newsletter

  • 'Game of Thrones': Nikolaj Coster-Waldau on Jon Snow and Daenerys' Incestuous Romance 21/08/2017
    'Game of Thrones': Nikolaj Coster-Waldau on Jon Snow and Daenerys' Incestuous Romance  Daily BeastGame of Thrones' Suicide Squad Have a Lot of Grudges  Screen RantHow to watch 'Game of Thrones' season 7, episode 6 for free  BGRThis season of Game of Thrones feels like fan fiction  The VergeFull coverage
  • Five sailors injured, 10 missing after US Navy destroyer collides with a merchant ship 21/08/2017
    Five sailors injured, 10 missing after US Navy destroyer collides with a merchant ship  Washington Post10 US Navy sailors missing after destroyer collides with merchant ship  CNN10 missing after USS John S. McCain collides with merchant ship; search underway  ABC NewsUSS John S McCain collides with merchant ship east of Singapore; 10 missing, 5 injured  Channel NewsAsiaFull coverage
  • Trump to unveil Afghanistan strategy after struggling with decision 21/08/2017
    Trump to unveil Afghanistan strategy after struggling with decision  PoliticoMattis confirms decision made on path forward in Afghanistan  Washington PostTrump to announce 'path forward' for US in Afghanistan  CNNTrump will address path forward on Afghanistan  ABC NewsTrump's Afghanistan strategy  Daily TimesFull coverage
  • Missing NC girl, 8, found safe in Kentucky 21/08/2017
    Missing NC girl, 8, found safe in Kentucky  WTVD-TVNC 8-year-old girl found safe; Amber Alert cancelled  WAVY-TVMissing 8-year-old Stokes County girl who was subject of Amber Alert found safe in Kentucky  myfox8.comFull coverage
  • Liberty University alumni to return degrees in protest 21/08/2017
    Liberty University alumni to return degrees in protest  CNNSome Liberty University Graduates Returning Diplomas to Protest Trump  Slate Magazine (blog)Jerry Falwell Jr. stands up for Donald Trump: 'I know him well'  Washington Times'This Week' Transcript 8-20-17: Jerry Falwell Jr. and Jeh Johnson  ABC NewsLiberty University Alumni To Return Diplomas Over School Official's Trump Support  HuffPostFull coverage
  • A shocking crime in Chicago — and the suspects have ties to leading universities 21/08/2017
    A shocking crime in Chicago — and the suspects have ties to leading universities  Los Angeles TimesMichigan hairstylist stabbed 70 times was killed in sex fantasy, prosecutor said  MLive.comNorthwestern prof, Oxford staffer extradited to Chicago  New Jersey HeraldFull coverage
  • US-South Korea set for divisive military drills 21/08/2017
    US-South Korea set for divisive military drills  BBC NewsNorth Korea denounces joint military exercises to start between US and South Korea  New York Daily NewsThese Are the Most Vulnerable Foreign Companies in Korea  BloombergNorth Korea warns of 'merciless strike' ahead of US-South Korea drills  CNNKorean crisis: US and South Korea kick off annual military exercises  The AustralianFull coverage
  • Anquan Boldin on retirement: 'My life's purpose is bigger than football' 21/08/2017
    Anquan Boldin on retirement: 'My life's purpose is bigger than football'  ESPNAnquan Boldin retires to 'make the larger fight for human rights a priority'  Washington PostAnquan Boldin says he's retiring less than two weeks after signing with Bills  CBSSports.comFull coverage
  • The slapstick, the telethons, 'Laaa-dy!' — comic and philanthropist Jerry Lewis dies at 91 21/08/2017
    The slapstick, the telethons, 'Laaa-dy!' — comic and philanthropist Jerry Lewis dies at 91  Los Angeles TimesFamously grumpy Jerry Lewis gave me the smackdown of my life  USA TODAYFor Jerry Lewis, Few Statuettes but Lots of Influence  New York TimesJerry Lewis Dies at Age 91  NBCNews.comROEPER: Either you got Jerry Lewis, or you didn't  Chicago Sun-TimesFull coverage
  • Houston's TD throw lifts Steelers over Falcons 21/08/2017
    Houston's TD throw lifts Steelers over Falcons  ReutersSteelers come from behind, win, 17-13  Steelers.comFalcons' rookie Takkarist McKinley shows burst in NFL debut  ESPN (blog)Full coverage
  • In totality's path, eclipse mania overshadows fears of Eclipsemageddon - for now 21/08/2017
    In totality's path, eclipse mania overshadows fears of Eclipsemageddon - for now  SFGateBefore a Solar Eclipse Crosses 14 States, a Great American Road Trip  New York TimesSolar Eclipse 2017: Last minute tips on glasses, viewing parties and pictures  The TennesseanTraffic still moving as solar eclipse approaches  San Francisco ChronicleSolar eclipses have always been weird. Don't let this one weird […]
  • Man confesses to killing 6-year-old sister and 2 young cousins 20/08/2017
    Man confesses to killing 6-year-old sister and 2 young cousins  CNNPolice: Man Confesses to Stabbing, Killing Sister, Cousins in Prince George's County  NBC4 WashingtonMan arrested after three girls found dead in Maryland home  WTSP 10 NewsFull coverage
  • Magic Johnson at center of NBA probe into Paul George tampering 20/08/2017
    Magic Johnson at center of NBA probe into Paul George tampering  ESPNLakers' Magic Johnson reportedly at center of NBA's Paul George tampering probe  Washington PostNBA looking into Pacers' allegations that Lakers tampered with Paul George  Los Angeles TimesPeter Vecsey is creating NBA coverage | Patreon  PatreonPeter Vecsey on Twitter: "NBA investigating Lakers 4 purported tampering w PGeorge. Independent law […]
  • More Charities Cancel Fund-Raisers at Trump's Mar-a-Lago Club 20/08/2017
    More Charities Cancel Fund-Raisers at Trump's Mar-a-Lago Club  New York TimesFlorida zoo is latest charity to move gala from Trump resort  Washington PostTrump's Mar-a-Lago Club loses its ninth big charity event this week  SFGateJUST IN: Protesters march to Mar-a-Lago, denounce Trump comments  Palm Beach PostPalm Beach Zoo Releases Statement, Announces Gala Venue Change | Palm Beach Zoo  Palm Beach ZooFull […]
  • Senator who hoped for Trump assassination in post apologizes 20/08/2017
    Senator who hoped for Trump assassination in post apologizes  ABC News'I have learned my lesson,' says Missouri state senator who hoped for Trump's assassination  Kansas City StarMissouri Senator Apologizes to Trump, Stands by Refusal to Resign  OzarksFirst.comFull coverage

