bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 10 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
maggio: 2016
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Terremoto L’Aquila, la Cassazione conferma le condanne per il crollo della casa dello studente

da Il Fatto Quotidiano (11 maggio 2016)

Le accuse nei confronti degli imputati erano di omicidio colposo, disastro e lesioni. I supremi giudici hanno inflitto quattro anni a Pietro Centofanti, Tancredi Rossicone e Berardino Pace, tecnici del restauro alla struttura, e due anni e sei mesi per Pietro Sebastiani, presidente della commissione di collaudo

Terremoto L’Aquila (foto LaPresse/Manuel Romano)

Terremoto L’Aquila (foto LaPresse/Manuel Romano)

La Corte di Cassazione conferma le condanne per il crollo dellacasa dello studente, avvenuto il 6 aprile 2009 durante il terremoto de L’Aquila. Nella caduta dell’edificio morirono otto ragazzi. La quarta sezione penale della Suprema Corte ha inflitto quattro anni a Pietro Centofanti, Tancredi Rossicone eBerardino Pace, tecnici del restauro alla struttura eseguito nel 2000, e due anni e sei mesi per Pietro Sebastiani, tecnico dell’Adsu (Azienda per il diritto agli studi universitari) e presidente della commissione di collaudo. Le accuse nei confronti degli imputati erano di omicidio colposo, disastro e lesioni.

Alla lettura della sentenza da parte del presidente del collegio giudicante Rocco Blaiotta scene di commozione tra i numerosi famigliari delle vittime e i legali di parte civile presenti in aula.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>