bacheca social

FAI UNA DONAZIONE





Sostieni questo progetto


A tutti i nostri lettori

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 10 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.
febbraio 2022
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28  

Mattarella ha detto che l’Italia è un Paese indegno. E il Parlamento si è alzato ad applaudire

Fonte internet

Fonte internet

di Raimondo Giustozzi

Nel suo discorso di giuramento come nuovo Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella ha detto tredici volte che l’Italia è un Paese indegno. Spiegate ai parlamentari che non li stava assolvendo.

Mattarella ha detto tredici volte che l’Italia è un Paese indegno. E il Parlamento si è alzato tredici volte ad applaudire in piedi.

Basterebbe questo per raccontare dell’ipocrisia di una classe politica – leader e peones, senza distinzioni di sorta – che si è nascosta sotto la sottana del suo elemento più rappresentativo, l’unico o quasi ad avere ancora un brandello di credibilità trasversale nell’opinione pubblica, prima eleggendolo Presidente della Repubblica per la seconda volta, e poi accogliendolo come una superstar in Parlamento, sottolineando ogni sua pausa con una standing ovation.

Fosse solo deferenza, o subalternità, o gratitudine per aver salvato la legislatura – e le poltrone – dallo spettro delle elezioni anticipate, potremmo pure giustificare questa seduta collettiva di squat parlamentare.

Quel che è francamente imbarazzante è l’adesione senza alcun imbarazzo a un discorso che rappresenta forse il più duro atto d’accusa verso la classe politica del nostro Paese che si sia mai sentito nei due emicicli. Peggio: un elenco puntiglioso di tutti i fallimenti di cui l’attuale classe politica si è resa – come minimo – corresponsabile, in concerto con chi l’ha preceduta.

Perché se, come dice Mattarella, dignità è azzerare le morti sul lavoro, l’Italia delle 1221 morti sul lavoro nel 2021, e che pesta a sangue gli studenti che protestano in memoria dello studente Lorenzo Parelli, morto sul lavoro, è un Paese indegno.

Perché se dignità è opporsi al razzismo e all’antisemitismo, ed è interrogata dalle migrazioni, dalla tratta e dalla schiavitù di esseri umani – ne accorpiamo tre assieme, per comodità – l’Italia degli ordinari episodi di discriminazione, degli assessori con la pistola, delle baraccopoli e dei campi di pomodori, degli accordi con la Libia e dei respingimenti alla frontiera, è un Paese indegno.

Perché se dignità è impedire la violenza sulle donne, l’Italia dei 116 femminicidi in 365 giorni, è un Paese indegno.

Perché se dignità è diritto allo studio, lotta all’abbandono scolastico, annullamento del divario tecnologico e digitale, l’Italia con 13 giovani in età scolare su 100 che non vanno a scuola e del record europeo di giovani che non studiano né lavorano, è un Paese indegno.

Perché se dignità è rispetto per gli anziani che non possono essere lasciati alla solitudine, l’Italia che li abbandona alle cure delle famiglie – o meglio – delle donne, è un Paese indegno.

Perché se dignità è non dover essere costrette a scegliere tra lavoro e maternità, l’Italia del più basso tasso di occupazione femminile in Europa è un Paese indegno.

Perché se dignità è contrastare le povertà, la precarietà disperata e senza orizzonte che purtroppo mortifica le speranze di tante persone, l’Italia con più di un milione di bambini in povertà assoluta, con il 28% di disoccupazione giovanile, unico Paese in Europa in cui gli stipendi diminuiscono anziché aumentare, è un Paese indegno.

Perché se dignità è un Paese dove le carceri non siano sovraffollate e assicurino il reinserimento sociale dei detenuti, l’Italia con 120 detenuti ogni 100 posti in prigione, dato peggiore di tutta Europa, è un Paese indegno.

Perché se dignità è un Paese non distratto di fronte ai problemi quotidiani che le persone con disabilità devono affrontare, e capace di rimuovere gli ostacoli che immotivatamente incontrano nella loro vita, l’Italia in cui tre milioni di persone vivono recluse a causa delle barriere architettoniche è un Paese indegno.

Perché se dignità è un Paese libero dalle mafie, dal ricatto della criminalità, dalla complicità di chi fa finta di non vedere, l’Italia è un Paese indegno, e non dobbiamo nemmeno spiegare perché.

Perché se dignità è garantire e assicurare il diritto dei cittadini a un’informazione libera e indipendente, l’Italia quarantunesima al mondo nel rapporto di Reporter Senza Frontiere sulla libertà di stampa, con giornalisti minacciati dalla mafia e dai fascisti e da querele temerarie e intimidatorie, è un Paese indegno.

Perché – lo aggiungiamo noi – un Paese in cui di fronte a queste parole, non c’è nemmeno un parlamentare che ritiene opportuno, e perlomeno dignitoso, fissare in silenzio, per un secondo, la punta delle proprie scarpe, è un Paese indegno.

Francesco Cancellato, in https://www.fanpage.it/ 03 02.2022

 

Francesco Cancellato è direttore responsabile del giornale online Fanpage.it. Dal dicembre 2014 al settembre 2019 è stato direttore del quotidiano online Linkiesta.it. È autore di “Fattore G. Perché i tedeschi hanno ragione” (UBE, 2016), “Né sfruttati né bamboccioni. Risolvere la questione generazionale per salvare l’Italia” (Egea, 2018) e “Il Muro. 15 storie dalla fine della guerra fredda” (Egea, 2019)

 

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>