newsletter

Specchiomagazine Libri

 
Specchiomagazine Libri Incontro tra storie e lettori
Gruppo Facebook · 3 membri
Iscriviti al gruppo
 

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

Elezioni. Pasquale Tridico, professore associato di Politica economica: “Via il Jobs act, possibile ritorno dell’art.18”

Fonte: internet

Fonte: internet

Huffington Post

Pasquale Tridico è l’uomo indicato da Luigi Di Maio come titolare del Ministero del Welfare e del Lavoro di un Governo M5S. Calabrese, 42 anni, è professore associato di Politica economica a RomaTre. In un’intervista alla Stampa delinea le linee guida del suo progetto di azione: via il Jobs act, ridurre la flessibilità nel mondo del lavoro e valutare il ritorno dell’articolo 18; via gradualmente la Legge Fornero, in pensione si va con 41 anni di contributi a prescindere dall’età.

Capitolo lavoro, cambiare rotta rispetto alla precarizzazione causata dal Jobs Act e valutare la reintroduzione dell’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori, mentre interventi sul cuneo fiscale devono essere selettivi.

“È urgente invertire le politiche di estrema flessibilizzazione del mercato del lavoro approfondite di recente dal decreto Poletti sui contratti a tempo determinato e dal Jobs Act. Le evidenze empiriche mostrano che sono i Paesi con mercati meno flessibili a presentare le migliori performance in termini di produttività del lavoro in Europa” […] “La priorità è la revisione del decreto Poletti sui contratti a tempo determinato” […] Sull’articolo 18 “valutaremo se tornare alla disciplina precedente per le imprese sopra i 15 dipendenti, per quelle sotto non c’era prima e non crediamo sia utile”. […] “Il nostro intervento sul cuneo fiscale sarà selettivo, stiamo pensando a riduzioni in determinati settori economici e soprattutto sui lavoratori più giovani, a patto che la riduzione si accompagni all’aumento degli investimenti in innovazione”.

Capitolo welfare, eliminare il reddito di inclusione e puntare al reddito di cittadinanza.

“Il reddito di inclusione è una misura insufficiente. 187 euro a persona! Un altro bonus occasionale. La nostra misura di fatto è un reddito minimo condizionato, rivolta a circa 10 milioni di persone a cui permetterà anche di formarsi e di trovare un nuovo lavoro, nel caso non ce lo abbiano”.

Capitolo pensioni, Tridico è realista sui tempi del superamento della Legge Fornero.

“Stiamo pensando a un superamento graduale, che costerà 11 miliardi annui. Con la nostra riforma si potrà andare in pensione o con 41 anni di contributi versati, qualunque sia l’età, o quando la somma tra età contributiva e anagrafica è quota 100. Inoltre bloccheremo per 5 anni l’adeguamento dell’età pensionabile all’aspettativa di vita”.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>