bacheca social

Un proiettore per Cinelinguaggi

Le donazioni raccolte attraverso la campagna #unproiettorepercinelinguaggi andranno a sostenere il progetto Cinelinguaggi per l'anno 2019. Una raccolta fondi finalizzata all'acquisto di apparecchiature adeguate all'iniziativa: un proiettore digitale con impianto audio. Ti chiediamo di prendere in considerazione l'idea di donare 5, 20, 50 euro o quello che puoi, per sostenere il nostro progetto. Puoi aiutarci donando un contributo volontario tramite carta di credito o PayPal. Per effettuare una donazione online, basta avere una carta di credito Visa, MasterCard, Postepay, American Express, Carta Aura, Maestro, Cirrus, ecc. Basta un click. Clicca sul tasto Donazione e segui le istruzioni. Dona ora!

FAI UNA DONAZIONE





Presentazione del libro “Fotografia consapevole. Scrittura e fotografia si incontrano” di Simona Guerra

manifesto

Sabato 17 dicembre alle ore 17,30 presso il Circolo di Lettura e Conversazione di Recanati verrà presentato il libro “Fotografia consapevole. Scrittura e fotografia si incontrano” di Simona Guerra.

L’evento, che ha ottenuto il patrocinio del Comune di Recanati, è organizzato dall’Associazione culturale Lo Specchio in collaborazione con il Circolo di lettura e conversazione, si propone di approfondire i temi della creazione e fruizione dell’opera d’arte, nel rapporto fra psicologia e arti visive, proponendo un approccio all’arte di tipo interdisciplinare attraverso un confronto fra psicologi, artisti, storici e critici d’arte. Interverranno oltre all’autore, lo psicanalista Ayres Marques e la fotografa Giancarla Lorenzini. Questo ultimo lavoro di Simona Guerra, esperta di fotografia, è dedicato al rapporto tra fotografia e scrittura: forme espressive e di comunicazione che in questi ultimi tempi stanno vivendo una rinnovata stagione di collaborazione in campo artistico e anche psicologico.
Il libro affronta vari aspetti della possibile relazione tra fotografia e scrittura e propone una riflessione su cosa significhi, oggi, vivere la fotografia (e la scrittura) in maniera consapevole, lontani dalla frenesia con cui siamo abituati a comunicare oggi con le immagini e le parole. Il volume è poi una proposta su come, fondendo le peculiarità autoanalitiche della fotografia con quelle di certi generi di scrittura, queste due Arti possano essere vissute assieme in una dimensione privata, come presa di conoscenza di sé stessi e del mondo, o anche come principio di un’esperienza che potrebbe trasformarsi in Arte. L’ingresso è libero e la cittadinanza è invitata.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>