bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


A tutti i nostri lettori

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 10 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
agosto 2022
L M M G V S D
« Lug    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Recanati: quasi il 90% delle opere pubbliche sono finanziate da fondi governativi reperiti dal Comune

ass Fiordomo Sindaco Bravi Arch. Paduano

Ad oggi su 52 milioni di euro di lavori pubblici l’Amministrazione ha già reperito fondi e finanziato opere per oltre 38 milioni di euro

Ammontano a  52.167.237,62 euro  il  totale delle opere pubbliche della città di Recanati tra quelle previste, in atto e compiute  dall’Amministrazione del Comune di Recanati guidata dal Sindaco Antonio Bravi,  di cui sono stati richiesti finanziamenti, a valere su fondi europei, statali e regionali, per 46.633.053,12 euro.

Ad oggi i fondi reperiti per il finanziamento di tali opere pubbliche assomma a 38.823.168,28 euro.

Il 90% circa dei costi delle opere pubbliche recanatesi non ricade sul bilancio comunale grazie alla grande capacità dell’Amministrazione, coadiuvata dell’ufficio tecnico diretto dall’Arch. Maurizio Paduano di progettare, vincere i bandi e reperire i finanziamenti necessari.

Questo il dato eclatante che emerge dall’analisi delle opere pubbliche in corso e che da anni riconferma l’Amministrazione recanatese come un vero e proprio modello di Comune italiano virtuoso.

 

“Un dato importante che premia la nostra strategia di cogliere le opportunità in maniera continuativa per migliorare la città e le sue strutture. E’ un imperativo per noi continuare a non perdere un solo euro. – Ha dichiarato il Sindaco Antonio Bravi Recanati è una città in continuo sviluppo che ha attraversato secoli e che negli ultimi anni grazie ad una politica che guarda al suo futuro migliore, valorizza il passato trasformandolo in un’ottica di modernità ed efficienza in una visione comune verso il benessere di domani.”

 

Su un totale di 48 opere pubbliche, suddivise tra interventi di mitigazione del dissesto idrogeologico, messa in sicurezza delle strade, viabilità ciclo pedonale, edilizia scolastica, rigenerazione urbana, opere della ricostruzione del sisma ed impiantistica sportiva, 29 opere sono in corso di progettazione ed esecuzione e 14 sono state già ultimate.

 

Sembra davvero un piccolo miracolo amministrativo questa vitalità dei lavori pubblici, per i tanti cantieri attivi in questo periodo e per i progetti che si perfezionano per i lavori che si attiveranno nei prossimi mesi e nel 2023. – Ha affermato l’assessore ai Lavori Pubblici  Francesco Fiordomo  – È il risultato di una programmazione che parte da lontano, di tecnici, funzionari e operai comunali preparati e innamorati della città, di professionisti esterni e ditte serie… insomma… un lavoro di squadra che ha fatto crescere a fa crescere la città. Tanti lavoro e tantissimi finanziamenti europei e dello stato. Recanati oramai ha consolidato il suo virtuosismo nella capacità di intercettare fondi.”

 

 

A seguire i numeri di ogni settore d’intervento.

Edilizia scolastica

Sono previsti e in atto sulle scuole di Recanati investimenti di opere pubbliche per 14.232.340,70 euro di cui  13.850.337,21 euro  richiesti a valere su fondi del PNRR. Nei lavori di edilizia scolastica rientrano gli interventi di adeguamento sismico della scuola Pintura del Braccio, delle Scuole dell’Infanzia di Via Camerano, di Via A. Moro e  di Montefiore.

Nella Scuola secondaria di 1° grado M.L. Patrizi è previsto un’ intervento  sia di adeguamento sismico sia di efficientamento energetico.

Sono inoltre stati richiesti finanziamenti dal PNRR per l’adeguamento sismico ed efficientamento energetico dell’edificio scolastico “Carlo Urbani” di Castelnuovo e  dell’Asilo Nido Comunale dove sono previste anche opere di ampliamento per  la creazione di nuovi posti. E’ stato infine richiesto il cofinanziamento per la realizzazione di una nuova Scuola Primaria dell’Istituto Comprensivo B. Gigli per il trasferimento da fitti passivi delle scuole dell’infanzia M. Ventre e Via Kennedy.

In questa analisi rientrano anche i costi degli ultimi  lavori effettuati nelle scuole Le Grazie e Pintura del Braccio per l’installazione degli impianti di ventilazione meccanica controllata.