Odifreddi: Il mio NO a una controriforma eversiva

piergiorgio-odifreddi Internet

piergiorgio-odifreddi Internet

di Piergiorgio Odifreddi, da repubblica.it

Manca meno di una settimana al voto che domenica prossima deciderà le sorti della Riforma Costituzionale, le cui linee guida sono state dapprima suggerite dalla banca JP Morgan Chase e in seguito recepite dall’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, implementate dal presidente del Consiglio Matteo Renzi e dalla ministra per le Riforme Costituzionali Maria Elena Boschi e imposte a un esautorato e acquiescente Parlamento.

Questo singolare iter configura un irrituale stravolgimento dei ruoli istituzionali. Come dicono infatti i loro stessi nomi, dovrebbe essere il legislativo a fare le leggi, mentre all’esecutivo spetterebbe il dovere di eseguirle e farle eseguire. Quanto al presidente della Repubblica, la formula del suo giuramento gli imporrebbe di “osservare lealmente la Costituzione” vigente, pena l’accusa di attentato alla stessa (articolo 90). Nessun ruolo legislativo, nemmeno consultivo, è invece previsto dalla Costituzione per le banche.

L’irrituale inversione dei ruoli istituzionali è continuata anche durante la campagna referendaria, alla quale hanno partecipato iperattivamente e personalmente l’ex presidente della Repubblica, il presidente del Consiglio, la Banca d’Italia e persino il presidente degli Stati Uniti e la stampa estera: tutti e tutte, ovviamente, schierati e schierate a favore del Sì, visto che quella che viene sottoposta a referendum è appunto la riforma Morgan-Napolitano-Renzi.

Basterebbe questa premessa per spingere a votare No non soltanto alla Riforma Costituzionale, ma anche e soprattutto allo stravolgimento del sistema democratico perseguito da una simile cospirazione di poteri istituzionali deviati e poteri economici devianti, potenzialmente e attualmente eversivi. Ma oltre che per una motivazione di principio, la Riforma Costituzionale va rifiutata anche per un giudizio di merito, riguardante ciascuno dei punti salienti enumerati esplicitamente sulla scheda referendaria.

Prima di ricordarli brevemente è però doveroso sottolineare che quei punti non esauriscono affatto le modifiche costituzionali che sono state surrettiziamente introdotte nel corso degli ultimi anni. E’ ad esempio esclusa dal referendum la modifica di fatto dell’articolo 1 della Costituzione, che recita: “L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro, e la sovranità appartiene al popolo”.

