bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 10 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set   Nov »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Ambiente. NO a sanatorie edilizie nella nostra regione.

Internet

Internet

Comunicato Stampa ItaliaNostra

Si apprende che due parlamentari della nostra regione abbiano presentato emendamenti al
Decreto Genova, in particolare sul “sisma 2016”, per introdurre la sanatoria degli abusi edilizi
anche nelle nostre zone del terremoto, come previsto per Ischia.
Minimizzare la cosa parlando di mini sanatoria, cose di piccola entità, aumenti di volumetria
nell’ambito del piano casa, vuol dire in verità:
– violare le leggi n.724/94 e n.326/03,
– autorizzare la ricostruzione di pezzi di casa abusiva che possono arrivare fino al 40%
della volumetria legale
– far passare per “fessi” i cittadini che rispettano la legge e tradire l’impegno assunto a
favore del rispetto delle leggi.
Il Consiglio Regionale Marche di Italia Nostra segnala alla opinione pubblica tale disinvolto
comportamento dei parlamentari in questione e denuncia come, con il provvedimento in
discussione, si vorrebbe calare una pietra tombale su tutti gli abusi perpetrati permettendo
una sanatoria generalizzata degli ampliamenti illegali, talmente illegali che non sono stati
sanati in precedenza, anche perché probabilmente non rilevati da chi doveva controllare e
non richiesti dagli stessi abusivi.
Italia Nostra è vicina alle esigenze della popolazione alle prese con gli enormi ritardi della
ricostruzione che richiederebbe una più puntuale valutazione urbanistica delle situazione che
si è avvenuta a creare e non invece di interventi generalizzati ed indiscriminati.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>