bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Dialoghi in corso. LA VERGOGNOSA ASTENSIONE

By Internet

By Internet

di Francesca Chiavacci

Tantissimi applausi in Senato hanno accolto l’approvazione con 151 voti a favore della proposta della senatrice a vita Liliana Segre di istituire una commissione straordinaria per il contrasto all’odio, al razzismo e all’antisemitismo.

Un’idea nata sull’onda dell’odio digitale che ogni giorno, con una media di 200 messaggi, colpisce questa donna di quasi novant’anni, monumento vivente alla tragica memoria della Shoah, che porta impresso sul braccio e scolpito nell’anima il numero 75190 del lager di Auschwitz.

Parole violente, insulti e invettive di ogni tipo contro una donna che a 8 anni è stata espulsa da scuola perché “ebrea”, scampata per tre volte alle camera a gas, con un padre ucciso nel lager.

Quella di ieri è una decisione importante, che offre uno strumento nuovo contro una piaga contemporanea che avvelena il dibattito pubblico. Una decisione a cui ha fatto da contraltare la vergognosa astensione di Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia.

L’immagine di quelle braccia conserte di senatori rimasti polemicamente seduti, senza battere le mani, ci restituisce l’identità di questo cosiddetto nuovo centrodestra a trazione sovranista e razzista e ci fa riflettere sui pericoli che corre la cultura dei diritti umani nel nostro Paese.

Su quest’ultimo punto, i rischi di arretramento sono fortissimi. E i segnali di questa egemonia di matrice xenofoba e discriminatoria si ripropongono continuamente, come per esempio emerge dalle debolezze e dai tentennamenti delle forze di governo sulla cancellazione degli accordi con la Libia.

La battaglia per tenere viva e diffusa la cultura dei diritti umani è prioritaria. Il nostro impegno contro il linguaggi d’odio e la violenza si motiva ulteriormente e saremo al fianco di Liliana Segre in questa nuova missione. Ci crediamo ed è necessario.

Fa impressione una destra, in una sorta di corto circuito democratico, che si astiene sulla diffusione del linguaggio d’odio, un fenomeno che riesce – inoltre – ad augurare la morte a una sopravvissuta di un lager. Un argine a questo fiume di violenza è fondamentale per la tenuta della nostra democrazia.

by HuffingtonPost

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>