bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


A tutti i nostri lettori

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 10 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
settembre 2022
L M M G V S D
« Ago    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Arte. Addio a William Klein, il fotografo che meglio ha saputo ritrarre l’asprezza e la bellezza della strada

william_klein_muerte2Senza fronzoli, con grande successo e uno sguardo visionario, chiaro e feroce. Questa è l’eredità lasciataci anche dal pittore e regista, morto all’età di 96 anni a Parigi.

william_klein_muerte4

“Il vero fotografo ha un occhio, un cervello e un’intenzione.” E all’autore di questa frase non mancava nessuna di queste caratteristiche. William Klein ci lascia all’età di 96 anni dopo una prolifica carriera artistica in cui spicca il suo ruolo nel mondo della fotografia, disciplina in cui ha cambiato per sempre le regole del gioco.

william_klein_muerte6

Klein è considerato uno dei cronisti grafici più importanti della storia, il pioniere della fotografia urbana e umana come la conosciamo.

Ha iniziato a fotografare a modo suo all’età di 25 anni sulla rivista Vogue. New York è stato lo zoom attraverso il quale ha camminato e il luogo dove ha trovato i protagonisti delle sue immagini, la vita urbana è stata protagonista e Klein è stato incaricato di mettere quel tocco sarcastico e accurato con cui è già passato nella memoria.

 

Sempre in anticipo sui tempi, portava i modelli fuori dalla pubblicazione sulla strada prima di chiunque altro e li collocava in ambienti in cui il resto dei mortali correva quotidianamente nella loro blanda routine. Un’effigie davanti a un barbiere. Una dea che aspetta in fila al chiosco.

02.Bikini_Moscova_rivers_beach_Moscow_1959_William_Klein

Gli aspetti formali della sua fotografia rafforzano la durezza e la verità delle sue immagini. Chiaroscuro, granuloso, ombre e volumi che si mescolavano tra loro e diventavano indistinguibili. Un aspetto macchiato, sporco, violento che non perde la sua stravaganza. La città stessa.

Pittore e regista, nonché rivoluzionario dietro l’obiettivo, Klein ha fatto della società moderna la sua musa ispiratrice in continuo movimento. Assertivo, senza fronzoli e diretto all’epidermide, come un dardo carico di realtà. Così è stato ed è così che ci lascia una delle più grandi figure della fotografia del 20° secolo.

by Cultura Inquieta

 

 

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>