bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Piergiorgio Viti

Nino Pedretti. I partigiani

28423124_1468993993209813_2451015415754293486_oI PARTIGIANI

Non per ragioni di gloria
andammo in montagna
a far la guerra.
La patria e la guerra erano per noi
motivi vani.
Le mani, lasciateci libere
le mani, i piedi, gli occhi
gli orecchi. Lasciateci dormire
nel fieno accanto a una ragazza.
Questo chiedevamo
e ci siamo fatti impiccare
e siamo andati al macello
tremando e con le labbra
bianche di paura.
ma anche in quello stato
di fronte al boia fascista
uomini eravamo
e loro marionette.
E adesso che siamo morti
non rompeteci le scatole con le cerimonie,
dei vivi abbiate cura e
provvedete
che non si sprechi più
la giovinezza.

I PARTIGIEN

U n’è par véa dla gloria
sa sém andè in muntagna
a fè la guèra.
Ad guèra a sémi stoff,
ad patria ènca.
Evémi bsògn ad déi:
lascés al mèni lébri,
i pii, i occ, a gli uréci;
lascés durméi te fén
s’una ragaza.
Par quèst avém sparè
a’s sém fatt impiché
a sém andè e’ mazèll
pianzend te cor
e al labri ch’al treméva.
Mò ènca acsè a savémi
che a pèt d’un boia d’un fascésta,
nèun a sémi zènta
e lou dal mariunèti.
E adèss ch’a sém mòrt
n’u rumpéis i quaiéun
sal cerimoni,
pansé piutòst mi véiv
ch’i n’apa da perd ènca lòu
la giovinèza.

da “AL VOUSI”

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>