newsletter

  • 'Game of Thrones': Nikolaj Coster-Waldau on Jon Snow and Daenerys' Incestuous Romance 21/08/2017
    'Game of Thrones': Nikolaj Coster-Waldau on Jon Snow and Daenerys' Incestuous Romance  Daily BeastGame of Thrones' Suicide Squad Have a Lot of Grudges  Screen RantHow to watch 'Game of Thrones' season 7, episode 6 for free  BGRThis season of Game of Thrones feels like fan fiction  The VergeFull coverage
  • Five sailors injured, 10 missing after US Navy destroyer collides with a merchant ship 21/08/2017
    Five sailors injured, 10 missing after US Navy destroyer collides with a merchant ship  Washington Post10 US Navy sailors missing after destroyer collides with merchant ship  CNN10 missing after USS John S. McCain collides with merchant ship; search underway  ABC NewsUSS John S McCain collides with merchant ship east of Singapore; 10 missing, 5 injured  Channel NewsAsiaFull coverage
  • Trump to unveil Afghanistan strategy after struggling with decision 21/08/2017
    Trump to unveil Afghanistan strategy after struggling with decision  PoliticoMattis confirms decision made on path forward in Afghanistan  Washington PostTrump to announce 'path forward' for US in Afghanistan  CNNTrump will address path forward on Afghanistan  ABC NewsTrump's Afghanistan strategy  Daily TimesFull coverage
  • Missing NC girl, 8, found safe in Kentucky 21/08/2017
    Missing NC girl, 8, found safe in Kentucky  WTVD-TVNC 8-year-old girl found safe; Amber Alert cancelled  WAVY-TVMissing 8-year-old Stokes County girl who was subject of Amber Alert found safe in Kentucky  myfox8.comFull coverage
  • Liberty University alumni to return degrees in protest 21/08/2017
    Liberty University alumni to return degrees in protest  CNNSome Liberty University Graduates Returning Diplomas to Protest Trump  Slate Magazine (blog)Jerry Falwell Jr. stands up for Donald Trump: 'I know him well'  Washington Times'This Week' Transcript 8-20-17: Jerry Falwell Jr. and Jeh Johnson  ABC NewsLiberty University Alumni To Return Diplomas Over School Official's Trump Support  HuffPostFull coverage
  • A shocking crime in Chicago — and the suspects have ties to leading universities 21/08/2017
    A shocking crime in Chicago — and the suspects have ties to leading universities  Los Angeles TimesMichigan hairstylist stabbed 70 times was killed in sex fantasy, prosecutor said  MLive.comNorthwestern prof, Oxford staffer extradited to Chicago  New Jersey HeraldFull coverage
  • US-South Korea set for divisive military drills 21/08/2017
    US-South Korea set for divisive military drills  BBC NewsNorth Korea denounces joint military exercises to start between US and South Korea  New York Daily NewsThese Are the Most Vulnerable Foreign Companies in Korea  BloombergNorth Korea warns of 'merciless strike' ahead of US-South Korea drills  CNNKorean crisis: US and South Korea kick off annual military exercises  The AustralianFull coverage
  • Anquan Boldin on retirement: 'My life's purpose is bigger than football' 21/08/2017
