bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 10 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
marzo: 2020
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Versus Magazine. La malinconica luce nei versi di Stefano Iucci

Stefano-Lucci

di Piergiorgio Viti

https://lospecchiomagazine.wixsite.com/versusmagazine/post/la-malinconica-luce-nei-versi-di-stefano-iucci

E’ la volta di Stefano Iucci, giovane giornalista romano che si dedica con passione alla scrittura e alla divulgazione della poesia. Di recente Iucci è uscito con “Schermi della risacca” (Il convivio editore).  Come scrive Mauro Fabi nella prefazione, “l’avvio di questa raccolta non lascia dubbi sul percorso intrapreso dal poeta romano, sullo scavo nella profondità dei sentimenti del dolore e della perdita”. “C’è un’amarezza (e forse un disincanto) nei versi di Iucci che fa intravedere l’altra parte della vicenda amorosa, quell’essere sempre soli anche quando si è in due.  Raffaele Manica invece, a proposito della precedente raccolta di Iucci, la prima, “Tutto all’improvviso è immobile” (Il Seme Bianco, 2017) scrisse: Quel che colpisce nelle poesie di Stefano Iucci – la prima e autentica impressione che fanno – è la loro probità. Tale probità (termine desueto, ma prezioso e forte) porta Iucci a temi di quotidiana umanità, pervasi spesso da una commozione trattenuta come per pudore. Per questo sono poesie di una strana e inattuale luce, che hanno origine forse in una stagione lontana della poesia del secolo andato: di quella stagione pacatamente si appropriano e la fanno rivivere di nuovo come necessaria.

 

È una questione di spazi vuoti

 

È una questione di spazi vuoti,

sono pieni senza fiori.

Le foglie hanno perso tutto.

Lo stelo, il fiore, le radici che c’erano.

Ballano nell’aria, se non hanno direzione.

Sembrano immobili al vento,

fa freddo al sole, si asciugano con la pioggia.

Non hanno tempo se il tempo

sta davanti e non torna più.

Cosa fanno se neanche un albero spoglio

le accoglie. Dove vanno.

continua a leggere.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>