bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


A tutti i nostri lettori

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste un caffè, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
luglio 2024
L M M G V S D
« Giu    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

MACERATA, BUON’ESTATE A PALAZZO BUONACCORSI GIOVEDÌ 11 E VENERDÌ 12 LUGLIO IN SCENA LA DANZA DI MASAKO MATSUSHITA

Horizon Koiné 2_Ph UProsegue a Macerata Buon’Estate, rassegna di arti performative a Palazzo Buonaccorsi promossa dal Comune di Macerata con l’AMAT, il contributo di Regione Marche e MiC. Due giornate, quelle di giovedì 11 e venerdì 12 luglio, per Masako Matsushita con Horizon Koinè, versione realizzata dalla coreografa nata a Pesaro con eredità giapponesi del Bolero di Ravel, e a seguire This is giulia (studio) con Giulia Torri, performance itinerante, tra il Cortile del Palazzo e la Galleria dell’Eneide in doppia replica, ore 20.30 e ore 22. Prima di entrare, il pubblico sarà accolto e avvolto dalla musica di compositori e cantanti di Bolero, anticamera della soglia che li introdurrà nella Galleria dell’Eneide in cui la danza la farà da protagonista.

 

Il Bolero è una canzone ballabile di alcune zone dell’America Latina, se non una danza e un’aria popolare spagnola che “furoreggiava in ogni strato sociale della Spagna, veniva eseguito anche in teatro, tra un atto e l’altro della rappresentazione principale, come intermezzo.” Il termine significa anche fanfarone e ballerino: boleras è il nome delle zingare che per prime lo danzarono. Il Bolero versione Ravel, dalla forza prorompente, fu realizzato sotto richiesta della danzatrice Ida Rubinstein nel 1928. Costante e ripetitivo è il passaggio della danza popolare alla danza nobile, dalle strade ai grandi saloni affrescati, dove l’irrefrenabile vitalità e grinta della plebe viene assorbita e raffinata dall’aristocrazia. Da una parte una riduzione all’uniformità, dall’altra un punto di sintesi in cui approdano tante diversità. La forza delle multiformità trova un comune denominatore diventando un faro di vocazione, un orizzonte. Da qui trae – appunto – origine Horizon Koiné di e con Masako Matsushita, creative producer Stefania Mangano, coproduzione Hangartfest e Ass. Fattoria Vittadini.

 

This is giulia (studio) con Giulia Torri, coreografia di Masako Matsushita, è la prima indagine di una serie riguardante l’identità del performer in scena e la sua storia, concentrandosi su Giulia in questo caso. Durante questa manifestazione identitaria, vengono esaminati i meccanismi legati al desiderio e al piacere, svelando cassetti segreti e lettere mai arrivate a destinazione. È una forma di presentazione di sé, un’offerta dedicata a chi guarda e assiste, un saluto sia alle anime presenti che a quelle assenti.

 

Artista multidisciplinare, Masako Matsushita si occupa dell’analisi del movimento attraverso coreografie e danze, installazioni performative e interazioni comunitarie. Esplora la presenza del corpo nello spazio con l’obiettivo di generare architetture per la socializzazione attraverso i sensi, partiture, mappe, interrogandosi sul legame tra cultura ed estetica, identità e tradizione, dispositivi virtuali e pratiche sensoriali. In collaborazione con l’artista norvegese Ingvild Isaksen, formano il duo chiamato A mas.ing, sperimentando come i comportamenti digitali e le realtà virtuali possano trasformarsi in esperienze sociali tattili. Elabora e realizza a livello nazionale e internazionale. Collabora con artisti quali Curandi Katz, Susan Sentler, Sivan Rubinstein, Elisabetta Consonni, Paolo Paggi, Irina Baldini, Matteo Maffesanti, Base 9 e tanti altri ed è una delle fondatrici della Galleria 4bid ad Amsterdam e insegnante Dance Well. Partecipa a diversi progetti del Programma Europa Creativa dell’Unione Europea grazie al dialogo e alla collaborazione con il CSC Centro per la Scena Contemporanea Città di Bassano del Grappa, tra cui Replay (2023-2025), Green Learning (2022/2023), Shape IT (2022), VIBES (2021/2022), Dancing Museums -The Democracy of Being (2019/2021), Museum of Human E-Motion (2019/2020).

 

Informazioni presso biglietteria dei Teatri 0733 230735, AMAT 071 2072439 e prevendite circuito vivaticket, anche on line.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>