    Anquan Boldin on retirement: 'My life's purpose is bigger than football'  ESPNAnquan Boldin retires to 'make the larger fight for human rights a priority'  Washington PostAnquan Boldin says he's retiring less than two weeks after signing with Bills  CBSSports.comFull coverage
  • The slapstick, the telethons, 'Laaa-dy!' — comic and philanthropist Jerry Lewis dies at 91 21/08/2017
    The slapstick, the telethons, 'Laaa-dy!' — comic and philanthropist Jerry Lewis dies at 91  Los Angeles TimesFamously grumpy Jerry Lewis gave me the smackdown of my life  USA TODAYFor Jerry Lewis, Few Statuettes but Lots of Influence  New York TimesJerry Lewis Dies at Age 91  NBCNews.comROEPER: Either you got Jerry Lewis, or you didn't  Chicago Sun-TimesFull coverage
  • Houston's TD throw lifts Steelers over Falcons 21/08/2017
    Houston's TD throw lifts Steelers over Falcons  ReutersSteelers come from behind, win, 17-13  Steelers.comFalcons' rookie Takkarist McKinley shows burst in NFL debut  ESPN (blog)Full coverage
  • In totality's path, eclipse mania overshadows fears of Eclipsemageddon - for now 21/08/2017
    In totality's path, eclipse mania overshadows fears of Eclipsemageddon - for now  SFGateBefore a Solar Eclipse Crosses 14 States, a Great American Road Trip  New York TimesSolar Eclipse 2017: Last minute tips on glasses, viewing parties and pictures  The TennesseanTraffic still moving as solar eclipse approaches  San Francisco ChronicleSolar eclipses have always been weird. Don't let this one weird […]
  • Man confesses to killing 6-year-old sister and 2 young cousins 20/08/2017
    Man confesses to killing 6-year-old sister and 2 young cousins  CNNPolice: Man Confesses to Stabbing, Killing Sister, Cousins in Prince George's County  NBC4 WashingtonMan arrested after three girls found dead in Maryland home  WTSP 10 NewsFull coverage
  • Magic Johnson at center of NBA probe into Paul George tampering 20/08/2017
    Magic Johnson at center of NBA probe into Paul George tampering  ESPNLakers' Magic Johnson reportedly at center of NBA's Paul George tampering probe  Washington PostNBA looking into Pacers' allegations that Lakers tampered with Paul George  Los Angeles TimesPeter Vecsey is creating NBA coverage | Patreon  PatreonPeter Vecsey on Twitter: "NBA investigating Lakers 4 purported tampering w PGeorge. Independent law […]
  • More Charities Cancel Fund-Raisers at Trump's Mar-a-Lago Club 20/08/2017
    More Charities Cancel Fund-Raisers at Trump's Mar-a-Lago Club  New York TimesFlorida zoo is latest charity to move gala from Trump resort  Washington PostTrump's Mar-a-Lago Club loses its ninth big charity event this week  SFGateJUST IN: Protesters march to Mar-a-Lago, denounce Trump comments  Palm Beach PostPalm Beach Zoo Releases Statement, Announces Gala Venue Change | Palm Beach Zoo  Palm Beach ZooFull […]
  • Senator who hoped for Trump assassination in post apologizes 20/08/2017
    Senator who hoped for Trump assassination in post apologizes  ABC News'I have learned my lesson,' says Missouri state senator who hoped for Trump's assassination  Kansas City StarMissouri Senator Apologizes to Trump, Stands by Refusal to Resign  OzarksFirst.comFull coverage

