bacheca social

I Blanche: l’inedito che descrive la felicità di un amore

Un proiettore per Cinelinguaggi

Le donazioni raccolte attraverso la campagna #unproiettorepercinelinguaggi andranno a sostenere il progetto Cinelinguaggi per l'anno 2019. Una raccolta fondi finalizzata all'acquisto di apparecchiature adeguate all'iniziativa: un proiettore digitale con impianto audio. Ti chiediamo di prendere in considerazione l'idea di donare 5, 20, 50 euro o quello che puoi, per sostenere il nostro progetto. Puoi aiutarci donando un contributo volontario tramite carta di credito o PayPal. Per effettuare una donazione online, basta avere una carta di credito Visa, MasterCard, Postepay, American Express, Carta Aura, Maestro, Cirrus, ecc. Basta un click. Clicca sul tasto Donazione e segui le istruzioni. Dona ora!

FAI UNA DONAZIONE





Cinema. “High Life”, un’odissea spaziale del nostro tempo

By Cultura inquieta

By Cultura inquieta

All’interno del genere cinematografico della fantascienza è un sottogenere di autore più intimo che usa i mondi della distopia e l’immediato futuro come pretesti e contesti per rivelare quelle miserie umane che sono caratterizzati da istinti più primordiali e più scuro che ci definiscono

Nella stessa liena concettuale, estetico e piacevole dove già troviamo  “Moon” di Duncan Jones, “Interstellar” di Christopher Nolan o anche “Stalker” del maestro Andrej Tarkovskij, arriva “High Life” stravagante e Profondo del  regista francese Claire Denis (“Una donna in Africa”, “The Intruder”).

Sostenuto dalla critica al Festival di San Sebastián, che ha vinto il Premio FIPRESCI, e dopo aver attraversato il Toronto International Film Festival e il Festival di Sitges, “High Life” è una odissea  dello spazio piena inquietante poetica,  interpretato da Robert Pattinson, Juliette Binoche e Mia Goth.

 

Nel futuro prossimo e distopico, i criminali condannati a morte vengono riciclati come rifiuti residui e inviati nello spazio per completare due missioni; da un lato creare la vita umana per sopravvivere alle radiazioni, esperimento disumana dal Dr. Dibs (Binoche) e, in secondo luogo, per estrarre energia da un buco nero rotante che apre mille possibilità sulla terra.

Rober Pattinson, che ha dimostrato che non c’è nulla dell’attore di “Twilight” saga ,nastri indie corte come l’ultimo Cronenberg, è il Monte, il protagonista del film e il catalizzatore per tutta la tensione e il desiderio di essere che si respira nelle atmosfere claustrofobiche create dal regista.

Da parte sua, il dottor Dibs Binoche è una sorta di rovescio di Dio (forse da qui il nome del suo personaggio machiavellico), che interpreta e manipola l’equipaggio a volontà; è la presenza più enigmatica del nastro e che, muovendo le corde, stelle nelle scene più inquietanti.

Il giovane e promettente Mia Goth ( “IHighLife_10_ClaireDenis_RobertPattinson_JulietteBinoche_cine_cienciaficcion_KarmaFilms

l segreto di ossobuco” e “Suspiria”) aggiunge un altro titolo per una carriera che sta prendendo piede e chiude il trio di protagonisti che completano la forma triangolare richiesto con Dibs e Monte; nel cast secondario evidenziamo la presenza del popolare cantante André 3000.

“High Life” parlando della repressione dei desideri e istinti, la manipolazione, il dolore, e la redenzione dei peccati nel bel mezzo del nulla cosmico nei ricordi dei protagonisti galleggiano all’interno di una nave che funziona come un purgatorio finché la vita non si fa strada in un ambiente di fredda artificialità.

by Cultura inquieta

by Cultura inquieta

Il gioco cromatico e la fotografia sfocata delle scene giocano con colori caldi e colori freddi in una metafora visiva di ciò che sarebbe il paradiso e l’inferno; ed è che il bene e il male sono presenti continuamente.

Se c’è qualcosa di notevole nel nastro sordido di Denis è la provocazione e il disagio che pone allo spettatore, ma anche il messaggio finale e pieno di speranza.

Il regista francese, dando una svolta al genere, usa la fantascienza come veicolo per trasmettere un’idea universale.

Quando troviamo senso vitale, quando ci si sente come un universo freddo crivellato di buchi neri che ci portano a nulla assoluto, ci sono solo due cose che prevarranno, i nostri desideri più forti e l’amore più puro.

by Culturainquieta

HighLife_5_ClaireDenis_RobertPattinson_JulietteBinoche_cine_cienciaficcion_KarmaFilms

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>