bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 10 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
maggio 2022
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Porto Recanati. Il Palio storico di San Giovanni ad Agosto 2022, non si disputerà.

 

 

1524813_10202528849078843_8739286136882486379_n 10301436_10202528848878838_5271960128294392511_n

 

10303776_10202528849718859_7365825623227300063_n 10351001_10202528848078818_2350207352441035821_n 10351256_10202528847878813_7662164369129279494_n 10435904_10202528848438827_1143429302291597470_n 10441332_10202528848718834_1885642300091233968_nIl Palio storico di San Giovanni di Porto Recanati, ad Agosto 2022, non si disputerà. Sono diverse le cause che hanno determinato il terzo stop consecutivo, e le spiegano con questo comunicato congiunto il presidente dell’Ente Palio Italo Canaletti e il sindaco di Porto Recanati Andrea Michelini.

Lo stato di emergenza legato alla pandemia da Covid-19 è terminato lo scorso 31 marzo, di conseguenza l’organizzazione vera e propria della manifestazione sarebbe dovuta partire ad aprile, ma sappiamo bene che per mettere in piedi eventi di questo tipo è necessario dare il via ai lavori molti mesi prima, almeno ad inizio anno.

Inoltre, la realizzazione del Palio è legata a doppio filo con i sette quartieri cittadini: tra i compiti di vitale importanza che essi ricoprono, infatti, c’è il “reclutamento” delle ciurme, degli atleti che corrono il palio – circa un centinaio, nel complesso, se consideriamo dodici corridori a compagine – della “manodopera” e dei collaboratori: senza questi attori protagonisti, lo spettacolo non può andare in scena. Ad oggi, sappiamo che i sette quartieri devono essere rifondati dalle fondamenta anche perché alcuni sono rimasti senza comitato: se da un lato aspettiamo con fiducia le elezioni per la loro ricostituzione che, anche a causa del referendum del 12/6, non potranno svolgersi prima del prossimo 19 giugno, dall’altro l’Ente si trova senza una essenziale spinta propulsiva per lo svolgimento dell’evento.

L’Ente Palio, inoltre, sta pensando a come riorganizzarsi dopo questi due anni di pandemia, durante i quali sono emersi interrogativi su quale sia il modo migliore di portare avanti la storica manifestazione e sono state introdotte nuove normative e procedure che impongono un impegno sempre maggiore a un direttivo che ha bisogno di accogliere al suo interno nuove risorse. Un direttivo che ha tra l’altro terminato il suo mandato e che sta cercando di capire come muoversi, in considerazione del fatto che durante l’emergenza sanitaria non si è potuta strutturare la campagna di tesseramento dei nuovi soci, necessaria perché si possa eleggere la nuova dirigenza.

L’Ente Palio vive purtroppo una problematica comune a diverse realtà associative, ovvero la difficoltà a coinvolgere persone nuove, a far sì che ci sia un cambio generazionale propedeutico ad aprire una nuova stagione di una manifestazione che in passato aveva avuto il merito di appropriarsi di un valore storico, turistico e sociale.

Una parola chiave può essere “rifondazione”, che deve riguardare l’Ente Palio come struttura associativa, il Palio come evento e i Comitati di Quartiere come organismi capaci di attrarre nuove risorse umane e nuove idee. Il tutto al fine di poter ricostruire un tessuto che sappia produrre iniziative e sappia ridare vita una manifestazione alla quale i portorecanatesi sono ormai affezionati.

Per far sì che queste molteplici rifondazioni avvengano c’è bisogno di tempo e di un costante dialogo con l’Amministrazione Michelini, che è stato già avviato.

 

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>