newsletter

Red Poet (Documentary Film about Jack Hirschman)

DONAZIONE

A tutti i nostri lettori . Andremo dritti al punto: vogliamo chiederti di proteggere l’indipendenza dello Specchio Magazine. Dipendiamo da donazioni di 10 € in media ma solo una piccola percentuale dei nostri lettori ci sostiene. Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 2 €, potremmo permetterci di far crescere l’Associazione lo Specchio e le sue attività sul territorio. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è il prezzo di una colazione o di una rivista nazionale. Questa è la maniera più democratica di finanziarci. Con il tuo aiuto, non negheremo mai l’accesso a nessuno. Grazie.

CLICK E DONA

BLANCHE ACOUSTIC DUO

Porto Recanati . Rischio idrogeologico, analisi UPP

Riceviamo la nota dall’UPP

Continua l’analisi di UPP alle modifiche del Piano di Assetto Idrogeologico adottato dall’Autorità di Bacino Regionale in data 08/08/2016. Questa volta la nostra attenzione si è concentrata sull’area dell’impianto sportivo “Sovrano Ordine di Malta”.

Come molti concittadini ricorderanno, diversi anni fa, fu proprio un episodio alluvionale a danneggiare irrimediabilmente il campetto in sintetico che fiancheggia il “Monaldi”.

Nel settembre di quest’anno, il Comune ha assunto con l’Istituto per il credito sportivo un mutuo di 350.000,00 Euro per rifare il manto, e il 28 giugno sono stati appaltati i lavori (già iniziati).

Fatta questa premessa, vediamo cosa prevede il nuovo piano nell’area in questione (Tavola 39b)

Di seguito pubblichiamo le due carte del rischio, rispettivamente vigente e modificato:

immagine

Come facilmente visibile attraverso il confronto delle cosiddette “retinature”, l’area degli impianti, precedentemente esclusa, viene inserita fra le zone a rischio molto elevato (R4).

Insomma, secondo il comitato tecnico della nostra Autorità di Bacino, la pericolosità idraulica, e dunque la probabilità di accadimenti alluvionali, passa da “nulla” al massimo livello rispetto al 2004 (anno di redazione del Piano).

A questo punto ci domandiamo: è mai possibile appaltare lavori per decine di migliaia di Euro senza prevedere alcuna opera di mitigazione del rischio idraulico per scongiurare quanto già accaduto?

In caso di nuova esondazione del Potenza a pagare il conto salato saranno ancora i cittadini di Porto Recanti?

Invia un commento

Puoi utilizzare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>