newsletter

mercoledìcinemaCinelinguaggi

Nelle tiepide notti d'estate, gli spettatori potranno godersi l'esperienza estiva del cinema seduti comodamente, esplorando il rapporto emozionale tra cinema e musica. Potranno anche, dopo la proiezione, dilungarsi, parlando di cinema degustando del buon vino e ascoltando musica.

11.07 “Jersey Boys” di Clint Eastwood

18.07 “The Rocky Horror Picture Show” di Jim Sharman

25.07 “Tutti per uno” di Richard Lester (il primo film dei Beatles).

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

“Dialoghi in corso” lo Speakers’ Corner del territorio: Tema ambiente

Il blog «Specchiomagazine.it» si propone da sempre come un’«officina delle idee» in cui si incontrano diverse espressioni di comunicazione. L’obiettivo è sempre lo stesso: raccontare e analizzare la complessità del presente. Crediamo che i lettori si possano trasformare da consumatori passivi a protagonisti del processo informativo. Per questo, dati i nuovi scenari che si stanno prospettando sul tema ambientale nel nostro territorio, ci sembra interessante aprire un dibattito sui questi temi.

Il nostro spazio sarà aperto a tutti i contributi che ci perverranno, e per Dialoghi in Corso, cercheremo una sintesi il 19 febbraio 2016 presso la sala Biagetti di Porto Recanati con la presentazione del libro di Paolo Berdini, Le città fallite. I grandi comuni italiani e la crisi del welfare urbano, con prefazione di Paolo Maddalena (Donzelli editore, pagine 159).

Contributo di Maurizio Sebastiani, Presidente Italia Nostra Marche

Ai gentili lettori de “Lo Specchio”

Viene richiesto un contributo sulle problematiche ambientali presenti a Porto Recanati, in prospettiva anche delle prossime elezioni comunali e, volentieri, si esprimono alcune idee ispirandoci al documento “LE MARCHE CHE NOI VOGLIAMO”, sottoscritto da tutte le associazioni ambientaliste marchigiane per le elezioni regionali del 2015.

Hotel House (messaggero.it)

Hotel House (messaggero.it)

Preso atto che i tempi e le situazioni sono cambiate, il modello di sviluppo su cui le comunità locali devono puntare deve essere – a nostro parere – quello del miglioramento delle condizioni di vita dei cittadini che non fanno più riferimento, secondo l’ONU, al Prodotto Interno Lordo bensì ad una serie di altri indicatori riconosciuti dall’OCSE e dalla EU, quali i BES. Questi indicatori fanno riferimento alla qualità della istruzione e della formazione, dell’ambiente, dei servizi pubblici, della salute, del benessere economico e soggettivo, del paesaggio e del patrimonio culturale, delle relazioni sociali etc. etc.

Bisogna quindi avere una nuova “vision” per proporsi al governo di una città!

Come si può pensare di garantire il miglioramento della qualità della vita puntando su un ulteriore cementificazione dei suoli? Come si può pensare di autorizzare nuovi centri commerciali provocando la chiusura degli esercizi commerciali esistenti o permettere nuove lottizzazioni di cui non si capisce il tornaconto economico, con ulteriore cemento, traffico, rumore, degrado?

Nuove case e nuove strutture provocano il deprezzamento del patrimonio edilizio esistente di proprietà dei cittadini, patrimonio edilizio già superiore alle necessità abitative e turistiche della città. Perché provocare un ulteriore impoverimento dei cittadini?

Noi riteniamo che la nuova amministrazione, di qualunque colore sia, una volta che abbia rinunciato alla cementificazione del Burchio e alla realizzazione del centro commerciale “ammazza negozi” sopra l’area archeologica di Potentia, debba puntare sul miglioramento qualitativo e non quantitativo, della offerta turistica della città.

Riteniamo che sia da migliorare l’arredo urbano, da incrementare l’offerta di servizi, compresi quelli culturali e le iniziative artistiche, da valorizzare l’area archeologica di Potentia estendendola e rendendola fruibile al pubblico tutto l’anno, tramite il volontariato.

Loreto Marina (ilcittadinodirecanati.it)

Loreto Marina (ilcittadinodirecanati.it)

Si potrebbe organizzare un centro commerciale naturale nel centro cittadino e si potrebbero riscoprire le tradizioni marinare organizzando manifestazioni storiche, rendendo vivibile il centro, almeno d’estate, con una Zona a Traffico Limitato.

Ed è essenziale potenziare sulla “rete” la presenza di Porto Recanati, diffondendo notizie ed iniziative di, per, in Porto Recanati, così come garantire ai cittadini spazi per partecipare effettivamente alla gestione della città.

È chiaro infine che, solo avendo una coscienza “pulita” in termini di tutela ambientale, si possano contestare le scelte cementificatrici di comuni vicini quali Loreto.

Ma solo alcuni dei precedenti amministratori di Porto Recanati ne hanno i titoli.

Un forte augurio va rivolto quindi ai cittadini affinché effettuino scelte felici nel segreto dell’urna, valutando bene le proposte delle varie liste elettorali e mandando al macero quelle ormai superate dalla realtà economica e politica che stiamo vivendo.

13 gennaio 2016,
Maurizio Sebastiani
Presidente Italia Nostra Marche

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>