bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 10 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
novembre 2021
L M M G V S D
« Ott   Dic »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Mugellini Festival:domenica 7 novembre si chiude con l’omaggio aBeethoven dei pianisti Kotys e Kahanek diretti dal Maestro Zurakowsky

 

Foto Franco Zampetti

Foto Franco Zampetti

Con l’Orchestra Filarmonica Marchigianai due concerti finali  del ciclo dedicato a Beethoven

Dopo il grande successo dei primi tre concerti per pianoforte e orchestra di Beethoven che hanno visto i giovani pianisti Alessio Falciani e Giuseppe Ottaviani, con il Maestro Lorenzo Di Bella  nella duplice veste di solista e direttore dell’Orchestra Filarmonica Marchigiana,il Mugellini Festival si conclude domenica prossima 7 novembre con gli ultimi due concertiall’Auditorium “Scarfiotti” diPotenza Picena.

Saranno i due pianisti di fama internazionale l’ucraino Vasyl Kotys ed il ceco Ivo Kahanekad eseguire ilConcerto n.4 op.58 e il celeberrimo Concerto n.5 op.73 “Imperatore”sempre accompagnati dall’Orchestra Filarmonica Marchigiana, sotto la direzione del maestro polacco Bartosz Zurakowsky.

Sono estremamente felice ed orgoglioso che si porti a compimento un progetto così  importante come l’esecuzione dei cinque concerti per pianoforte e orchestra di L V Beethoven. – Ha affermato Lorenzo Di BellaUn ciclo completo sotto tanti punti di vista, dove si è dato spazio alla presenza di giovani talenti e che si concluderà con due importanti nomi del pianismo internazionale. Un’operazione che si consolida ancora più con la presenza istituzionale dell’Orchestra Filarmonica Marchigiana, diretta per l’occasione dal  Maestro Bartosz Zurakowsky. 

Il tutto viene amplificato dalla magia dei luoghi del Mugellini Festival e dalla presenza sempre maggiore di un pubblico che è cresciuto in qualità ed attenzione nel corso delle varie edizioni.”

 

Anche l’atteso Maestro Zurakowsky esprime tutta la sua ammirazione per il lavoro artistico che si svolge all’interno del Festival: “ Ogni volta che sono in Italia resto piacevolmente stupito dal fermento culturale e dell’elevata qualità artistica di cui sono capaci tanti piccoli centri. Un ciclo beethoveniano eseguito da artisti di questo calibro dona al Festival un respiro internazionale solitamente appannaggio dei grandi centri musicali europei.”

Il Maestro Bartosz Zurakowsky, considerato dalla critica tra i più notevoli direttori della suagenerazione, si è esibito nelle sale più prestigiose del  mondo,quali la Carnegie Hall di New York, la Sala Sao Paulo di SanPaolo, il Grand Teatro Nationale a Lima, il Palacio de BellasArtes a Città del Messico, la Royal Concert Hall di Glasgowe la Lviv Opera House. È vincitore del Witold Lutosławski International Conducting Contest, ed è presidente della Fondazione BelleVoci Art, direttore artistico ed esecutivo del BelleVoci International Music Festival, nonché direttore artistico generale del Musique d’Élite. Dal 2016 è direttoreprincipale alla Sudeten Philharmonic Orchestra di Wałbrzych.

 

 

 

 

Il Mugellini Festival organizzato da Centro Culturale in collaborazione con il Comune di  Potenza Picena e con la Regione Marche, nasce dell’amicizia tra il maestro Lorenzo Di Bella e l’artista Mauro Mazziero e dalla volontà di valorizzare la figura di Bruno Mugellini, il noto pianista e didatta della fine del XIX sec. di cui quest’anno si celebra l’anniversario dei 150 anni dalla sua nascita  a Potenza Picena. La doppia direzione artistica del Festival genera una rara simbiosi tra musica e arti visive per un emozionante viaggio nel Bello, in tutte le sue declinazioni.

 

Domenica 7 novembre, sarà protagonista della parte artistica visiva lo scultore ascolano famoso nel mondoGiuliano Giuliani,  interprete straordinario del travertino, materiale simbolo della sua città e presente nella sua vita fin dalla nascita, di cui l’artista ne ha saputo cogliere una natura leggera e assolutamente inedita.

A Giuliano Giuliani che sarà  presente all’appuntamento di chiusura del Festival con l’esposizione di alcune opere, alcune delle quali per la prima volta al pubblico,  sarà consegnato il Premio Mugellini 2021 per le arti visive.

Per assistere alla seconda parte del ciclo  de I Cinque concerti per pianoforte e orchestra di Beethoven il 7 novembre  al Mugellini Festival è possibile accedere alla prevendita sul sito del festival  www.mugellinifestival.it  (https://www.ciaotickets.com/biglietti/mugellini-festival-i-5-concerti-pianoforte-e-orchestra-2-parte) o in tutti i punti vendita Ciaotickets.

 

www.mugellinifestival.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>