bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


A tutti i nostri lettori

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste un caffè, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
novembre 2022
L M M G V S D
« Ott    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Facciamoci coraggio – La liberazione di Kherson e la canzone più bella dell’anno

Clipboard-0063-kxd-U33801594506139izB-656x492@Corriere-Web-SezioniLe immagini gioiose di un popolo liberato dall’occupazione russa e la commovente Take heart di Glen Hansard sul coraggio, la determinazione e la tenacia degli ucraini

di Gommalacca Christian Rocca

Linkiesta 13 novembre 2022

 

Le straordinarie e commoventi immagini della popolazione civile di Kherson che si precipita  per strada ad abbracciare e a ringraziare i liberatori dell’esercito ucraino, dopo nove terribili mesi di occupazione imperialista russa, testimoniano il coraggio di un popolo formidabile, ammirevole e indomito che lotta per la propria indipendenza e per la propria libertà.

Quelle immagini colorate dalle bandiere ucraine ed europee dimostrano anche la lungimiranza e la nobiltà del sostegno politico, militare e finanziario che il mondo occidentale ha fornito al governo e all’esercito di Kyjiv.

Queste immagini di gioia per la liberazione delle città occupate militarmente dai russi dovrebbero far riflettere quegli europei convinti che i nostri governi avrebbero dovuto abbandonare le anziane signore e i bambini di Kherson e di un quarto dell’Ucraina in pasto ai loro torturatori.

Un artista europeo che ha capito per tempo quale fosse la posta in gioco, quanto fossero tenaci gli ucraini e quanto fosse necessario mostrare loro ogni tipo di solidarietà si chiama Glen Hansard, ed è un cantautore irlandese di cinquantadue anni con un certo seguito nel mondo indie fin da quando nel 2006 ha interpretato il ruolo di un musicista in difficoltà nel film Once (Una volta), assieme alla cantante ceca Markéta Irglová. 

Glen Hansard ha dedicato una canzone al popolo ucraino che resiste all’invasore ed è la più bella e intensa e coraggiosa canzone dell’anno.

Si intitola Take Heart, facciamoci coraggio, e con lui cantano Markéta Irglová e tre ragazze ucraine che hanno trovato rifugio in Irlanda.

Hansard ha tratto ispirazione dalla storia di una famiglia ucraina ospitata da una sua vicina di casa, e da un post di Patti Smith che diceva «Gente, facciamoci coraggio, le cose andranno meglio e se non andranno meglio saremo noi a renderle migliori».

Hansard si è rivolto alla Croce Rossa irlandese che lo ha messo in contatto con Anna, Alex e Olena, le tre ucraine che nella canzone cantano nella loro lingua il verso “Povernysya do mene/ Povernysya do mene/ Povernysya do mene/ Do mene Neushkodzhenym” che in ucraino vuol dire “torna da me, torna da me, torna da me vivo”. “Come back alive” è anche la fondazione benefica che raccoglie fondi e donazioni a favore dell’esercito ucraino.

Questo è il testo in italiano di Take heart:

“Gente, facciamoci coraggio

 Andrà meglio

I nostri mondi si separano

e possono finire in qualsiasi momento 

Non ci sarà nessuna ritirata

Combatteremo fino alla fine 

A lutto e addolorati

avremo motivo di cantare

non ci arrenderemo. 

Facciamoci coraggio

Sarà più facile 

Facciamoci coraggio

E quando la luna è piena sopra Mariupol 

resisterò con tutta la mia forza

per tutti i minuti, per tutte le ore

E quando stanotte il cielo si illumina

sopra tutto il Donbas orientale 

Io aspetto tra le punte piegate dei girasoli 

Facciamoci coraggio

Sarà più facile 

Facciamoci coraggio

Gente, prendiamo posizione 

lo faremo insieme 

anche se sappiamo fin dall’inizio 

che potremmo non rivedere più 

la nostra gloria riflessa

sui venti che si alzano.

Stringiamo un’alleanza

di amici e di innamorati

Combattiamo per vincere

Torna da me, torna da me, torna da me vivo

Non posso vivere in questa terra,

non posso vivere la mia gioventù

mi manca la mia patria,

oh, meravigliosa Crimea.

Torna da me, torna da me, torna da me vivo

Facciamoci coraggio

Sarà più facile

Facciamoci coraggio”.

Canzone e popolo dell’anno.

 

Il link per l’ascolto della canzone

 

https://www.youtube.com/watch?v=oXPzYZ87Sjw&t=13s

 

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>