bacheca social

versus magazine

FAI UNA DONAZIONE





Versus. Intervista a Dorinda Di Prossimo di Anna Martinenghi

Dorinda-Di-Prossimo

di Anna Martinenghi by sdiario.com

M’accade di fare a pezzi un verso

Un suono come di sangue che se ne va

Uno spettinio di vocali

Uno spalancar di dolore

E mi visito nella sacrestia delle minuscole rese

Le partenze

Le rimanenze

Le parolette incomprese

Dorinda Dora Di Prossimo, 2016

Ho conosciuto Dorinda Di Prossimo ai tempi dei Blog – Internet d’altri tempi – attraverso le sue parole. Un incontro fulminante, una passione vera. La sua poesia, il modo personalissimo di scegliere e usare le parole “mettendo insieme montagne e formiche senza vergogna” come lei stessa afferma, contengono al contempo echi di poesia classica e formale, uniti a un linguaggio più che moderno che fanno del suo scrivere una voce unica e potente, perché sempre immediatamente riconoscibile. Dora – a me piace chiamarla così – ha il sigillo dei grandi: la capacità di trasmettere il suo punto di vista facendo coincidere forma e sostanza, anche quando tocca l’inesprimibile. Quando ho incontrato Dora, un paio di mesi fa, dopo anni di conoscenza solo letteraria e virtuale, è stato come tornare in una casa conosciuta, fatta anche di braccia, occhi, voce, energia del suo indiscutibile fascino. Dorinda Di Prossimo dovrebbe essere annoverata fra i grandi della poesia italiana contemporanea, anche se dice di non averne l’ambizione, il carattere, la voglia e preferisce una vita ritirata, lontano dalla follia delle folle. Ma questa è una delle poche cose che non le lascio dire.

 dorinda banner

Restiamoci umani. Arrestiamoci.

Precisi in tenerezza.

Dalla carità non svaniamo.

Scaviamo l’abbraccio per tetto di preghiera,

come l’arrotino, che l’innocenza affila

e, per le case bussa e, né bei panieri, l’offre.

Siamo la fortuna del vicino, la sua zuppa,

il palmo d’ogni pioggia.

Umani restiamoci. Tremiamoci. Trapassiamoci.

Dorinda Dora Di Prossimo. 2016

continua su Versus magazine

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>