Le manovre congiunte della Banca Europea e del’ex presidente della Repubblica Napolitano per portare e mantenere al governo Mario Monti nel 2011–2013 e Matteo Renzi nel 2013–2016, così come lo smantellamento dei diritti dei lavoratori richiesto dalla JP Morgan e attuato dal Jobs Act, rendono di fatto vane le perorazioni dell’articolo 1 a proposito della democraticità del paese e della sovranità popolare, da un lato, e del fondamento sul lavoro, dall’altro.

Coerentemente con l’aspetto eversivo delle riforme proposte e imposte dal governo Renzi, queste modifiche sostanziali e di fatto della Costituzione non vengono però sottoposte al giudizio della sovranità popolare, che è invece chiamata a pronunciarsi sulle seguenti modifiche secondarie e formali.

1) Superamento del bicameralismo paritario

 

In realtà il bicameralismo paritario non è mai esistito in Italia, perché Camera e Senato erano elette non solo da elettorati diversi, ma anche con leggi elettorali diverse. Di conseguenza i due rami del Parlamento non erano affatto politicamente identici, e spesso esprimevano addirittura maggioranze diverse. Le supposte lungaggini del processo legislativo non erano dunque dovute alla semplice duplicazione dell’iter delle leggi, ma al complicato processo di mediazione che è l’essenza della democrazia, benché la Riforma Costituzionale e l’annessa legge elettorale mirino dichiaratamente a depotenziarlo e ad aggirarlo.

In ogni caso, è noto che l’Italia è uno dei paesi al mondo con il maggior numero di leggi, e in governi precedenti era stato addirittura istituito un ministero della Semplificazione per sfoltirne la giungla. Evidentemente il supposto bicameralismo paritario non aveva impedito un eccesso di legislazione inutile e complicata, così come non ha impedito l’approvazione dell’attuale Riforma Costituzionale in soli due anni e con multipli passaggi in entrambi i rami del Parlamento. Il problema non è dunque creare meccanismi che permettano di produrre ancora più leggi, ancor meno condivise, ma di farne molte meno e molto migliori.

2) Riduzione del numero dei parlamentari

E’ innegabile che anche un solo deputato o un solo senatore in meno costituiscano una riduzione del numero dei parlamentari. La riforma Morgan-Napolitano-Renzi lascia però invariata la Camera con tutti i suoi 630 deputati: un numero ipertrofico non solo in assoluto, ma anche in paragone ai 435 membri del Congresso degli Stati Uniti, che rappresentano una popolazione cinque volte superiore a quella italiana.

Il Senato è stato in effetti ridotto da 315 a 100 senatori, che però non sono più eletti, bensì cooptati dai consigli regionali (74), dai comuni (21) e dal presidente della Repubblica (5). E, paradossalmente in tempi di maggioritario, i seggi sono attribuiti in maniera proporzionale alla consistenza delle regioni, andando da 2 per le regioni piccole a 14 per la Lombardia: nel Senato degli Stati Uniti, invece, ognuno dei 50 stati è rappresentato da 2 senatori, per equilibrare l’influenza di quelli piccoli e quelli grandi.

La formazione del nuovo Senato è talmente stupida e confusa, che persino il presidente del Consiglio si è già detto disposto (per quanto possa valere la sua parola) a modificarla. E’ dunque possibile, di nuovo paradossalmente, che questa parte della riforma debba essere cambiata ancor prima di entrare in vigore, a testimonianza di quanto sia stata raffazzonata.

In ogni caso, il numero totale dei parlamentari scende soltanto da 945 a 730 parlamentari, con una timida riduzione del 20 per 100 circa: più o meno la stessa entità della riduzione della Camera e del Senato approvata dal governo Berlusconi e respinta dal referendum del 2006, che prevedeva 770 parlamentari.

3) Contenimento dei costi delle istituzioni

E’ di nuovo innegabile che anche un solo euro risparmiato costituisca un contenimento dei costi delle istituzioni, ed è vero che i nuovi senatori riceverebbero l’indennità dalle regioni o dai comuni dai quali provengono. Ma i costi del funzionamento della sede e della macchina del Senato rimarrebbero.

In ogni caso, il risparmio di circa 60 milioni di euro sul Senato non è che una goccia nel mare dei costi e degli sprechi della macchina statale. La Riforma Costituzionale, nonostante gli slogan, non intacca gli stipendi dei deputati e dei consiglieri regionali, che pure costituiscono uno dei cavalli di battaglia del populismo. E, soprattutto, non intacca i circa 23 miliardi di euro delle spese valutati da uno studio della Uil, che richiederebbero un abbattimento radicale dei rami inutili della macchina statale, regionale e locale, invece che miseri palliativi.

