newsletter

Red Poet (Documentary Film about Jack Hirschman)

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

BLANCHE ACOUSTIC DUO

Porto Recanati. I5stelle aprono la campagna referendaria

Di Salvatore

Di Salvatore

Si è svolta ieri sera, nella caratteristica cornice dell’anfiteatro della ex scuola Diaz, la manifestazione a favore del VOTA NO AL REFERENDUM COSTITUZIONALE, organizzato dal Movimento 5Stelle della Regione Marche.

Relatore il costituzionalista professor Enzo Di Salvatore, dell’Università di Teramo, il quale con la semplicità di linguaggio, propria di chi è ben conoscitore della materia, ha illustrato tutte le insidie e gli attentati alla democrazia partecipata della quale oggi godiamo, che sono presenti in quella che viene presentata come una riforma per rendere lo Stato più moderno ed efficiente.

Ha fatto gli onori di casa il consigliere comunale pentastellato Sauro Pigini il quale, nel sottolineare la numerosa partecipazione di pubblico presente, ha messo in evidenza come l’argomento trattato sia ormai entrato di prepotenza tra quelli dibattuti comunemente tra i cittadini, i quali hanno ben compreso che la riforma proposta non accresce la democrazia partecipata ma, anzi, la limita ed è tutta tesa a rafforzare i poteri forti che hanno come solo obiettivo il rafforzamento della finanza internazionale a discapito del sociale e della dignità del cittadino.

Da parte del consigliere regionale Giorgini è stato evidenziato come da questa proposta di riforma, le regioni ne uscirebbe fortemente penalizzate, perdendo la loro competenza anche sui problemi energetici che, nelle Marche, si traducono in difesa dall’inquinamento.  Competenze regionali che hanno consentito al Movimento 5Stelle di impedire che nelle Marche si realizzassero impianti fortemente inquinanti e devastanti per l’ambiente.

L’incontro è stato concluso da un intervento del capo gruppo regionale del Movimento 5Stelle alla Regione Marche, MAGGI, il quale nell’invitare a votare NO al referendum, ha ribadito che non si tratta di votare solo pro o contro una persona, che sta conducendo l’Italia verso il baratro, ma si tratta, più concretamente, di difendere quei valori di democrazia partecipata che sono stati i valori fondanti dei padri della nostra attuale Costituzione.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>