bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 10 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
dicembre 2015
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Approvata la riforma RAI. FNSI-USIGRAI: “doppio colpo ad autonomia azienda”

Articolo 21

RAI TV

RAI TV

Via libera definitivo del Senato alla riforma della governance della Rai. Il provvedimento è stato approvato dall’Aula con alzata di mano, subito dopo il via libera alla fiducia sulla legge di Stabilità. Con la riforma Rai, arriva un “doppio colpo all’autonomia del Servizio Pubblico”. Lo denunciano congiuntamente Fnsi e Usigrai con una nota in cui si sottolinea che “il presidente del Consiglio aveva promesso di togliere la Rai ai partiti e restituirla ai cittadini. E invece l’ha messa alle dirette dipendenze del governo. Con un doppio colpo, Palazzo Chigi ha portato sotto il proprio diretto controllo i 2 pilastri dell’autonomia e dell’indipendenza dei Servizi Pubblici: fonti di nomina e finanziamenti”.

Da oggi – scrivono Beppe Giulietti e Raffaele Lorusso, presidente e segretario generale Fnsi, e Vittorio Di Trapani, segretario nazionale Usigrai, l’azienda “sara’ guidata da un amministratore delegato, quindi da un capo azienda con molti piu’ poteri, scelto direttamente dal governo”. Allo stesso tempo, “con la Legge di Stabilita’, il governo si prende il controllo anno per anno anche dei finanziamenti del Servizio Pubblico, uno degli strumenti piu’ forti per condizionare la gestione e le scelte editoriali della Rai. L’Italia e’ gia’ da troppo tempo in fondo alle classifiche mondiali per la liberta’ di informazione. Ora c’e’ il concreto rischio di scivolare ancora piu’ in basso”.

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>