Referendum. Non sono modifiche, è un’altra Costituzione

Luigi Ferrajoli Giurista Internet

Luigi Ferrajoli Giurista Internet

di  Luigi Ferrajoli

La legge di revisione costituzionale Renzi-Boschi investe l’intera seconda parte della Costituzione: ben 47 articoli su un totale di 139. Non è quindi, propriamente, una “revisione”, ma un’altra costituzione, diversa da quella del 1948. Di qui il suo primo, radicale aspetto di illegittimità: l’indebita trasformazione del potere di revisione costituzionale previsto dall’articolo 138, che è un potere costituito, in un potere costituente non previsto dalla nostra Costituzione e perciò anticostituzionale ed eversivo.
La differenza tra i due tipi di potere è radicale: il potere costituente è un potere sovrano, che l’articolo 1 attribuisce al “popolo” e solo al popolo, sicché nessun potere costituito può appropriarsene; il potere di revisione è invece un potere costituito, il cui esercizio può consistere soltanto in singoli e specifici emendamenti onde sia consentito ai cittadini, come ha più volte stabilito la Corte Costituzionale, di esprimere consenso o dissenso nel referendum confermativo alle singole revisioni. È una questione elementare di grammatica giuridica: l’esercizio di un potere costituito non può trasformare lo stesso potere del quale è esercizio in un potere costituente senza degradare ad eccesso o peggio ad abuso di potere.
Ma ancor più gravi sono la forma e la sostanza della nuova costituzione. Per il metodo con cui è stata approvata e per i suoi contenuti, questa legge di revisione è un oltraggio non tanto e non solo alla Costituzione del 1948, ma al costituzionalismo in quanto tale, cioè all’idea stessa di Costituzione.
Innanzitutto per il metodo. Non è con i modi adottati dal governo Renzi che si trattano le costituzioni. Le costituzioni sono patti di convivenza. Stabiliscono le pre-condizioni del vivere civile, idonee a garantire tutti, maggioranze e minoranze, e perciò tendenzialmente sorrette da un consenso generale. Servono a unire, e non a dividere, dato che equivalgono a sistemi di limiti e vincoli imposti a qualunque maggioranza, di destra o di sinistra o di centro, a garanzia di tutti. Così è stato per la Costituzione italiana del 1948, approvata dalla grandissima maggioranza dei costituenti – 453 voti a favore e 62 contrari – pur divisi dalle contrapposizioni ideologiche dell’epoca. Così è sempre stato per qualunque costituzione degna di questo nome.
La costituzione di Renzi è invece una costituzione che divide: una costituzione neppure di maggioranza, ma di minoranza, approvata ed imposta, però, con lo spirito arrogante e intollerante delle maggioranze. È in primo luogo una costituzione approvata da una piccola minoranza: dal partito di maggioranza relativa, che alle ultime elezioni prese il 25% dei voti, corrispondenti a poco più del 15% degli elettori, trasformati però, dalla legge elettorale Porcellum dichiarata incostituzionale, in una fittizia maggioranza assoluta, per di più compattata dalla disciplina di partito e dal trasformismo governativo di gran parte dei suoi esponenti, pur apertamente contrari. Insomma, una pura operazione di palazzo. E tuttavia questa minoranza ha imposto la sua costituzione con l’arroganza di chi crede nell’onnipotenza della maggioranza: rifiutando il confronto con le opposizioni e perfino con il dissenso interno alla cosiddetta maggioranza (“abbiamo i numeri!”), rimuovendo e sostituendo i dissenzienti in violazione dell’articolo 67 della Costituzione, minacciando lo scioglimento delle Camere, strozzando il dibattito parlamentare con “canguri” e tempi di discussione ridotti in sedute-fiume e notturne, ponendo più volte la fiducia come se si trattasse di una legge di indirizzo politico, ottenendo l’approvazione in un clima di scontro giunto a forme di protesta di tipo aventiniano, fino all’ultima, gravissima deformazione del processo di revisione: il carattere plebiscitario impresso al referendum costituzionale dal presidente del Consiglio che lo ha trasformato in un voto su se stesso. Non si potrebbe immaginare un’anticipazione più illuminante di quelli che saranno i rapporti tra governo e parlamento se questa riforma andasse in porto: un parlamento ancor più umiliato, espropriato delle sue classiche funzioni, ridotto a organo di ratifica delle decisioni governative. Del resto, sia l’iniziativa che l’intera gestione del procedimento di revisione sono state, dall’inizio alla fine, nelle mani del governo; laddove, se c’è una questione di competenza esclusiva del Parlamento e che nulla ha a che fare con le funzioni di governo, questa è precisamente la modifica della Costituzione.

L’illegittima mutazione del referendum costituzionale in un plebiscito era perciò implicita fin dall’origine del processo di revisione e strettamente connesso a un altro suo profilo di illegittimità: al fatto che il potere di revisione costituzionale, proprio perché è un potere costituito, ammette solo emendamenti singolari e univoci, i quali soltanto consentono che il successivo referendum previsto dall’articolo 138 avvenga, come ha più volte richiesto la Corte costituzionale, su singole e determinate questioni, e non si tramuti, appunto, in un plebiscito.
Si capisce come una simile revisione – quali che fossero i suoi contenuti, anche i più condivisi e condivisibili – meriti comunque di essere respinta, soltanto per il modo con cui è stata approvata. Giacché essa è uno sfregio alla Costituzione repubblicana, dopo il quale la nostra costituzione non sarà più la stessa perché non avrà più lo stesso prestigio. Le costituzioni, infatti, valgono anche per il carattere evocativo e simbolico del loro momento costituente quale patto sociale di convivenza. Questa nuova costituzione sarà percepita come il frutto di un colpo di mano, di un atto di prepotenza e prevaricazione sul Parlamento e sulla società italiana. Sarà la costituzione non della concordia ma della discordia; non del patto pre-politico, ma della rottura del patto implicito in ogni momento costituente: indipendentemente dai contenuti.