Volendo iniziare ad affrontare seriamente il problema del contenimenti dei costi, da un lato si sarebbero potuti semplicemente dimezzare gli stipendi dei parlamentari e dei privilegiati funzionari della Camera e del Senato. E, dall’altro lato, si sarebbe potuto cancellare con un sol colpo di penna il famigerato articolo 7 della Costituzione, che mantiene in vita l’altro grande serbatoio dei costi e degli sprechi costituito dai finanziamenti alla Chiesa, anch’essi valutati nell’ordine di una decina di miliardi.

4) Soppressione del Cnel

Che il Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro sia un ente inutile, da abolire come tutti gli enti inutili, è un’ovvietà: se non altro, perché ha solo funzioni consultive, ed esprime pareri non vincolanti. Ma ancora una volta la sua abolizione è solo uno specchietto per le allodole.

Anzitutto, i suoi costi si aggiravano sui 20 milioni di euro all’anno fino a quando c’erano 120 consiglieri, ma sono scesi a meno di 10 milioni da quando ce ne sono poco più della metà. Inoltre, come già è successo per le province, i consiglieri e i funzionari non sarebbero licenziati, ma semplicemente trasferiti alla Corte dei Conti. Infine, anche i costi di gestione della sede, che sono circa un terzo dei costi citati, ovviamente rimarrebbero: soprattutto se, come pare, sulla Villa Lubin ha già messo gli occhi Renzi, che sembra volerla utilizzare come una Casa Bianca italiana.

Una lotta seria al folto sottobosco degli enti inutili andrebbe condotta con il machete, scovandoli e abbattendoli senza pietà. I tentativi di censimento, dai rapporti dell’onorevole Raffaele Costa alle indagini di Report, hanno svelato costi che arrivano ad almeno 20 miliardi annui, di fronte ai quali i 10 milioni sbandierati dalla Riforma Costituzionale sanno più che altro di presa in giro per tacitare gli allocchi.

5) Revisione del titolo V della parte II della costituzione

Quest’ultimo punto costituisce la ciliegina sulla torta della riforma Morgan-Napolitano-Renzi. Il titolo V da rivedere non è infatti quello della Costituzione originaria, ma una sua modifica introdotta a maggioranza dal governo Amato nel 2001 e confermata da un referendum analogo a quello attuale.

Il che smentisce, anzitutto, le menzogne diffuse dal presidente del Consiglio durante tutta la campagna referendaria, secondo le quali l’attuale riforma sarebbe qualcosa che non è mai stato fatto in settant’anni, e un treno che se perso non ripasserà per altri settanta. In realtà, tra il 1963 e il 2012 sono state approvate ben 15 leggi di revisione costituzionale, e una di esse era appunto quella che ora viene di nuovo rivista: non sorprendentemente, vista che anch’essa era raffazzonata e affrettata, e presentata dai Democratici di Sinistra (Ds) a fine legislatura per motivi elettorali.

Lungi dall’essere solo tecnici, però, i motivi per la sua revisione attuale sono anche e soprattutto politici. Il Partito Democratico di cui Renzi è oggi segretario non ha infatti più nulla a che vedere non soltanto con il suo predecessore storico che era al governo nel 2001, ma neppure con quello omonimo che ha conquistato la maggioranza dei seggi alla Camera nel 2013. Se gli stessi parlamentari del Pd eletti con il programma di centro-sinistra di Bersani sostengono ora quello di centro-destra di Renzi è perché si sono macchiati della colpa dell’ennesimo ribaltone, o tradimento, della storia della nostra Repubblica delle Banane.

Lo dimostrano in maniera palese le recenti vicende del decreto e delle leggi di attuazione della riforma della Pubblica Amministrazione proposta dalla ministra Marianna Madia, dichiarate incostituzionali l’altro ieri dalla Corte Costituzionale perché confliggono appunto con il titolo V com’era stato revisionato dal centro-sinistra nel 2001 e approvato dall’elettorato referendario.

Queste vicende ci ricordano che il 4 dicembre non si vota soltanto su un’asettica Riforma Costituzionale, ma anche e soprattutto sui princìpi che l’hanno ispirata, e sugli uomini e le donne che l’hanno voluta e imposta. Avremo l’occasione di far piazza pulita di tutti e tutte in un colpo solo, da Napolitano (moralmente) a Renzi, dalla Boschi alla Madia, e sarebbe un peccato se non lo facessimo. Anche perché, se così sarà, rivedremo e rivivremo veramente ciò che abbiamo già visto negli ultimi vent’anni: un ventennio di governo incompetente e conservatore, che proseguirà e perfezionerà il suo vero obiettivo, che è l’abbattimento dell’articolo 1 della Costituzione.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>