 

Mitigazione del dissesto idrogeologico

Gli interventi pubblici di mitigazione del dissesto idrogeologico di Recanati  hanno un costo totale di  8.409.937,13  euro di cui ad oggi sono stati già finanziati da contributi governativi  reperiti dal Comune per la somma di  6.809.937,13 euro, la somma restante sarà coperta  dai nuovi finanziamenti richiesti. Tra le opere interessate rientrano i lavori di consolidamento del versante a valle del Castello di Montefiore,  del versante est di Recanati Fosso delle Conce,  del versante nord di Recanati via Beato Benvenuto da Recanati e i lavori del “Colle dell’infinito” e del “Paesaggio Leopardiano”.

Impiantistica sportiva

Sono in atto  interventi pubblici  sui due principali impianti sportivi di Recanati il Palazzetto dello Sport “Cingolani-Pierini” e lo Stadio Nicola Tubaldi per un importo totale di 5.436.630,37 euro di cui 1.690.000 euro finanziato da contributi governativi.

Le opere al Palazzetto riguardano l’adeguamento e messa in sicurezza dell’edificio, l’ampliamento per una capienza di 2000 spettatori, l’efficientamento energetico, la sistemazione esterna, la messa a norma del sistema fognario, l’installazione degli impianti tecnologi e dei monitor ledwall .

Per quanto riguarda lo Stadio Tubaldi sono in atto il rifacimento del manto in erba sintetica e i lavori di adeguamento della struttura per il campionato di serie C.

Interventi di messa in sicurezza delle strade

Gli interventi di messa in sicurezza delle strade hanno un costo totale di  2.215.000 euro già finanziati dai contributi governativi reperiti dal Comune per  1.575.000 euro.

Tra gli interventi ricordiamo i lavori della bretella stradale di collegamento tra la Zona industriale Castelfidardo e la Zona industriale Squartabue, la manutenzione straordinaria

 

strade del 2021 e del 2022 con il rifacimento degli asfalti e la sistemazione delle strade bianche, la messa in sicurezza dell’intersezione stradale tra la strada Mariano Capecci e la strada  Pierino Guzzini con  la realizzazione di una rotatoria, la manutenzione straordinaria della strada Cirfoglio e gli interventi  di messa in sicurezza di ponti, percorsi pedonali e l’installazione di barriere di protezione (guard rail).

 

Interventi di ricostruzione post sisma 2016 e 1997

In merito agli interventi di ricostruzione inerenti  ai danni causati  del terremoto del 1997 e 2016 hanno un costo totale di 16.873.329,42 euro e vengono  finanziati  da contributi reperiti per la quasi totalità ovverosia  16.673.329,42 euro. Nei lavori rientrano gli interventi per il miglioramento sismico del Palazzo Comunale e la realizzazione della palazzina per la delocalizzazione delle funzioni strategiche. Per quanto riguarda la ricostruzione della Scuola primaria “B. Gigli” e l’ intervento di riqualificazione e messa in sicurezza dell’area esterna si stanno completando le procedure per il cofinanziamento da parte del Commissario Straordinario e per l’ avvio della gara d’appalto prevista entro l’anno. I lavori al complesso di San Vito sede dell’I.C. “N. Badaloni”, in fase di completamento, prevedono la  chiusura cantieri nel prossimo mese di ottobre e il rientro a scuola degli alunni dopo le festività natalizie.

 

Interventi di rigenerazione urbana

Gli interventi di rigenerazione urbana hanno un costo totale complessivo di  5.000.000 euro di cui finanziati da contributi governativi  reperiti dal Comune per la somma di  4.709.449,36 euro. Tra i lavori in atto  ricordiamo: la rifunzionalizzazione del verde pubblico attrezzato nell’area di Via degli Alpini, da adibire a luogo di aggregazione e di socializzazione a servizio dei Rioni Mercato, San Francesco.

Nel rione Castelnuovo vanno segnalati:  il restauro e la rifunzionalizzazione dell’ “Ex Asilo Carancini” da adibire a centro polivalente culturale, la riqualificazione del campetto di calcio e del parcheggio per un impianto sportivo polivalente indoor e la ristrutturazione e riqualificazione dell’ex cortile delle Clarisse da adibire a spazio pubblico polivalente.

Nella frazione di Montefiore ricordiamo l’intervento di restauro del Castello di Montefiore, da adibire a contenitore per attività culturali e sociali

Nella lista sono inseriti sia il restauro e la riqualificazione dell’edificio comunale “ex Filanda Mattutini” e sia la  rifunzionalizzazione   di alcuni locali comunali del complesso di Villa Colloredo Mels per l’implementazione dell’offerta museale, culturale e turistica.

 

Interventi dedicati alle strade ciclo pedonali

Gli interventi per la creazione delle Ciclovia del Potenza  e Ciclovia della Valmusone sono totalmente finanziati dalla regione Marche per un importo di  1.300.000 euro.

 

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>