bacheca social

versus magazine

FAI UNA DONAZIONE





Dialoghi in corso. Chomsky: la guerra alla droga è una finzione per controllare la società

chomskyda Cultura Inquieta

In una conferenza all’UNAM, Noam Chomsky ha spiegato che l’ALS (Accordo di libero scambio) è un’arma degli Stati Uniti per controllare il Messico e ha tracciato brillantemente la storia della politica espansionistica del suo paese.

Noam Chomsky, linguista e politologo, ha sostenuto che l’accordo di libero scambio è stato concepito come un’arma per controllare il Messico in un seminario di sviluppo strategico per l’America Latina, tenuto al Pentagono nel 1990, proposto come un modo per prevenire i rischi di un’eventuale democratizzazione che osa sfidare gli Stati Uniti. Ciò è stato risolto imponendo riforme neoliberali che hanno legato il governo messicano. Minando l’agricoltura messicana, che competerebbe con le grandi corporazioni statunitensi sovvenzionate, si creerebbe una migrazione verso nord, che consentirebbe la militarizzazione dei confini.

Durante una conferenza alla National Autonomous University of Mexico nel 2009, Chomsky ha parlato di come Obama fosse un prodotto di marketing, prendendo come riferimento il fatto che la sua campagna presidenziale ha superato Apple come la migliore campagna promozionale secondo l’industria pubblicitaria.

“Le elezioni negli Stati Uniti sono montaggi spettacolari (stravaganze)”, ha detto Chomsky. Ha inoltre ricordato che i principali donatori della campagna di Obama sono stati gli istituti finanziari che in seguito ha salvato. Un cenno a Goldman Sachs, i cui ex dirigenti sono ora i dirigenti dell’economia americana. “I principali architetti delle politiche pubbliche non sono commercianti e produttori, ma istituzioni finanziarie e società transnazionali”, ha affermato.

internet

internet

D’altra parte, Chomsky ha affermato che la politica espansionistica del suo paese opera secondo le regole della mafia che protegge il suo territorio:

Che qualcuno riesca a sfidare il Maestro può diventare un virus che diffonde il contagio, prendendo in prestito il termine usato da Kissinger quando si prepara a rovesciare il governo di Allende.

[…] le politiche si conformano molto vicino alle dottrine dell’ordine mondiale formulate da pianificatori americani di alto livello durante la seconda guerra mondiale. Dal 1939 hanno riconosciuto che, qualunque fosse l’esito della guerra, gli Stati Uniti sarebbero diventati una potenza globale e avrebbero sostituito la Gran Bretagna.

Con la sua caratteristica intelligenza penetrante, ha smascherato “la finzione della guerra alla droga” come un programma nascosto per creare un nuovo nemico necessario. Proprio mentre il muro di Berlino cadeva e il nemico del comunismo si sgonfiava, gli Stati Uniti hanno invaso Panama. Sotto la nuova mappa geopolitica è diventato necessario “avere un nuovo pretesto, e questo è arrivato rapidamente: la minaccia dei trafficanti di droga di origine latina”, che ha permesso di aumentare l’intervento della polizia sia all’interno degli Stati Uniti che nel resto del mondo (Afghanistan , Colombia, Messico); A questo proposito, ha detto:

Il fatto che i metodi meno efficaci e più costosi siano costantemente privilegiati rispetto ai migliori è sufficiente per mostrarci che gli obiettivi della guerra alla droga non sono quelli annunciati.

L’addestramento degli ufficiali latinoamericani è aumentato notevolmente negli ultimi 10 anni, ben oltre i livelli della guerra fredda. Il pretesto è la guerra alla droga. Chomsky ha anche detto che gli Stati Uniti cercano di stabilire una base a Palanquero, in Colombia, da dove potrebbe monitorare l’intero sud del continente americano.

internet

internet

L’unica alternativa ottimista che Chomsky vede di fronte a questo macabro chiarimento del dominio planetario è la formazione di movimenti popolari indipendenti che sfidano la visione unipolare del mondo. O, in termini di Hakim Bey, comunità di resistenza intenzionale (utopie di Neopirate).

Raccomandiamo ai nostri lettori di consultare il testo completo di Chomsky sul quotidiano messicano La Jornada.

Avram Noam Chomsky è un linguista, filosofo, politologo e inarrestabile attivista americano. È professore emerito di linguistica presso il Massachusetts Institute of Technology e una delle figure fondamentali della linguistica del XX secolo, grazie al suo lavoro in teoria linguistica e scienze cognitive.

by Cultura Inquieta

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>