un lungo e quasi oscuro nome: “il vincolo esterno”. Che faceva riferimento non solo alla moneta. Era quel legarsi a un sistema più avanzato, quello Europeo, per poter riportare a ragione le storture del sistema italiano. La governabilità e la semplificazione del sistema politico erano un passaggio obbligato per entrare in quella nuova fase.

 

Oggi quel rapporto con l’Europa è il cardine della crisi italiana e non solo. E come cade questa fede europeista, cade anche il sistema maggioritario – esploso con l’entrata in scena nel 2012 di una forza politica, il M5s, che ha vinto proprio su una critica radicale delle élite e dell’Europa.

 

Che i pentastellati siano apertamente favorevoli a un sistema di proporzionale estremo, è solo la logica conseguenza della loro nascita. La scissione a sinistra, e le tante altre scissioni e separazioni che si moltiplicano come funghi oggi, sono dunque solo un dato dei tempi. Così come segno dei tempi è l’impennata del debito.

 

Le scissioni, dunque, prova la storia, non sono in sè né bene né male. Sono una dinamica. Questa del Pd appena consumata, poi, mi sembra, al di là delle parole, molto consensuale. Il Pd che rimane e il Pd che lascia hanno un’idea diversa di realtà, partito, e obiettivi – valoriali e di sistema. È il sistema premia oggi la separazione. Così sia. È una forma anche questa di semplificazione. Da oggi infatti a sinistra non ci saranno più alibi per nessuno.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>