bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 10 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
novembre: 2021
L M M G V S D
« Ott   Dic »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

RECANATI al via Dance Well il primo progetto nella Regione per il miglioramento della qualità di vita dei malati di Parkinson

Alessia Zanchetta Dance well Gilberto Santinelli Amat Sindaco Antonio Bravi Ass Rita Soccio Roberto Casarotto Dance well Luigi Petruzzellis Sistema Museo

Dance Well entra  nel vivo da  gennaio 2022 a Villa Colloredo Mels

Al via  Dance Well – Movement and research for Parkinson nella città di Recanati, l’unica città delle Marche dove verrà  attivata l’iniziativa per promuovere la pratica della danza contemporanea in spazi museali e contesti artistici a beneficio dei malati di Parkinson e delle persone con ridotte capacità motorie.

Un progetto che rientra nell’ambito della Rete Welfare Culturale regionale “Cultura e Benessere” organizzato dal Comune di Recanati, l’Assessorato alla Cultura in collaborazione con l’ AMAT e con il Comune di Bassano del Grappa attraverso il suo CSC Centro per la Scena Contemporanea e il sostegno di Astea Energia.

 

“Dance Well di Bassano del Grappa  è la più importante realtà artistica  Italiana che studia e sviluppa  il rapporto tra la pratica della danza e il Parkinson– ha dichiarato il Sindaco Antonio Bravi  siamo stati i primi nella nostra Regione a voler offrire  questo importante servizio alla nostra comunità per aiutare  i malati di Parkinson ad avere una migliore qualità di vita,  l’attività potenzia  il senso del ritmo, dell’equilibrio e del movimento e  sviluppa relazioni interpersonali contro l’isolamento che spesso chi è affetto da questo tipo di malattia tende a sviluppare.”

Dopo la conclusione  del  Dance Well Teaching Course, il corso di formazione dedicato a dieci artisti marchigiani con una solida formazione di danza, finanziato dal Comune di Recanati attraverso borse di studio che  insieme ad altri 20 artisti provenienti da tutta Italia, dal Giappone e da Hong Kong hanno appreso le tecniche e metodologie del Dance Well, si entra ora nel vivo con lo svolgimento della pratica stessa, a partire dal prossimo mese di gennaio 2022 all’interno del Museo Civico Villa Colloredo Mels.

 

“Siamo molto felici di presentare il progetto Dance Wells che abbiamo voluto fortemente portare a Recanati per aiutare le persone malate di Parkinson attraverso la danza e la bellezza. – Ha affermato l’Assessora alla Cultura Rita Soccio–  Questo progetto nazionale conosciuto grazie ai corsi di formazione che abbiamo organizzato nei mesi scorsi nell’ambito del progetto “Cultura e Benessere”, va nella direzione che ci siamo prefissi come Rete Regionale del Welfare Culturale, ovvero far colloquiale gli ambiti culturali con quelli socio-sanitari. Dance Wells è il secondo progetto che presentiamo dopo quello indirizzato agli adolescenti Educare alla felicità che vuole dimostrare come gli eventi culturali siano un determinante fondamentale per la socialità, la formazione personale e il benessere psico-fisico  delle nostre comunità.”

 

La città di Recanati diventa così polo di riferimento della pratica Dance Well per il territorio marchigiano,  la prima lezione – gratuita e aperta a tutti e tutte senza limiti di età, su prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti disponibili – si svolgerà martedì 18 gennaio alle ore 17, condotto da Dance Well Teachers certificati.

 

Partito da Bassano del Grappa, Dance Well – Ricerca e movimento per il Parkinson è un progetto che si sta diffondendo sul territorio nazionale, Verona, Torino, Firenze, Roma, Bergamo, Milano e ora Recanati, e  in Giappone. La pratica consiste in lezioni di danza gratuite per persone con Parkinson, ampliata anche alle diverse comunità locali (familiari, caregiver, membri della comunità anziana over 60, cittadini) che si svolgono in spazi artistici (musei, pinacoteche). Lo spazio artistico è uno degli elementi che distingue Dance Well dalle pratiche tradizionali in sale di danza, palestre o spazi per la riabilitazione in senso stretto. Proprio per sottolineare con maggiore chiarezza che Dance Well è una pratica artistica, i partecipanti sono chiamati Dance Well dancers. Le lezioni di danza (classi) sono condotte da Dance Well Teachers certificati, liberi di proporre diversi approcci, tecniche e stili, attraverso le loro proposte artistiche, che si concentrano sullo sviluppo delle abilità espressive per la danza. La pratica Dance Well è artistica, ma include al suo interno varie strategie riabilitative, esercizio aerobico, immaginazione motoria, tecniche di cueing, training propriocettivo e sensitivo-motorio, in grado di avere effetti positivi sui sintomi e sulla qualità di vita delle persone con Parkinson. Fondamentale, per lo sviluppo della pratica e l’aggiornamento degli insegnanti, è la collaborazione con le strutture sanitarie che hanno creduto, sviluppato e sostenuto il progetto. Nel 2015 il Dottor Daniele Volpe responsabile del Centro per la malattia di Parkinson e i disordini del movimento – Casa Di Cura “Villa Margherita” di Arcugnano (VI) ha condotto uno studio scientifico di misurazione sui suoi pazienti, alternando la pratica di Dance Well a quella riabilitativa. Dall’analisi dei dati la proposta Dance Well può essere definita ugualmente valida rispetto alla riabilitazione tradizionale, con migliori impatti a livello emozionale. Recentemente, la pratica è apparsa anche nella pubblicazione Dancing with Parkinson’s della Dott.ssa Sara Houston, ricercatrice dell’Università di Roehampton, e nella pubblicazione dell’OMS sulle buone pratiche artistiche per il benessere psico-fisico.

 

Per partecipare alla pratica è necessario il Green Pass. Iscrizioni tramite email a c.tringali@amatmarche.net   o telefonicamente al numero 333 2401035.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>