bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


A tutti i nostri lettori

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 10 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
dicembre 2015
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Quante parole del vostro dialetto derivanti dallo spagnolo sapreste elencare?

La risposta

Nel dialetto di Porto Recanati se ne contano almeno un centinaio. Naturalmente non possiamo elencarle tutte qui; ne diamo solamente qualche esempio, in attesa di suggerimenti:

atturànte sost. m., poveraccio, che si arrangia assai per vivere, ha poi assunto un senso dispregiativo riferito a persone poco affidabili; SP americano atturante, neologismo popolare, dal nome della ditta inglese Toran, incaricata di installare le tubature dell’acquedotto di Buenos Aires e i cui operai dormivano all’interno dei tubi da collocare non disponendo di altri alloggi.

cagiàtu agg., calmo, prudente; SP callado (con pronuncia sudamericana g  dolce della ll), riservato, discreto, da callar, far silenzio, star zitto, mantenere un segreto. In uso nel gioco di carte del Truco per invitare il compagno a giocare con prudenza.

canulè, sost. m., canutiglia, frangia di piccoli fili di metallo o altro, ad ornamento di uniformi, stendardi, bandiere, usata anche per l’abbigliamento “normale” (sottana sfrangiata); SP cañutillo, piccolo cannello, da cañuto, tubetto, cannello.

ciaccarèru sost. m., alle prime armi nel lavoro, inesperto; SP chacarero, vergaro, contadino, dalla parola cilena chacra, terreno coltivato a legumi e ortaggi; venir de la chacra, essere un ignorante, ingenuo, incolto.

gualìcciu sost. m., filtro d’amore; SP gualicho, talismano, maleficio; dalla lingua degli indios di Patagonia, estremo sud dell’Argentina, i tehuelches, che così chiamavano lo spirito del male.

Abbreviazioni: sost. sostantivo – m. maschile – agg. aggettivo – SP spagnolo

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>