bacheca social

I Blanche: l’inedito che descrive la felicità di un amore

Un proiettore per Cinelinguaggi

Le donazioni raccolte attraverso la campagna #unproiettorepercinelinguaggi andranno a sostenere il progetto Cinelinguaggi per l'anno 2019. Una raccolta fondi finalizzata all'acquisto di apparecchiature adeguate all'iniziativa: un proiettore digitale con impianto audio. Ti chiediamo di prendere in considerazione l'idea di donare 5, 20, 50 euro o quello che puoi, per sostenere il nostro progetto. Puoi aiutarci donando un contributo volontario tramite carta di credito o PayPal. Per effettuare una donazione online, basta avere una carta di credito Visa, MasterCard, Postepay, American Express, Carta Aura, Maestro, Cirrus, ecc. Basta un click. Clicca sul tasto Donazione e segui le istruzioni. Dona ora!

FAI UNA DONAZIONE





Politica. Gustavo Zagrebelsky: “Questo voto è una rivolta”

BOLOGNA, ITALY - APRIL 01:  Italian constitutionalist Gustavo Zagrebelsky performs with italian musician Mario Brunello for Bologna Festival at Oratorio San Filippo Neri on April 1, 2017 in Bologna, Italy.  (Photo by Roberto Serra - Iguana Press/Getty Images)

Photo by Roberto Serra – Iguana Press/Getty Images

Il giurista e presidente emerito della Consulta al Fatto Quotidiano: “La direzione è quella. Ma ci vorranno tempi lunghi”

Huffington Post

Il voto del 4 marzo è stato “non una rivoluzione, piuttosto una ribellione o, se preferisce, una rivolta”. Una rivolta “contro la politica oligarchica” che non voleva votare e avrebbe voluto rinviare le elezioni “a non si sa quando”, ha “voluto rinviare di un po’ il redde rationem, ma alla fine è arrivato e per via democratica”. In un’Intervista al Fatto Quotidiano, il giurista e presidente emerito della Corte Costituzionale, Gustavo Zagrebelsky, osserva una “ribellione di massa contro la cristallizzazione e l’autoreferenzialità di un potere chiuso, lontano, incapace di avvertire le tante ragioni di sofferenza della nostra società”.

Una risposta è arrivata dal Movimento 5 Stelle, che si è affermato come primo partito proprio per la “miopia politica” nei confronti di “una massa di cittadini con difficoltà a vivere il presente e a immaginare il futuro” che popola il “fondo della piramide”. Zagrebelsky vede un rapporto di continuità tre passaggio tra il referendum costituzionale del 4 dicembre 2016 e il voto politico del 4 marzo 2018. Nel referendum è prevalso il “rigetto della politica privatizzata a vantaggio di un certo giro di potere. È stato la premessa, l’introduzione al secondo atto, l’atto finale”.

Ora, dinanzi al probabile stallo legato all’assenza di una chiara maggioranza parlamentare, Zagrebelsky vede una sola via, quella di un’intesa fra M5S e Pd. “La direzione è quella. Ma ci vorranno tempi lunghi. Quindi avremo modo di riparlarne”.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>