Ma sono precisamente i contenuti l’aspetto più allarmante della nuova costituzione. Si dice che con essa viene superato il bicameralismo perfettamente paritario. È vero. Ma il superamento del bicameralismo perfetto avviene con la sua sostituzione con un monocameralismo sommamente imperfetto. Imperfetto per due ragioni.
In primo luogo perché la seconda Camera non è affatto abolita, ma sostituita da un Senato eletto non dai cittadini, come vorrebbe il principio della sovranità popolare, ma dai Consigli regionali “in conformità” – non è chiaro in quali forme e grado – “alle scelte espresse dagli elettori”, e tuttavia dotato di molteplici competenze legislative. Contrariamente alla semplificazione vantata dalla propaganda governativa, ne seguirà un’enorme complicazione del procedimento di approvazione delle leggi. Basti confrontare l’attuale articolo 70 della Costituzione composto da una riga – “La funzione legislativa è esercitata collettivamente dalle due Camere” – con il suo nuovo testo, articolato in sette commi lunghi e tortuosi che prevedono ben quattro tipi di leggi e di procedure: a) le leggi di competenza bicamerale, come le leggi costituzionali, le leggi di revisione costituzionale, le leggi elettorali e altre importanti e numerose leggi sull’ordinamento della Repubblica; b) tutte le altre leggi, di competenza della Camera ma a loro volta differenziate, a seconda del grado di coinvolgimento del Senato nella loro approvazione, in tre tipi di leggi: b1) le leggi il cui esame da parte del Senato può essere richiesto da un terzo dei suoi componenti e sulle cui modificazioni la Camera si pronuncia a maggioranza semplice in via definitiva; b2) le leggi di cui all’articolo 81 4° comma, le quali vanno sempre sottoposte all’esame del Senato, che può deliberare proposte di modificazione entro quindici giorni dalla data di trasmissione; b3) le leggi di attuazione dell’articolo 117, 4° comma della Costituzione, che richiedono sempre l’esame del Senato e le cui modificazioni a maggioranza assoluta dei suoi componenti sono derogabili solo dalla maggioranza assoluta dei componenti della Camera.
All’unico procedimento bicamerale attuale vengono dunque sostituiti quattro tipi di procedure, differenziati sulla base delle diverse materie ad esse attribuite. È chiaro che questo pasticcio si risolve in un’inevitabile incertezza sui diversi tipi di fonti e procedimenti, ancorati alle diverse ma non sempre precise e perciò controvertibili competenze per materia. Il comma 6° del nuovo articolo 70 stabilisce che «i Presidenti delle Camere decidono, d’intesa tra loro, le eventuali questioni di competenza».

Ma come si risolverà la questione se i due presidenti non raggiungeranno un accordo? E comunque l’incertezza e l’opinabilità delle soluzioni adottate rimangono, e rischiano di dar vita a un contenzioso incontrollabile su questioni di forma che finirà per allungare i tempi dei procedimenti e per investire la Corte Costituzionale di una quantità imprevedibile di ricorsi di incostituzionalità per difetti di competenza.

Ma c’è soprattutto una seconda ragione, ben più grave e di fondo, che rende inaccettabile il monocameralismo imperfetto introdotto da questa revisione: la trasformazione della nostra democrazia parlamentare, provocata dalla legge elettorale maggioritaria n. 52 del 6 maggio 2015, in un sistema autocratico nel quale i poteri politici saranno interamente concentrati nell’esecutivo, e di fatto nel suo capo, ben più di quanto accada in qualunque sistema presidenziale, per esempio negli Stati Uniti, dove è comunque garantita la netta separazione e indipendenza del Congresso, titolare del potere legislativo, dal Presidente. Il sistema monocamerale infatti, in una democrazia parlamentare, implica un sistema elettorale puramente proporzionale, in forza del quale i governi e le loro maggioranze si formano in maniera trasparente in Parlamento, quali frutti del dibattito e del compromesso parlamentare, e restano costantemente subordinati alla volontà della Camera della quale il governo è espressione. Solo così il monocameralismo è un fattore di raffor­zamento, anziché di emarginazione del Parlamento: solo se l’unica Camera – la Camera dei deputati – viene eletta con un sistema elettorale perfettamente proporzionale, in grado di rappresentare l’intero arco delle posizioni politiche, di garantire perfettamente l’uguaglianza del voto, di riflettere pienamente il pluralismo politico e, soprattutto, di assicurare costantemente la presenza e il ruolo di controllo delle forze di minoranza e di opposizione. È stato solo questo il monocameralismo proposto in passato dalla sinistra: quello che, grazie alla massima rappresentatività ed efficienza decisionale dell’unica Camera, alla sua composizione pluralista e alla forza delle opposizioni, assicura quella che chiamavamo la “centralità del Parlamento”, cioè il suo ruolo di indirizzo politico e di controllo sull’attività del governo quale si conviene a una democrazia parlamentare.

1-SCEMPIO

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>