bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 10 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set   Nov »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Società. Perché a tante persone intelligenti piace spesso stare da sole? La psicologia evolutiva ha un’ipotesi

 

Fonte internet

Fonte internet

Francesca Woodman

Quante volte le persone più brillanti preferiscono la solitudine, sembra essere la conseguenza di un adattamento evolutivo.

Forse per molti di noi è nota l’immagine del genio solitario. Faust, Sherlock Holmes, Thoreau Tesla, tra molti altri, la letteratura, il cinema, la filosofia e la scienza abbondano negli esempi  fittizi e reali di persone molto intelligenti che hanno anche la caratteristica solitudine condivisa, una sorta di isolamento che, al contrario di ciò che potremmo credere e come insegnano le loro storie di vita, è volontario e persino piacevole, come se solo da se stessi fosse necessario creare grandi opere.

La spiegazione di questo fenomeno non è semplice e di certo nemmeno a causa di un singolo fattore, ma pochi giorni fa, i ricercatori Norman Li e Satoshi Kanazawa hanno pubblicato sul British Journal of Psychology risultati di uno studio in cui, dal punto di vista della psicologia evolutiva, hanno esplorato la relazione tra intelligenza e solitudine.

Li e Kanazawa si sono basati sulla “teoria della felicità della savana”, che traccia l’origine del senso di soddisfazione per la vita nel periodo del Pleistocene (iniziato 2.6 milioni di anni fa e terminato circa 10.000 anni prima la nostra era), in cui i nostri antenati più diretti erano Homo habilis, Homo erectus, Homo neanderthalensis e, verso la fine, Homo sapiens.

Secondo questa teoria, il cervello umano si è evoluto nel corso di questo periodo,  i nostri antenati avevano reazioni a determinati eventi della sua vita, che anche se è stato un vantaggio, ha portato anche a una certa difficoltà a comprendere pienamente il loro proprio presente. In questo senso, la soddisfazione per la vita è il risultato di una combinazione tra questa eredità e la possibilità di comprendere il momento attuale in cui vive l’individuo.

Sulla base di questa premessa, i ricercatori hanno analizzato le informazioni su 15 mila giovani di età compresa tra 18 e 28 anni, raccolti nello Studio nazionale sulla salute degli adolescenti negli Stati Uniti. In particolare, gli psicologi hanno raccolto statistiche riguardanti l’intelligenza, la salute, il benessere e la soddisfazione.

Tra le prime osservazioni, Li e Kanazawa hanno notato che generalmente il trovarsi  in grandi concentrazioni di persone porta  a sentimenti di infelicità, ma al contrario, socializzare con alcuni amici suscita emozioni  soddisfacenti.

Fonte internet

Fonte internet

Tuttavia, per quest’ultimo fenomeno c’era un’eccezione: una minoranza per la quale socializzare, anche con gli amici, era causa di infelicità. Per coincidenza, questi stessi individui erano secondo i dati, più intelligenti della media della popolazione.

Secondo i ricercatori, queste persone si distinguono dal resto perché, per la loro stessa intelligenza, tendono a fare cose “fuori dalla natura”, che, in questo caso e sotto la “teoria della felicità della savana”, significa che cercano di fare ciò che i loro antenati non hanno fatto. Non socializzare, per esempio, o non trovare la felicità in contatto con gli amici.

Se questo è sostenibile o no, lo lasciamo ovviamente alla vostra considerazione. Anche se è vero che ci sono molti esempi nella storia delle discipline creative che sembrano dimostrarlo.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>