bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 10 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
febbraio: 2016
L M M G V S D
« Gen   Mar »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
29  

Sit-in contro riforma sanitaria il 6/2, sabato mattina comitati di cittadini in piazza Roma ad Ancona

ANSA.it

Ospedale di Recanati

Ospedale di Recanati

Fabriano, Matelica, Cagli, Osimo, San Severino e Pesaro ”insieme per sostenere la sanità pubblica”. Non si ferma la protesta dei cittadini contro la riforma sanitaria portata avanti dalla giunta regionale, che sabato prossimo 6 febbraio scenderanno in piazza insieme ad Ancona. Il comitato in difesa del punto nascita di Fabriano fa sapere che ”dopo le varie proteste che i singoli comuni hanno condotto ciascuno perorando la propria causa, i cittadini hanno deciso di unire la loro voce. I manifestanti si incontreranno a piazza Roma per un sit in che durerà tutta la mattinata”.
Il coordinamento a favore del punto nascita di Fabriano difende l’ospedale cittadino ”e il diritto delle partorienti di avere un servizio sicuro ed efficiente. L’aggregazione con i coordinamenti delle altre città ricorda che la questione interessa tutti, non solo le donne in dolce attesa, ma l’intera sfera dei servizi sanitari”.

1 commento a Sit-in contro riforma sanitaria il 6/2, sabato mattina comitati di cittadini in piazza Roma ad Ancona

  • Spero che non capiti mai qualche grave infortunio sul lavoro perchè poi altro che stabilizzazione dello sventurato,oppure che da oggi in poi non ci siano più infartuati e cose di questo genere!!!!Ai cittadini si tolgono i diritti,ai privati si garantiscono i profitti,questo è il mondo della Sanità ,l’abbiamo voluto e ben ci stà!!!!Sono del parere che il Sit in non serva ad altro che farsi prendere in giro ancora una volta ,perchè se questo hanno deciso questo sarà!!!!Ieri il governo ha disposto l’aumento dello stipendio alle due Camere e riqualificato i barbiere delle due camere a commessi cosi hanno aggirato l’ostacolo della riduzione degli stipendi che sarebbe dovuta partire nel 2018. Andiamo avanti cosi che va tutto bene !!!!

Invia un commento a roberto anconetani Cancella commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>