bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 10 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
gennaio: 2019
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Porto Recanati. Tre anni senza Giulio Regeni. Manifestazione il 25 gennaio

Regeni 2018

i Eleonora Tiseni

Tre anni, 1095 giorni da quel 25 gennaio 2016, giorno in cui il ricercatore italiano Giulio Regeni fu
rapito a Il Cairo e poi orribilmente trucidato. Tre anni trascorsi senza verità e senza giustizia.
Non possiamo dimenticare Giulio, non possiamo permettere che cada il silenzio sulla sua vicenda
e non possiamo lasciare sola la sua famiglia, che con un coraggio e una determinazione senza
pari non ha mai smesso di lottare e di scuotere le coscienze delle Istituzioni e degli uomini e delle
donne di questo Paese.
Per il secondo anno consecutivo, venerdì 25 gennaio Porto Recanati si unirà ad Amnesty
International Italia e ad oltre cento città italiane: alle 19.41 verranno accese candele per ricordare
l’ora esatta in cui il giovane invio l’ultimo sms prima di cadere nelle mani dei suoi aguzzini.
Il ritrovo è a partire dalle ore 19 in Corso Matteotti, nello spazio antistante l’ex scuola Diaz, oggi
sede della Biblioteca comunale.
«In questi tre anni abbiamo continuato giorno dopo giorno a chiedere la verità con iniziative in ogni
parte del paese – si legge nel comunicato diramato da Amnesty International Italia -; continueremo
fino a quando ci sarà una verità giudiziaria che coincida con quella storica, che attesti quel "delitto
di stato", ne accerti le responsabilità individuali e le collochi lungo una precisa catena di
comando».
Eleonora Tiseni

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>