bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 10 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
marzo: 2021
L M M G V S D
« Feb   Apr »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Ascolta & Leggi: Pink Floyd con tre poesie di Lawrence Ferlinghetti

by almerighi.wordpress.com

ci si sente più piccoli e prossimi a sparire per la perdita di un così grande poeta, mica noi

Ferlinghetti Fonte Internet

Ferlinghetti Fonte Internet

Bisogna (bisogna… diciamo che può essere utile) saper leggere la realtà,
ma a volte è bello leggere anche l’irrealtà (basta non caderci dentro).

Il negozietto di caramelle dietro la soprelevata
è lì che per la prima volta
mi innamorai
dell’irrealtà
Gelatine luccicavano nella penombra
di quel pomeriggio di settembre
Sul bancone un gatto si insinuava tra
bastoncini di liquirizia
e barrette al cioccolato
e cicche Oh Boy

Fuori le foglie morivano e cadevano
Il vento aveva spazzato via il sole

Una ragazza entrò di corsa
Aveva i capelli zuppi di pioggia
Il seno ansava nella stanzetta

Fuori le foglie cadevano
e piangendo dicevano
Troppo presto! troppo presto!

Lawrence Ferlinghetti, in “Poesia” n. 346 Marzo 2019, traduzione di Leopoldo Carra

*

A SUD DEL CONFINE

I gringos e le gringas sulle sedie a sdraio
ingollano margaritas
e ascoltano i mariachi
e il ritmo dei guitarrones
E non sentono mai mai
i tamburi lontani dei diseredati
con le promesse fatte in piazza
e tradite nelle campagne

*

CON BECKETT

Ho sognato di vedere Samuel Beckett stanotte
che attraversava il giardinetto
dietro la scura carcassa cupa
della cattedrale di Notre-Dame
dove le foglie dei marronniers
fremevano sotto la pioggia
Indossava un consunto cappotto di tweed
con il collo tirato su
E ho immaginato che fosse appena uscito
dal Théâtre de la Poche
dove avevano appena messo in scena in francese
la millesima replica di Aspettando Godot
E si è seduto su una panchina bagnata
e fingeva di piangere mentre rideva
e fingeva di ridere mentre piangeva

E io ero seduto lì con lui
sotto i castagni
mon semblable mon frère!

*****************************************************

Lawrence Ferlinghetti è nato a Yonkers a New York nel 1919. Suo padre morì pochi mesi prima della sua nascita. La madre, Clemence, impazzì e fu ricoverata in un ospedale pubblico e Lawrence finì in un orfanatrofio. Ferlinghetti ha frequentato la “University of North Carolina” a Chapel Hill. Durante la sua permanenza all’università Ferlinghetti diventa il direttore del giornale dell’università e continua a scrivere poesie, che aveva cominciato a scrivere a 16 anni. Dopo la laurea, Lawrence è stato nella Marina Americana (United States Navy) durante la seconda guerra mondiale. Ferlinghetti è tornato in seguito a Bronxville e finito i suoi studi alla “Columbia University Graduate School”. Lawrence dopo avere terminato gli studi alla Columbia University decise di andare in Francia, dove svolge un dottorato di laurea in poesia alla Sorbona di Parigi. Successivamente è tornato a San Francisco dove insieme a Peter Martin inizia la pubblicazione di un giornale chiamato “City Lights.” City Lights fu un tentativo di dare voce al fermento culturale dell’area della Baia di San Francisco. Dopo poco tempo i due aprirono una libreria sotto i loro uffici , e il nome scelto per la libreria fu quello del gionale. Questa libreria “The City Lights bookstore” si trova ancora oggi nel luogo originale. Ferlinghetti ha pubblicato il suo primo libro di poesia “Pictures from a Gone World” nel 1955 per la City Light, la casa editrice da lui fondata. La sua seconda raccolta ” Coney Island della mente” (A Coney island of the mind) uscì nel 1958 e divenne un successo enorme , tanto che fino ad oggi ha venduto oltre un milione di copie. Nella sua attività di editore è stato il primo a pubblicare la discussa opera di Allen Ginsberg , “L’urlo” (Howl). Dopo la pubblicazione di “Howl” , Ferlinghetti fu accusato di pubblicazione di opera oscena ed indecente. Ferlinghetti possedeva un capanno rustico a Big Sur che divenne la principale ambientazione del romanzo di Jack Kerouac del 1962 “Big Sur”. Ferlinghetti appare nel libro come il sensibile Lorenzo Monsanto, che aiuta il personaggio (alias Jack Kerouac) a ritirarsi fra la natura per sfuggire al demone dell’alcol, ottenendo pessimi risultati. Ferlinghetti è stata una delle menti più “politiche” tra i Beats, e ha continuato la sua attività di lotta per tutti gli anni sessanta. I suoi principi pacifisti nascono proprio dalle sue esperienze personali di guerra. E’ morto ieri 23 febbraio 2021 alla bella età di 101 anni.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>